Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stanchi dopo l'inverno?  Controlla i tuoi livelli di vitamina D!

Stanchi dopo l'inverno? Controlla i tuoi livelli di vitamina D!

12 marzo 2024, 16:39

La vitamina D è importante per molti processi metabolici. Come viene ricevuto? Cosa succede se c’è una carenza? Come si possono misurare i livelli di vitamina D? Il medico di medicina generale Dott. Carsten Lekotat spiega.

A cura della redazione per economia e consulenza

Perché la vitamina D è importante?

medico. Carsten Lekotat: La vitamina D non è solo una vitamina, è innanzitutto un ormone. È importante per molti processi metabolici, come la salute delle ossa. Garantisce che non soffriamo di osteoporosi. È importante anche per la resistenza all’insulina, che è importante per i diabetici. In pratica, vediamo che le infezioni si verificano più frequentemente con carenza di vitamina D. Sappiamo che le persone sono più malate e hanno un tasso di mortalità più elevato.

La vitamina D ha effetti anche sull’umore e sul sonno. La carenza di vitamina D può anche essere causa di stanchezza persistente, debolezza generale o umore depresso.

Maggiori informazioni sugli effetti della vitamina DLa vitamina D svolge un ruolo centrale in molti processi metabolici. Regola l'equilibrio di calcio e fosfato e garantisce la mineralizzazione ossea. Migliora la funzione muscolare, migliora le loro prestazioni e rafforza il sistema immunitario che combatte virus e batteri.

In quale stagione dovrebbero essere misurati i livelli di vitamina D?

Non esiste il momento giusto. Tutto quello che devi fare è sapere quando lo hai misurato e valutato. Dopo l’estate, i miei livelli di vitamina D nel sangue sono più alti di quanto lo siano dopo l’inverno. La vitamina D rimane nel corpo per molto tempo e possiamo conservarla per circa sei mesi. Pertanto, è importante in qualsiasi momento dell’anno misurare il livello di vitamina D.

Quanto dovrebbe essere alto il livello di vitamina D?Il valore indicativo è di 50 nanomoli di idrossivitamina D per litro di siero sanguigno. Questo è indicato come sottoofferta; Se sono inferiori a 25-30 nmol, c'è una carenza.

Quali alimenti contengono vitamina D?

Una quantità relativamente elevata di vitamina D si trova nei pesci marini grassi e nelle uova. Tuttavia, il contenuto di vitamina D degli alimenti è generalmente troppo basso perché il fabbisogno possa essere soddisfatto attraverso il cibo. Ciò non può essere fatto senza ricevere abbastanza luce solare o assumere prodotti alternativi, se necessario.

Tuttavia, il contenuto di vitamina D negli alimenti è così basso che il fabbisogno non può essere soddisfatto attraverso il cibo.

In che modo gli integratori vitaminici aiutano? Dove sono i rischi?

Gli integratori vitaminici sono utili e sicuri in caso di carenza. Sono alternative alimentari. Se il mio livello di vitamina D è troppo basso, i preparati sostitutivi non hanno effetti collaterali perché lo sto solo normalizzando.

Tuttavia, se si raggiunge il limite superiore e poi si ingeriscono troppe unità extra di vitamina D, potrebbero verificarsi problemi con il metabolismo del calcio. In questo caso, ad esempio, il contenuto di calcio può essere troppo elevato e ciò può causare danni ai reni. A causa del restringimento dei vasi sanguigni possono verificarsi battito cardiaco irregolare, nausea, vomito e persino un infarto.

La vitamina D è un ormone. Dovresti assumere integratori vitaminici solo quando conosci la tua posizione e quindi misurarli in anticipo. È importante farlo sotto controllo medico.

I costi per la misurazione dei livelli di vitamina D sono pagati dall’assicurazione sanitaria?

Le compagnie di assicurazione sanitaria non coprono gli esami del sangue a meno che tu non abbia una carenza comprovata e desideri verificare che il trattamento funzioni. Se vuoi saperlo tu stesso, devi pagarlo tu stesso. Le farmacie lo offrono di tanto in tanto, anche se non è nel loro programma regolare. Puoi anche andare in uno studio medico. Di solito viene quindi inviato a un laboratorio e lì analizzato. Il costo è di circa 30-35 euro per il test.

Cosa danneggia i livelli di vitamina D?

Pochissimo sole. Sappiamo che la vitamina D riduce lo stress. Ci sono alcuni farmaci a cui dovresti prestare attenzione, soprattutto quando si tratta di antidepressivi. La mancanza di sonno dovrebbe essere evitata. Questi sono i tipici ladri di vitamina D.

Come viene prodotta la vitamina D nel corpo?A rigor di termini, la vitamina D non è affatto una vitamina, ma un ormone perché il corpo la produce da solo. Il precursore si forma nella pelle con l'aiuto dei raggi ultravioletti a onde corte del sole. Ecco perché è chiamata anche la “vitamina del sole”. Viaggia dalla pelle attraverso il flusso sanguigno fino al fegato e viene ulteriormente convertito. La vitamina D viene infine prodotta nei reni e distribuita in tutto l'organismo attraverso il sangue.

A cosa dobbiamo prestare attenzione quando ci esponiamo alla luce solare?

Più luce solare assorbo attraverso la pelle, più vitamina D viene prodotta. Ma non dimenticare di proteggerti dai raggi del sole, poiché questo proteggerà la tua pelle dal cancro della pelle. Ma questo a sua volta rende più difficile l’assunzione della vitamina D. Questo è il grosso problema. Come sempre: bisogna trovare l'equilibrio in qualche modo. Suggerimento: le prime ore di luce solare sono il miglior integratore di vitamina D con i minori rischi.

Quanto è importante il tipo di pelle?

Se mettiamo due persone nello stesso posto al sole per 15 minuti, produrranno quantità diverse di vitamina D perché hanno tipi di pelle diversi, pelle diversa prima dell'abbronzatura o cosmetici che usano. Per questo motivo la raccomandazione generale di prendere il sole per 15 minuti tre volte alla settimana non è necessariamente saggia. Non puoi sapere esattamente di cosa hai bisogno individualmente se non misuri il tuo livello di vitamina D.

Buono a sapersiLa pelle scura è un vantaggio per le persone vicino all’equatore. I pigmenti della pelle proteggono dai forti raggi ultravioletti. Alle latitudini settentrionali, la pigmentazione è più dannosa perché la luce solare è più debole e la pelle è meno capace di produrre vitamina D. Questo è anche uno dei motivi per cui nel corso dell’evoluzione le popolazioni del Nord hanno la pelle più chiara.

Maggiori informazioni su vitamina D, sole e vitamine

Questo argomento nel programma:TV MDR | MDR a 4 | 05 marzo 2024 | Alle 17:00

READ  Corona: un nuovo studio! La luce solare limita la diffusione del virus: la luce UV riduce il valore R fino allo 0,65%