Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dovresti assumere più vitamina D in inverno?

Dovresti assumere più vitamina D in inverno?

  1. tz
  2. consumatore

Insiste

Chi sta seduto molto e trascorre poco tempo all’aria aperta spesso soffre di carenza di vitamina D. Una preparazione adeguata può aiutare, ma altri fattori sono più importanti.

KASTLE – Dall'esaurimento e dall'affaticamento fino ai forti dolori articolari e all'umore depresso, i medici sentono spesso tali sentimenti nei loro studi. Se ai pazienti viene chiesto se si siedono molto, fanno poco esercizio fisico all’aria aperta e magari non seguono una dieta equilibrata, spesso devono concordare con i medici curanti. I sintomi sono spesso autoinflitti e possono essere, ad esempio, un segno di carenza di vitamina D.

Centinaia di migliaia di persone in questo paese soffrono di questa carenza. Soprattutto nei mesi invernali, molte persone soffrono di carenza di questo importante nutriente. Lo sa anche Heike Sander, direttrice regionale del Barmer Alternative Fund Bassa Sassonia E Brema. “Chi è nella stagione buia […] “Se non esci abbastanza spesso, potresti avere temporaneamente poca vitamina D nel tuo corpo”, dice Sander.

Carenza di vitamina D: esercizio fisico, dieta e aria fresca

La carenza di vitamina D a volte può essere prevenuta seguendo una dieta sana ed equilibrata. Si trova soprattutto nell'olio di fegato di merluzzo, nei pesci marini grassi come il salmone o lo sgombro e nelle frattaglie come i reni e il fegato. La vitamina del sole si trova anche nei funghi commestibili e nelle uova. Tuttavia, è difficile coprire il proprio fabbisogno vitaminico esclusivamente attraverso il cibo.

Carenza di vitamina D: se ti siedi molto, non trascorri molto tempo all'aria aperta e segui una dieta sbilanciata, i tuoi livelli di vitamina D dovrebbero essere controllati se hai determinati sintomi. (Avatar) © nialowwa/immago

Ecco cosa puoi fare se hai una carenza di vitamina D:

  • Tra marzo e ottobre, dovresti esporre il viso, le mani e le braccia al sole senza copertura e senza protezione solare due o tre volte alla settimana. Fare attenzione a non scottarsi.
  • Un altro modo per migliorare il tuo stato di vitamina D è assumere integratori Società tedesca di nutrizione Ciò è raccomandato se il miglioramento dello stato della vitamina D non può essere raggiunto né attraverso l’autosintesi né attraverso la dieta.
  • Consultare sempre un medico quando si assumono preparati per evitare un sovradosaggio di vitamina D.
  • Acquista alimenti che contengono elevate quantità di vitamina D. Questi includono, ad esempio, pesci marini grassi e alcune delle loro frattaglie, funghi commestibili e uova.

    Fonte: Istituto Robert Koch (RKI)

Chiunque sia preoccupato di avere una carenza di vitamina D dopo i mesi invernali deve sottoporsi a un esame del sangue. Lo stato della vitamina D viene determinato ad alta voce RKI Misurando la 25-idrossivitamina D, breve 25(OH)D, nel siero del sangue. Quando dovresti rispondere se hai sintomi. Il tuo medico ti aiuterà a decidere se dovresti assumere ulteriori integratori di vitamina D e con quale dose e frequenza.

Carenza di vitamina D dopo i mesi invernali: le donne sono più colpite degli uomini

Secondo uno studio da lui condotto Istituto Robert Koch (RKI), condotto tra il 2003 e il 2006, circa il 12,5% dei bambini e degli adolescenti e il 15,2% degli adulti in Germania soffrono di carenza di vitamina D. Tuttavia, l’RKI sottolinea che questi valori vengono misurati in modo selettivo. Ciò non indica una grave carenza a lungo termine. Perché: Secondo l’RKI, l’approvvigionamento di vitamina D è soggetto a “forti fluttuazioni stagionali”..

La vitamina D richiede una prescrizione?

Dipende dal livello di dose. Secondo i difensori dei consumatori, per il trattamento di malattie approvate possono essere prescritti preparati di vitamina D ad alte dosi a spese dell'assicurazione sanitaria. I preparati di vitamina D soggetti a prescrizione possono essere prescritti solo per il trattamento del rachitismo, dell'osteomalacia o dell'ipoparatiroidismo e per uso singolo nel trattamento iniziale della carenza di vitamina D a spese dell'assicurazione sanitaria pubblica (CGA).

Se i preparati da banco sono necessari dal punto di vista medico, appropriati e sufficienti per trattare la carenza di vitamina D, dovrebbero essere prescritti principalmente a spese del paziente. Per gli integratori alimentari, tuttavia, è forte Giornale dei farmacisti tedeschi (DAZ) Non è specificata alcuna quantità massima.

Fonte: Centro consulenza consumatori, Integratori alimentari Klartext/Daz

Secondo l’Istituto RKI, il 30,2% degli adulti in questo paese non assume abbastanza vitamina D. In molti casi ne sono colpite soprattutto le persone di età superiore ai 65 anni (donne: 32,9%, uomini: 26,6%) e, rispetto alla popolazione complessiva, più donne (29,7%) che uomini (30,8%). A volte. (sei)

READ  Corona a Monaco: il tasso di infezione è in calo - un nuovo allentamento dei requisiti della museruola