Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Entro il 2050 le principali città americane scompariranno

Entro il 2050 le principali città americane scompariranno

  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Trentadue città costiere, tra cui New York e Miami, dovrebbero aspettarsi regolari e devastanti inondazioni. © Collezione Everett Per gentile concessione di www.imago-images.de

Uno studio attuale dipinge un quadro scioccante: entro il 2050, undici grandi città della costa americana potrebbero scomparire sotto masse d’acqua. Il motivo è un’alleanza empia.

Washington – New York, New Orleans, Miami, Los Angeles: circa il 30% della popolazione degli Stati Uniti vive sulle coste dell'Atlantico, del Golfo del Messico e del Pacifico, e questa tendenza è in aumento. Ciò potrebbe cambiare in modo significativo molto presto. I ricercatori ora hanno uno studio sulla famosa rivista Nature ha pubblicato che prevede che undici grandi città sulla costa americana scompariranno entro il 2050. Trentadue città costiere, tra cui New York e Miami, dovrebbero aspettarsi regolari e devastanti inondazioni. Attraverso il loro rapporto, essi invitano i politici statunitensi ad adottare subito le misure necessarie, ma spiegano anche perché un problema sociale strutturale potrebbe chiaramente spingere il paese verso il disastro.

Il cambiamento climatico causerà inondazioni catastrofiche sulle coste americane

New Orleans, 29 agosto 2005: l'uragano Katrina ha colpito la costa del Golfo degli Stati Uniti, provocando una devastazione di dimensioni senza precedenti. L'onda alta sei metri spinta dalla tempesta sta sommergendo l'80% di New Orleans. Un milione di persone sono fuggite dalla capitale e dalle vicine città costiere del nord e 1.500 persone hanno perso la vita. “New Orleans è come una vasca da bagno senza scarico”, disse all’epoca alla CNN Steven Nelson, professore di geologia alla Tulane University di New Orleans. Ancora oggi, 17 anni dopo, ci sono ancora aree della Louisiana e del Mississippi che non si sono ancora riprese dal disastro naturale. Alcune infrastrutture rimangono gravemente danneggiate.

Previsioni cupe: le coste degli Stati Uniti dovranno affrontare gravi inondazioni entro il 2050

Costa atlantica Da 773 a 951 km² di inondazioni dovute alle maree
Spiaggia del Golfo Da 528 a 826 km² di inondazioni dovute alle maree
Costa Pacifica Da 20 a 40 km² di inondazioni dovute alle maree

Per il gruppo di ricerca, l’uragano Katrina e le sue conseguenze sono un modello di cosa aspettarsi sulla costa degli Stati Uniti fino al 2050. I ricercatori vedono la ragione di tali scenari apocalittici in due fattori che interagiscono sfavorevolmente: da un lato, il livello del mare lungo la costa degli Stati Uniti aumenteranno sicuramente da 0,25 a 0,3 metri entro il 2050. D'altra parte, c'è un altro fenomeno che generalmente non riceve molta attenzione: il cosiddetto cedimento del terreno.

Undici città costiere degli Stati Uniti rischiano l’estinzione entro il 2050 a causa dei cambiamenti climatici

Nel presente studio, i ricercatori hanno combinato le previsioni del movimento verticale della terra (l’innalzamento e l’abbassamento della terra) con l’innalzamento del livello del mare. Il risultato è che undici città costiere sono ad alto rischio di inondazioni. La costa del Golfo e le sue principali città, New Orleans e Miami, sono particolarmente colpite. Lo studio prevede che l’area colpita dall’inondazione raggiungerà circa 826 chilometri quadrati.

Lo studio conclude che la politica americana sta facendo troppo poco per affrontare il disastro imminente. Delle dieci città costiere degli Stati Uniti esaminate in questo studio (esclusa Miami), solo tre hanno sistemi di argini. Secondo i ricercatori, per proteggere le persone dalle inondazioni sono necessari sistemi di protezione dalle inondazioni, dighe e strategie – finora le ambizioni politiche in questo senso sono state piuttosto basse. Questa potrebbe non essere una coincidenza.

Tra tutti i luoghi, una delle regioni strutturalmente più vulnerabili degli Stati Uniti, la costa del Golfo, è quasi del tutto incapace di difendersi dalle conseguenze del cambiamento climatico e dalla minaccia di inondazioni. Vi vivono principalmente gruppi minoritari: persone che si identificano come neri e latinoamericani. Nelle aree più vulnerabili, i cittadini neri americani costituiscono oltre il 60% della popolazione. Secondo diversi studi scientifici, citati anche nel presente studio, i gruppi di popolazione emarginati e a basso reddito incontrano grandi difficoltà nell’adattarsi ai pericoli esistenti e nel riprendersi dalle catastrofi naturali. Gli aiuti per la ricostruzione non sono arrivati ​​e i tassi di disoccupazione e di senzatetto rimangono costantemente elevati. Lo studio sulle inondazioni conclude inoltre che il cambiamento climatico aumenta la disuguaglianza.

Elezioni americane quest’anno: le prospettive per la lotta al cambiamento climatico sono negative

Quest’anno gli Stati Uniti eleggeranno un nuovo presidente. Il presidente Joe Biden ha fatto del cambiamento climatico una questione centrale nella sua campagna elettorale. I repubblicani la prendono solo parzialmente sul serio. Il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump non crede nei punti critici e nei cambiamenti di vasta portata causati dal cambiamento climatico. Ha già annunciato che annullerà tutto ciò che il presidente Biden ha avviato sulla protezione del clima durante il suo mandato. I numeri dei sondaggi di Trump sono attualmente alti. Pertanto, non è improbabile che lo studio e l’avvertimento ad esso associato rimarranno inascoltati.

READ  La fine dell'obbligo della mascherina nelle scuole: un virologo anziano pensa che sia 'prematura e stupida'