Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le aziende dell’Assia meridionale sono meno disposte a innovare che mai

Le aziende dell’Assia meridionale sono meno disposte a innovare che mai

Secondo il rapporto sull'innovazione della Camera di commercio e dell'industria tedesca (DIHK), le attività di innovazione intraprese dalle aziende dell'Assia meridionale – di fatto uno dei punti di forza della regione – sono in netto calo. Anche il sondaggio congiunturale condotto all'inizio dell'anno dalla Camera dell'industria e del commercio di Darmstadt dipinge una prospettiva cupa: secondo questo l'andamento degli affari sarebbe peggiore rispetto all'autunno e la fine della crisi non sarebbe in vista.

L’economia dell’Assia meridionale non può isolarsi dalla recessione economica a cui sta assistendo la Germania. Questo è il risultato dell'attuale sondaggio economico condotto dalla Camera dell'industria e del commercio (IHK) di Darmstadt-Rhein-Main-Neckar, che ha coinvolto circa 900 aziende della regione. L'industria e i fornitori di servizi, soprattutto il commercio al dettaglio, segnalano un business più debole, mentre le cose vanno leggermente meglio nel settore edile. Molte aziende temono un ulteriore peggioramento nei prossimi mesi.

L’indice del clima imprenditoriale è al di sotto della soglia di crescita

L'IHK Business Climate Index riassume la situazione e le prospettive delle aziende. L'indice ha perso un punto rispetto all'autunno del 2023 e dodici punti rispetto all'inizio del 2023. Attualmente si attesta a 88 punti. Solo il 19% delle aziende intervistate nell'Assia meridionale giudica la propria situazione buona, il 59% soddisfacente e il 22% scarsa. Rispetto al calo, il punteggio delle imprese soddisfatte e insoddisfatte perde cinque punti. Ora è meno tre punti percentuali. “Purtroppo è stata confermata la nostra valutazione dall'autunno secondo cui la recessione si sarebbe aggravata”, così Robert Lippmann, amministratore delegato dell'IHK Darmstadt Rhein Main Neckar, valuta l'attuale sondaggio.

Tagli di posti di lavoro pianificati

READ  Laupheim opera su una settimana di quattro giorni

Le prospettive per il futuro sono appena migliorate. Solo il 12% delle aziende si aspetta che la situazione migliori, mentre il 56% ritiene che rimarrà la stessa. Tuttavia, un’azienda su tre (32%) teme un ulteriore peggioramento. Il saldo previsto è aumentato di tre punti percentuali, ma è rimasto profondamente in rosso a meno 20 punti percentuali. “Stiamo assistendo a un movimento laterale a un livello basso”, spiega l'amministratore delegato Lipman. “Per molte aziende, la base patrimoniale si è gradualmente indebolita. Ciò ha influito a lungo sugli investimenti aziendali. Ora, per la prima volta, ci troviamo in una situazione in cui le aziende devono licenziare un gran numero di dipendenti.” Solo 10 % delle aziende vuole assumere dipendenti Tuttavia, il 25% delle aziende prevede di ridurre il numero dei dipendenti o prevede di non sostituire i dipendenti che lasciano.

Le aziende dell'Assia meridionale ritengono che il rischio maggiore per lo sviluppo economico sia la domanda interna. Attualmente due aziende su tre (64%) esprimono questa opinione. Si tratta di sette punti percentuali in più rispetto all'autunno. Le imprese citano al secondo posto la qualità della politica economica (60% delle risposte, più sei punti percentuali). La critica principale è la mancanza di una linea politica orientata al business. Lo svantaggio più evidente è il pesante fardello imposto dalla burocrazia. “I rischi economici sono aumentati in modo significativo, sia in ampiezza che in intensità”, afferma Lipman, riassumendo i risultati dell’Economic Survey.

La gioia dell’innovazione è ai minimi storici

In questo contesto vale la pena notare i risultati dell’attuale rapporto sull’innovazione pubblicato dalla Camera di commercio e dell’industria tedesca (DIHK). Ciò equivale a concludere che l’entusiasmo dell’economia tedesca per l’innovazione è ai minimi storici. “Il crollo delle attività innovative è un segnale di allarme”, afferma Matthias Martini, presidente dell'IHK Darmstadt. “La valutazione speciale per l'Assia meridionale mostra che la nostra riluttanza a impegnarsi in attività innovative è addirittura maggiore della media nazionale. Ciò che rende la vita difficile per aziende innovative diventa molto chiaro nel rapporto sull’innovazione: la densità delle normative nel legislatore tedesco e la loro implementazione nei requisiti e nei processi burocratici. Quasi due terzi degli inventori (68%) condividono la valutazione secondo cui le innovazioni di solito falliscono a causa degli elevati livelli di impegno burocratico “Le intenzioni formulate nell'accordo di coalizione per un nuovo governo regionale riguardo all'innovazione e alla politica industriale non arriveranno mai abbastanza presto se vogliamo continuare a guadagnare punti nella competizione internazionale come campo economico innovativo”, chiede Martinet.

READ  Unioni e imprese: politica industriale attiva

Fonte: IHK Darmstadt-Reno-Meno-Neckar