Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

'Gaia BH3': Qui si nasconde un enorme buco nero: una stella cadente che ha portato alla scoperta

'Gaia BH3': Qui si nasconde un enorme buco nero: una stella cadente che ha portato alla scoperta

Scienze via Lattea

Un enorme buco nero si nasconde vicino alla Terra

Illustrazione digitale di un buco nero

Illustrazione di un buco nero: un oggetto di massa standard è stato ora scoperto nella Via Lattea

Fonte: Getty Images

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso come terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Ci sono molti buchi neri nella nostra galassia, ma ora gli scienziati hanno trovato un esemplare speciale: una stella discendente che li ha condotti sulle tracce di Gaia BH3. Il gigante impressiona per le sue enormi dimensioni e per la sua breve distanza dal pianeta blu.

DottL'oscillazione della stella ha allertato i ricercatori della presenza di un buco nero particolarmente massiccio nella Via Lattea. È il buco nero stellare più massiccio finora conosciuto nella nostra galassia Osservatorio Europeo Australe (Eso) ha sede a Garching vicino a Monaco.

La gigante, chiamata Gaia BH3, ha una massa pari a circa 33 volte la massa del nostro Sole. I buchi neri stellari trovati finora nella Via Lattea hanno in media solo dieci volte la massa del Sole, e il più grande buco precedentemente conosciuto – Cygnus X-1 – è circa 21 volte la massa del Sole. I buchi neri stellari si formano dalle stelle.

Dispensa - Questa dispensa senza data mostra una sezione grandangolare della regione che circonda Gaia BH3, il buco nero stellare più massiccio della nostra galassia.  Il buco nero in sé non è visibile qui, ma l'ambiente attorno al quale orbita la stella è al centro di questa immagine creata dalle immagini Digitized Sky Survey 2 +++ dpa-Bildfunk +++

Il buco nero Gaia BH3 non è nemmeno visibile in questa immagine, ma i suoi dintorni e la stella attorno a cui orbita sono al centro

Fonte: Picture Alliance/DPA/ESO/Digitized Sky Survey 2.

La Esso ha citato le parole dell’astronomo Pascual Panozzo dell’Osservatorio di Parigi: “Nessuno si aspettava di trovare un enorme buco nero in agguato nelle vicinanze che non è stato ancora scoperto”. “Fai questo tipo di scoperta solo una volta nella tua vita di ricerca.” Secondo Iso, il buco nero è estremamente vicino alla Terra, a una distanza di “soli” 2.000 anni luce. Un anno luce è la distanza percorsa dalla luce in un anno, ovvero 9,46 trilioni di chilometri.

READ  Invece di 2,99€: questa app relax per iPhone e iPad è ora disponibile gratuitamente

Il declino della stella ha portato alla scoperta

Gli scienziati hanno fatto questa scoperta mentre esaminavano le osservazioni della sonda europea Gaia per fornire dati. La stella compagna del buco nero è stata messa in una sorta di movimento rotatorio dalla sua massiccia compagna, ed è stato evidente.

Le analisi per la nuova scoperta sono state eseguite in La rivista specializzata “Astronomia e Astrofisica” pubblicato. La missione Gaia dell'Agenzia spaziale europea (ESA) mira a registrare le posizioni, i movimenti, le distanze e la luminosità di quasi due miliardi di oggetti celesti.

Leggi anche

Le due sonde Voyager furono lanciate nel 1977 su due percorsi diversi

I buchi neri sono oggetti con una gravità così forte che nemmeno la luce può sfuggire. Si formano quando grandi stelle con una massa pari a diverse volte quella del nostro Sole esplodono sotto forma di supernova alla fine della loro esistenza e la stella rimanente collassa.

Oltre ai buchi neri stellari, ci sono buchi neri supermassicci che si sospetta esistano al centro della maggior parte delle galassie. Questi buchi neri possono avere una massa miliardi di volte superiore a quella del nostro Sole. L'oggetto più massiccio nella nostra galassia è Sagittarius A* al centro della Via Lattea, che è circa quattro milioni di volte la massa del Sole.