Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo il terrorismo Isis a Bruxelles: la Svezia pensa di ostacolare alcuni gruppi di immigrati

Dopo il terrorismo Isis a Bruxelles: la Svezia pensa di ostacolare alcuni gruppi di immigrati

Dopo il terrorismo Isis a Bruxelles
La Svezia intende creare ostacoli per alcuni gruppi di immigrati

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

L’uccisione di due tifosi di calcio svedesi da parte di un richiedente asilo respinto a Bruxelles ha avuto un impatto sul governo di Stoccolma. I leader della coalizione di destra vogliono rendere più difficile l’accesso ai benefici sociali per alcuni gruppi di immigrati.

Il governo di destra svedese vuole rendere più difficile l’accesso ai benefici sociali per gli immigrati non europei. “Dal 2012, più di 770.000 persone sono emigrate in Svezia da paesi al di fuori dell’UE e del SEE”, hanno affermato i leader della coalizione tripartita e dell’estrema destra Democratici svedesi, che tollera il primo ministro Ulf. Il governo di minoranza guidato da Kristersson è un articolo d’opinione per il quotidiano “Dagens Nyheter”.

“In combinazione con una politica di integrazione che non imponeva quasi alcuna richiesta (agli immigrati) e non forniva incentivi per l’integrazione nella società, l’immigrazione su larga scala ha creato una Svezia divisa”, hanno scritto i leader del partito, lamentando “la segregazione razziale, l’esclusione sociale, la disoccupazione e la scarsa istruzione”. .” Prestazioni e mancanza di valori svedesi comuni”.

Ci sono anche “grossi problemi” con le persone nate all’estero che sono disoccupate e vivono a spese dello Stato, dice il giornale. Gli autori non hanno fornito numeri specifici. Secondo le loro stesse dichiarazioni, vogliono limitare le prestazioni sociali per i cittadini extra-UE e non-SEE in modo che in futuro non ricevano molti benefici come assegni familiari, indennità di alloggio, indennità di disoccupazione, indennità di malattia e indennità parentale. Inoltre, a questo gruppo di immigrati dovrebbe essere richiesto di imparare la lingua svedese e cercare lavoro.

Violenza tra bande come risultato di una “politica di immigrazione irresponsabile”

Dagli anni ’90 la Svezia, con una popolazione di 10,3 milioni di abitanti, accoglie molte persone provenienti da paesi in crisi come l’ex Jugoslavia, l’Afghanistan, la Siria, l’Iraq e la Somalia. Il mese scorso, il primo ministro Kristersson ha attribuito la recente violenza dilagante delle bande svedesi a “una politica di immigrazione irresponsabile e un’integrazione fallita”.

Ha suscitato polemiche anche l’uccisione di due tifosi di calcio svedesi in un attacco di matrice islamica a Bruxelles all’inizio della settimana. Oltre che in Belgio, l’imputato tunisino ha chiesto asilo, senza successo, anche in Norvegia, Svezia e Italia, ma non è stato espulso.

READ  Omikron: il capo di Biontech fiducioso che la vaccinazione protegga dalle mutazioni