Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Grave negligenza: milioni di PC eseguono un sistema operativo Windows obsoleto

“grossolana negligenza”
Milioni di PC eseguono Windows vecchio

Microsoft non supporta più Windows per utenti privati ​​dalla versione 7 in poi e le falle di sicurezza non vengono più chiuse. Tuttavia, più di tre milioni di utenti in Germania utilizzano ancora i vecchi sistemi. Gli esperti di sicurezza consigliano vivamente l’aggiornamento.

In Germania, più di tre milioni di computer eseguono una versione obsoleta e non sicura del sistema operativo Microsoft Windows. Questo è il risultato di uno studio condotto dalla società di sicurezza Eset. La maggior parte dei sistemi non protetti, 2,7 milioni di dispositivi, esegue Windows 7. I sistemi non protetti includono anche versioni precedenti di Windows Vista, Windows XP e Windows 8, che insieme possono ancora essere trovate su circa 450.000 computer.

Il supporto per Windows 8.1, attualmente ancora in uso su 1,3 milioni di PC in Germania, scadrà entro un anno. Quasi 44 milioni di utenti di Windows 10 sono al sicuro e l’ultima versione di Windows 11 non ha alcun ruolo nelle statistiche.

“L’utilizzo di software obsoleti è grave negligenza”, ha affermato Thorsten Urbanski, esperto di sicurezza di Eset. Per gli utenti privati ​​e in particolare le aziende, l’utilizzo di software di sistema obsoleti può essere costoso in caso di danni. “Una vulnerabilità, ad esempio in un sistema operativo che non è più supportato, è sufficiente perché un aggressore metta piede nella porta e acceda permanentemente al computer della vittima”.

Allo stesso tempo, Urbansky ha indicato una tendenza positiva. Molti utenti privati ​​lo hanno utilizzato l’anno scorso e hanno aggiornato i propri computer. “In un confronto annuale, ci sono circa due milioni di computer Windows meno sicuri su Internet in Germania”. Anche guardare al futuro è positivo. “L’utilizzo di Windows 8.1 è in calo e scenari horror come la fine del supporto di XP o 7 non si verificheranno nel 2023.”

Sono note centinaia di vulnerabilità sensibili

Non solo le aziende e le agenzie governative si espongono a rischi maggiori ignorando la fine del supporto per Windows 7 e altre versioni precedenti di Windows, perché semplificano gli attacchi informatici. Secondo gli esperti, chi non è interessato agli aggiornamenti viola anche il Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (GDPR). Le direttive dell’Unione Europea richiedono la considerazione di uno “stato dell’arte” durante il trattamento e l’utilizzo dei dati personali.

Windows 7 è stato rilasciato più di dieci anni fa, il 22 ottobre 2009 come successore di Windows Vista, che non ha avuto successo ed è stato utilizzato dai produttori di PC fino al 2014. Anche il successore, Windows 8, ha avuto problemi iniziali e non è riuscito a impressionare molti utenti. Pertanto, molte aziende in particolare sono rimaste fedeli a Windows 7 dopo il 2014. Tra i sistemi operativi Microsoft, Windows 7 era generalmente considerato maturo e sicuro.

Dopo la fine del supporto ufficiale da parte della società di software americana, sono state scoperte diverse vulnerabilità che non vengono più chiuse. Nel 2020, il numero ha raggiunto il picco di 388 emissioni registrate ufficialmente. L’anno scorso, il Counter Violent Extremism System, utilizzato per monitorare la sicurezza e altre vulnerabilità nei sistemi informatici, ha registrato 253 casi.

Dopotutto, le aziende e le organizzazioni possono ancora acquistare aggiornamenti a pagamento da Microsoft. D’altra parte, gli utenti privati ​​non possono più accedere agli aggiornamenti di sicurezza. Gli esperti di sicurezza avvertono che ciò potrebbe avere gravi conseguenze per l’online banking, ad esempio.

READ  L'aggiornamento del driver Nvidia porta il supporto per GeForce RTX 2060 12GB