Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ucraina: il consigliere presidenziale annuncia l’affondamento di una nave da guerra russa

DottIl consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Aristovich ha annunciato l’affondamento della nave da guerra russa “Moskva” (“Mosca”), gravemente danneggiata nel Mar Nero. “Dov’è” Moskva “? Aristovich ha scritto giovedì su Twitter e Telegram. Tuttavia, inizialmente non c’era conferma di questa affermazione. La televisione nazionale ucraina ha indirizzato il tweet di Aristovich. La Russia ha parlato solo di gravi danni.

Fonti di Kiev hanno riferito che la nave comando della flotta russa del Mar Nero è stata colpita da due missili ucraini Neptune mercoledì sera. Il ministero della Difesa russo ha confermato i danni alla nave, ma ha parlato solo di incendio e non ha fornito una motivazione. A Mosca, ha aggiunto, l’intera squadra è stata evacuata.

Secondo rapporti contrastanti, l’incrociatore missilistico è stato colpito al largo di Serpent Island, che era occupata dalla Russia, o nella baia di Sebastopoli della Crimea annessa.

Archivio di registrazione dell’incrociatore missilistico “Moskva” del 2014 che passa attraverso lo stretto del Bosforo

Fonte: pa / dpa / Can Merey

Aristovich aveva precedentemente parlato su YouTube di una “sorpresa” in connessione con la “nave principale della flotta russa del Mar Nero”. Ha detto che la nave russa Moskva ha preso fuoco.

In un post sui social media, il consigliere del ministro dell’Interno ucraino Anton Herashchenko ha indicato che la nave da guerra è stata colpita da un missile Nettuno. La gamma di sviluppo interno ucraino è di 280 km.

Leggi anche

Non è ancora finita: le forze russe prendono il controllo di importanti città e regioni in Ucraina nonostante le numerose perdite

Finora non è stato possibile verificare l’autenticità delle informazioni ucraine. Tuttavia, sotto la supervisione dell’equipaggio, è improbabile che le munizioni di una delle più importanti navi russe esplodano.

La “Moskva” di oltre 180 metri è stata varata nel 1979 ed è entrata in servizio nel 1983. Nel 2015, la nave da guerra con il suo equipaggio di 510 uomini è stata schierata nel Mediterraneo orientale per proteggere la base aerea russa di Hmeimim in Siria, secondo TASS.

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Mondo Infografico

Secondo quanto riferito, la nave da guerra trasporta 16 missili antinave P1000 Wulkan e una varietà di altri sistemi d’arma, comprese le armi anti-sottomarino.

All’inizio della guerra, quasi sette settimane fa, si diceva che “Moskva” avesse partecipato, tra le altre cose, all’invasione dell’isola ucraina dei serpenti. Gli eventi intorno a lei hanno ricevuto l’attenzione di tutto il mondo perché la “Moskva” avrebbe chiesto ai soldati ucraini di arrendersi con le parole “Questa è una nave da guerra russa”. Si diceva che i soldati avessero risposto: “Una nave da guerra russa… tu!”

Solo due giorni fa, il servizio postale ucraino ha emesso un francobollo raffigurante questo evento e raffigurante “Moskva”.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Secondo le loro stesse dichiarazioni, le forze armate ucraine hanno anche respinto otto attacchi russi nelle regioni orientali di Donetsk e Luhansk durante la notte. “I difensori ucraini in particolare hanno distrutto un carro armato nemico, quattro veicoli blindati e altri sei veicoli”, ha affermato l’esercito ucraino in una nota.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tuttavia, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, sempre più convogli militari russi si stanno dirigendo verso il sud-est dell’Ucraina. Nel suo discorso video serale, Zelensky ha affermato che gli aggressori avrebbero continuato ad attaccare con razzi, bombe e artiglieria.

Inoltre, i russi avrebbero cercato di mobilitare la popolazione ucraina nelle aree temporaneamente occupate delle regioni di Donetsk e Luhansk. “Stanno cercando di portare nelle loro fila le persone delle regioni meridionali del nostro Paese”, ha detto il presidente.

Qui troverai i contenuti di Facebook

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Alla luce di un possibile attacco russo nell’Ucraina orientale, la Gran Bretagna prevede attacchi più gravi alle infrastrutture civili nella regione. Giovedì il ministero della Difesa britannico ha affermato che “i centri urbani hanno dovuto affrontare ripetuti aspri attacchi russi durante il conflitto”. È probabile che le città di Kramatorsk e Kostyantinivka siano bersagli russi di simili violenze.

Kramatorsk è un centro regionale per l’evacuazione dei profughi di guerra. Più di 50 persone sono state uccise venerdì in un attacco missilistico contro una stazione ferroviaria della città. Kostyantynivka si trova a sud di Kramatorsk.

Nel frattempo, secondo fonti ucraine, quattro civili sono stati uccisi in attacchi aerei russi a Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina. Mercoledì il governatore distrettuale Oleg Senegobo ha dichiarato a Telegram che almeno altri 10 sono rimasti feriti. E gli “occupanti” hanno nuovamente bombardato le zone residenziali di Kharkiv.

Con una popolazione di circa 1,5 milioni di abitanti, Kharkiv è la seconda città più grande dell’Ucraina e dista solo circa 40 chilometri dal confine russo. La città è stata aspramente contesa dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio. Finora, le truppe russe non sono state in grado di catturarli.

Un vigile del fuoco spegne un incendio scoppiato dopo un bombardamento militare russo a Kharkiv

Un vigile del fuoco spegne un incendio scoppiato dopo un bombardamento militare russo a Kharkiv

Fonte: dpa / Andrew Marienko

Alla luce della prevista offensiva su larga scala della Russia nell’Ucraina orientale, l’Unione Europea e gli Stati Uniti stanno aumentando in modo significativo il loro supporto militare a Kiev. Gli Stati Uniti intendono fornire all’Ucraina altri 800 milioni di dollari in armi e munizioni, tra cui artiglieria, veicoli corazzati ed elicotteri.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato mercoledì dopo i colloqui con Zelensky che il governo di Washington continuerà a fornire all’Ucraina la capacità di difendersi.

Leggi anche

Olaf Schulz

Il governo degli Stati Uniti ha già promesso o consegnato armi per un valore di 2,5 miliardi di dollari all’Ucraina dall’inizio della guerra di aggressione russa alla fine di febbraio. Dall’inizio dello scorso anno, gli aiuti statunitensi a Kiev sono ammontati a circa 3,2 miliardi di dollari.

Altri stati membri e alleati della NATO hanno fornito all’Ucraina armi e attrezzature, tra cui Gran Bretagna e Germania. Solo mercoledì l’Unione Europea ha deciso di svincolare altri 500 milioni di euro per la consegna di armi a Kiev.

Leggi anche

Consegna di armi pesanti

“Le armi che abbiamo dato loro sono state usate dall’esercito ucraino con effetti devastanti”, ha detto Biden. “Hai aiutato in questo [der russische Präsident Wladimir] Putin non è riuscito a raggiungere i suoi obiettivi originali di conquistare e controllare l’Ucraina”.

Le nuove consegne hanno lo scopo di supportare l’Ucraina, soprattutto alla luce della temuta offensiva russa su larga scala nella regione orientale del Donbass. Oltre alle armi già consegnate, all’Ucraina verranno ora fornite capacità aggiuntive, inclusi sistemi di artiglieria e veicoli corazzati. L’Ucraina dovrebbe anche ottenere “elicotteri extra” – gli Stati Uniti hanno confermato l’ultima volta la consegna di elicotteri prima della guerra.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Evacuazioni da est e da sud

Il governo ucraino ha annunciato la riapertura dei corridoi di fuga dalla città portuale di Mariupol e da altre aree contese nell’est e nel sud del Paese. “Oggi sono previsti nove corridoi umanitari”, ha detto giovedì a Telegram il vice primo ministro Irina Vereshuk. Fonti ucraine hanno riferito che le evacuazioni sono state sospese il giorno precedente per motivi di sicurezza.

Secondo le informazioni, sarà istituito un primo corridoio di fuga tra Mariupol e Zaporizhia. Le persone saranno portate a Zaporizhia anche da Berdyansk, Tokmak ed Energodar. Si dice che altre vie di fuga portino da Severodonetsk, Lysichansk, Popasna, Hirsk e Rubyshyn a Pakhmut.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast della melaE musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  I vacanzieri in Grecia interrompono il viaggio troppo presto - altri sono costretti a dormire sulla spiaggia