Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Gli attacchi alla produzione russa di carburante stanno avendo un impatto

Gli attacchi alla produzione russa di carburante stanno avendo un impatto

Attacchi al tallone d'Achille della Russia


Aggiornato 1 aprile 2024 – 9:47Tempo di lettura: 3 minuti

Samara, Russia: un filmato mostra droni suicidi che colpiscono una raffineria di petrolio. (Fonte: T-Online)
Condividi su x.comCondividi su Pinterest
Condividi su WhatsApp

I nuovi attacchi ucraini all’industria della lavorazione del petrolio sembrano causare problemi a Mosca. Kiev non ha intenzione di fermarsi.

Negli ultimi mesi droni e missili ucraini hanno ripetutamente bombardato le raffinerie di petrolio russe. Alcuni anche sul suolo russo. Kiev vuole rendere più difficile il rifornimento di carburante alle forze russe, ma vuole anche indebolire l’economia russa. Sembra che ciò abbia avuto un tale successo che Mosca ora chiede rifornimenti al suo fedele alleato, la Bielorussia.

I depositi di lavorazione del petrolio e del carburante sono attualmente uno degli obiettivi principali. “Stiamo attuando sistematicamente una strategia ben calcolata per ridurre il potenziale economico della Federazione Russa”, ha detto mercoledì una fonte dei servizi segreti ucraini SBU al portale di notizie Ukrainska Pravda. “La nostra missione è privare il nemico delle risorse”. L'approvvigionamento e la produzione di carburante sono il punto debole della Russia. È importante per la guerra, ma anche per il flusso delle entrate petrolifere.

L’Ucraina sta adottando un approccio sempre più mirato. Si dice che i video dei blogger militari russi mostrino come un drone ucraino abbia colpito con sorprendente precisione una parte particolarmente importante di una raffineria a Novokuibyshevsk, interrompendo così la produzione di petrolio. Mentre in precedenza i depositi di serbatoi erano obiettivi, secondo un articolo del quotidiano Merkur, l’Ucraina ora sembra concentrata sull’arresto della produzione di carburante.

“Abbiamo usato i nostri droni. Nessuno può dirci che non ci è permesso farlo”, ha detto Zelenskyj, sottolineando che Washington non può limitare l'uso da parte dell'Ucraina di armi di propria produzione.

Il drone ucraino “Liutyi” può volare per una distanza di 1000 km

Solo il 17 marzo la sua aviazione ha volato su 12 strutture, ma secondo le informazioni russe sono stati abbattuti molti altri droni. L’attenzione sembra essere focalizzata su un drone sviluppato dalla stessa Ucraina. Si chiama “Liutyi” e pare possa volare fino a 1.000 chilometri. Secondo il sito militare ucraino Defense Express, per ogni ordigno possono essere trasportati circa 75 chilogrammi di esplosivo. Si ritiene che i Liutyi abbiano attaccato un'acciaieria a Lipetsk e un complesso di armi a Taganrog, in Russia, oltre a diverse raffinerie.

Secondo i calcoli dell'agenzia di stampa economica Bloomberg, il 12% degli impianti di lavorazione del petrolio sono stati colpiti dagli attacchi. L'Autorità statale russa per le statistiche, Rosstat, ha affermato che nella settimana terminata il 24 marzo, la produzione di benzina a livello nazionale è aumentata rispetto alla settimana precedente, quando la produzione aveva raggiunto 815.300 tonnellate, secondo la rivista americana Newsweek, ed è diminuita di circa il 7,4% a 754.600 tonnellate. Ora la Corea del Nord deve intervenire come fornitore.

Stima: il 14% della capacità produttiva è limitata

Solo da metà marzo l’Ucraina ha attaccato con droni almeno otto raffinerie di petrolio russe. Secondo fonti informate, lo scorso anno più di un quinto del petrolio raffinato russo è stato lavorato nei siti interessati. Secondo le informazioni russe, alcuni attacchi sono stati respinti e, dopo altri attacchi, le operazioni non si sono fermate se non per un breve periodo. Ma secondo i calcoli della Reuters, circa il 14% della capacità della raffineria è ora paralizzata a causa degli attacchi dei droni.

READ  Massacro di Bucha: la Cina ora alza la voce, ma non si parla di Putin

Mosca fa affidamento sulle esportazioni di petrolio e sull'industria energetica, che rappresenta circa il 30% delle entrate di bilancio del paese ed è necessaria per finanziare la guerra in Ucraina. Secondo Statista, la Russia è il terzo produttore di petrolio al mondo, rappresentando oltre il 12% della produzione globale di greggio. Gli attacchi ucraini, così come le sanzioni occidentali, stanno causando problemi a Mosca. All'inizio di marzo, le esportazioni di benzina sono state sospese per sei mesi per stabilizzare i prezzi nel paese.