Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'invasione spinosa: come il pesce leone sta conquistando il Mediterraneo

L'invasione spinosa: come il pesce leone sta conquistando il Mediterraneo

Scienze Invasione spinosa

Come fa il pesce leone a invadere il Mediterraneo?

Pesce leone nel Golfo di Aqaba

Il pesce leone (Pterois volitans) è originario del Mar Rosso e dell'Oceano Indiano

Fonte: Image Alliance/Shunning

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso come terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il Mar Mediterraneo è un ecosistema unico. Ma sta diventando sempre più caldo e quindi attraente per i pesci predatori impressionanti. Uno studio ora mostra come si diffonde lì e diventa quindi un pericolo per le persone.

MCon le sue strisce distintive e la pinna dorsale spinosa, il pesce leone attira l'attenzione di acquariofili e subacquei. Ma negli ultimi anni il predatore tropicale è stato avvistato sempre più spesso nel Mar Mediterraneo: un’invasione che non solo minaccia la biodiversità, ma rappresenta anche un pericolo per l’uomo. In uno studio pubblicato sulla rivista “Neobiota“È stato pubblicato e la diffusione di questo invasore è stata studiata.

READ  Malattia coronarica: cosa puoi fare al riguardo?

Il Mar Mediterraneo sta diventando sempre più caldo – e questo avvantaggia alcune specie che migrano nel delicato ecosistema. Secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi, il pesce leone, in particolare il pesce leone indiano (Petrois Miles).

Leggi anche

Da diversi anni in Germania il formaggio e il latte di capra sono particolarmente richiesti

“Dopo anni di studio di questi pesci predatori, trovo sorprendente la facilità con cui riescono ad adattarsi a molti ambienti diversi e prosperare in aree molto diverse da quelle in cui si sono evoluti”, afferma l'autore principale Davide Botaccini in un avviso di citazione.

Questi animali, provenienti dalla regione indo-pacifica, rappresentano una minaccia per gli ecosistemi del Mediterraneo perché consumano grandi quantità di specie autoctone, comprese quelle che si trovano solo lì. Poiché questi pesci non sono abituati ai predatori, generalmente non fuggono, spiega Botaccini. “È sempre impressionante vedere come un predatore così costoso e impossibile da non notare possa avvicinarsi alla sua preda senza essere notato”.

Il Mediterraneo, essendo il più grande mare chiuso sulla Terra, ospita un ecosistema unico che comprende più di 11.000 specie animali, alcune delle quali non possono essere trovate in nessun'altra parte del mondo, scrivono i ricercatori nello studio. Studi genetici hanno dimostrato che il pesce leone invasivo proviene dal Mar Rosso e si è fatto strada attraverso il Canale di Suez.

Leggi anche

Turbine eoliche, energia eolica, produzione di combustibile ed energia,

Conservazione della natura contro progetti di costruzione

Il pesce tropicale, lungo fino a 45 cm, con la sua pinna dorsale spinosa e il sorprendente motivo a strisce, è molto popolare negli acquari per il suo aspetto sorprendente. Tuttavia, essendo una specie invasiva in natura, il pesce provoca danni significativi a tutte le acque in cui migra. Secondo il Organizzazione per la protezione dell'ambiente WWF Mangiano grandi quantità di pesce e crostacei locali e il loro stomaco può espandersi fino a 30 volte la dimensione originale.

READ  Studi promettenti: come funzionano i vaccini contro il cancro a mRNA?

Esperienze provenienti da altre parti del mondo mostrano quanto possano essere dannosi i pesci leone, secondo il WWF: “Alle Bahamas, un aumento del 40% del numero di pesci leone tra il 2004 e il 2010 è stato associato a un calo del 65% delle loro specie di prede”.

Lo studio attuale, per il quale il gruppo di ricerca ha esaminato i dati scientifici esistenti, è giunto alla conclusione che il pesce leone si è insediato principalmente nella parte orientale del Mar Mediterraneo. Ciò è stato confermato anche da un sondaggio condotto su centinaia di centri di immersione nelle acque. L'indagine, insieme ai dati di altri studi, mostra anche che questa specie si sta diffondendo verso ovest e verso nord e ora viene osservata anche in acque più fredde che prima si riteneva non adatte a questa specie.

Leggi anche

Il salmone è la cotoletta dei mari

Il primo pesce è stato catturato nel Mediterraneo al largo delle coste di Israele nel 1991, ma il successivo non è stato catturato fino al 2012 al largo delle coste del Libano. Nel 2015, diversi esemplari sono stati segnalati al largo delle coste di Turchia, Cipro, Grecia e Italia e nel 2016 i pesci leone sono stati finalmente classificati per la prima volta come specie invasiva.

Lo studio rileva che gli effetti precisi dell’invasione sulla biodiversità nel Mediterraneo non sono stati ancora adeguatamente studiati: “Si tratta di una grave lacuna di conoscenza sia per gli ecologisti che per i politici”. Qui è necessario condurre studi a lungo termine sugli stock ittici.

Lo studio sottolinea inoltre il ruolo centrale dei gruppi comunitari nel monitorare e segnalare gli avvistamenti di pesci leone: ciò fornirebbe dati preziosi per la ricerca in corso.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Non bisogna però avvicinarsi troppo agli animali: le lunghe spine della pinna dorsale contengono un veleno molto forte, simile a quello del cobra, secondo “Un libro di testo per i subacquei ricreativiDall'Istituto di Oceanografia dell'Università di Amburgo. La puntura può causare bruciore, dolore insopportabile nella zona del sito della puntura e grave gonfiore. Nei casi più gravi c'è il rischio di difficoltà respiratorie, collasso circolatorio, svenimento e raramente anche la morte.

READ  L’emozionante scoperta accidentale potrebbe rivoluzionare le batterie delle auto elettriche e simili