Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il Premio del Cinema Tedesco va a “La Morte”

Il Premio del Cinema Tedesco va a “La Morte”

“La morte” del regista Matthias Glasner Parlando di una famiglia distrutta, ha vinto il premio Lola d’Oro al Premio del cinema tedesco. Lo ha annunciato venerdì sera a Berlino l’Accademia tedesca del cinema. IL Il film di tre ore ha vinto quattro premiOltre alla migliore colonna sonora (Lorenz Dangel), Corinna Harfouche è stata premiata come migliore attrice e Hans-Uwe Bauer è stato premiato per il miglior ruolo non protagonista maschile.

“La morte” è un dramma complesso e, soprattutto, crudele. Ma contrariamente a quanto suggerisce il titolo, la parola significa “morte”. In effetti, è un film sulla vita in tutti i suoi aspetti: Amore, dolore, perdita, morte e nascita. Il punto di partenza è la morte di padre Gerd (Bauer), che soffre di demenza. IL I Lunie sono costretti a confrontarsi di nuovo. Amore, affetto e calore del cuore sono parole estranee per loro. La situazione si aggrava quando diventa chiaro che anche la madre (Harfouche), affetta da una grave malattia, si sta avvicinando alla fine della sua vita.

Ritirando il premio, il regista Glasner ha detto sul palco: “Devo ammettere che è stata una serata davvero emozionante. A dire il vero sono piuttosto terrorizzato”. Si è congratulato con l’attore Lars Edinger, nominato come miglior attore per “Die”, tramite collegamento video in diretta.

IL Il film storico “The Fox” di Adrian Guyger parla della strana relazione tra un soldato e una volpe durante la seconda guerra mondiale Lola ha vinto la medaglia d’argento. L’attore Simon Murzi ha vinto il premio come miglior attore. Il premio “Lola in Bronze” è andato al thriller politico “I’m Dead Winkle” della regista Ayşe Bulat. Il regista ha vinto anche il premio per la migliore regia e la migliore sceneggiatura.

READ  Let's Dance 2024: nominati per la stagione 17
L’ex regista della Berlinale Dieter Kosslick consegna all’attrice Hanna Schygulla un premio onorario ai German Film Awards.

© Agenzia stampa tedesca/Sebastian Christoph Gollno

IL L’austriaca Adele Neuhauser ha vinto il ruolo di Lola come migliore attrice non protagonista Nel dramma “15 anni” ha portato a casa. Il German Film Award è uno dei premi più importanti del settore.

Nomine e premi sono In totale sono stati assegnati a nuovi progetti circa tre milioni di euro. Il denaro arriva dall’abitazione del segretario di Stato alla Cultura Claudia Roth (Verdi). Per la cerimonia di premiazione sono stati invitati al teatro Potsdamer Platz circa 1.600 ospiti. Tra i premiati figurano l’attrice recentemente candidata all’Oscar Sandra Holser e il regista del film candidato all’Oscar The Teacher’s Room, Ilker Çatak.

Rispetto all’anno scorso c’era Non esiste un vincitore chiaro. Nel 2023, il film “The Teacher’s Room” ha vinto altri quattro premi oltre al premio “Golden Lula” per il miglior lungometraggio, e il film contro la guerra “Nothing New in the West” del regista Edward Berger, che ha vinto quattro premi agli Academy Awards, Ha anche vinto nove premi.

Laureato Onorario 2024, Hanna Schygulla si è persa sul palco e ha provocato risate E un pubblico divertente. L’Accademia cinematografica tedesca ha premiato l’attrice ottantenne per il suo eccezionale contributo al cinema tedesco. “Un grande onore. Prima odiavo assolutamente quella parola. Ma ora sento che fa bene anche a me”, ha detto Szygula (“Il matrimonio di Maria Braun”).

Quando gli organizzatori hanno suonato la musica per segnare la fine del discorso, Schygulla è rimasto sul palco. Ha detto che, essendo un’icona, le piace anche distinguersi dalla massa.

READ  L'ancora di RTL Lola Webert mostra una foto rivelatrice

IL Margot Friedlander, sopravvissuta all’Olocausto Lanciate un appello urgente ai cineasti. “Quando sono tornato 14 anni fa, non avrei mai immaginato quello che stava succedendo pubblicamente adesso”, ha detto il 102enne “Ci sono molti narratori in questa stanza. “È vostra responsabilità usare il potere del cinema per garantire che qualcosa del genere non accada mai più”, ha detto. (Dpa)