Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona: questo sintomo colpisce circa la metà dei pazienti Covid

Il virus viene escreto dal corpo, ma i sintomi persistono, in alcuni casi settimane o addirittura mesi. Uno studio ha dimostrato quali disturbi neurologici sono più spesso colpiti dai pazienti Corona.

Anche all’inizio della pandemia Corona, si è appreso che la malattia di Covid-19 non colpisce solo il sistema respiratorio, ma può anche causare una vasta gamma di sintomi neurologici ed effetti collaterali.

Numerosi rapporti e studi indicano che disturbi neurologici come disturbi dell’olfatto e del gusto, mal di testa, dolori muscolari e la cosiddetta sindrome da affaticamento (affaticamento permanente e esaurimento) si verificano spesso durante la malattia.

Inoltre, secondo la Società tedesca di neurologia (DGN), la cosiddetta encefalopatia (disturbi della coscienza e disturbi della funzione cerebrale) si verifica frequentemente, soprattutto nei casi più gravi. un delirio È un sintomo di Covid-19, soprattutto negli anziani, secondo il DGN. Complicazioni neurologiche pericolose per la vita possono verificarsi anche durante o immediatamente dopo la malattia COVID-19, inclusa confine O la sindrome di Guillain-Barré.

Nuovo studio statunitense sui sintomi neurologici in Covid-19

Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università di Pittsburgh (USA) ha dimostrato che otto persone su dieci che hanno dovuto essere trattate in ospedale a causa del Covid-19 hanno sviluppato problemi neurologici. Secondo lo studio pubblicato sulla rivista in lingua inglese “JAMA Network Open”, il rischio di morte è anche sei volte superiore a quello dei pazienti senza queste complicazioni neurologiche.

“Molto presto durante la pandemia, è diventato evidente che un gran numero di persone abbastanza malate da essere ricoverate in ospedale aveva anche problemi neurologici”, ha detto l’autore dello studio Sherry Chu, professore di medicina di terapia intensiva, neurologia e neurochirurgia presso l’University College di Pittsburgh. medicinale.

READ  L'elevato consumo di caffè riduce il volume del cervello

“Un anno dopo, stiamo ancora combattendo un nemico invisibile che è sconosciuto e, come in ogni battaglia, abbiamo bisogno di informazioni – abbiamo bisogno di sapere il più possibile sugli effetti neurologici del Covid-19 su pazienti e sopravvissuti con malattie attive. “

L’encefalopatia acuta è il sintomo più comune

I ricercatori hanno esaminato casi gravi di Covid in tutti i continenti tranne l’Antartide. Del gruppo di 3.744 pazienti adulti con Covid 19 ospedalizzati, l’82% presentava sintomi neurologici:

  • Circa quattro persone su dieci hanno affermato di avere mal di testa
  • Circa tre su dieci si sono lamentati di aver perso l’olfatto o il gusto.
  • Quasi la metà dei pazienti soffre di grave encefalopatia (disfunzione cerebrale),
  • Il 17 per cento è in coma e
  • Il sei percento ha avuto un ictus.

“L’encefalopatia acuta è di gran lunga il sintomo più comune che vediamo in clinica”, ha detto Chu. “Questi pazienti possono essere in uno stato sensoriale alterato, o avere una coscienza ridotta, oppure potrebbero non sentirsi normali e comportarsi confusi, deliranti o ansiosi”.

Sebbene le preoccupazioni iniziali Corona virus Attaccando direttamente il cervello e provocando gonfiore e infiammazione del cervello, questi eventi erano molto rari, secondo i ricercatori. Si è verificato in meno dell’uno per cento dei ricoverati Covid-19Pazienti.

Gli effetti neurologici a lungo termine dovrebbero essere ulteriormente studiati

Il DGN vede un grande bisogno di ricerca a causa della frequenza e della gravità dei sintomi neurologici. “Gli effetti neurologici a lungo termine colpiscono un’alta percentuale di pazienti con Covid-19 e dobbiamo fornire assistenza neurologica di follow-up per queste persone. Sebbene i sintomi neurologici di molte persone colpite siano migliorati nel tempo, abbiamo anche pazienti che lo erano già nella prima ondata della pandemia che ha colpito la malattia nella primavera del 2020 e ancora non priva di sintomi ”, spiega il professor Peter Burlett, segretario generale della Direzione generale degli affari esteri.

READ  Trappole per virus a DNA - I corpi cavi fatti di materiale genetico possono intrappolare i virus e renderli innocui

Poiché Covid-19 è un nuovo tipo di malattia, le cause dei sintomi e gli effetti a lungo termine devono essere chiariti in modo da poter fare qualcosa per i disturbi neurologici, secondo Perlett.

Al fine di ricercare gli effetti a lungo termine, è stato creato un gruppo di lavoro chiamato “Neuroscience in the National Epidemiological Network” (NAPKON). È particolarmente importante chiedersi se una malattia virale possa compromettere la cognizione a lungo termine o addirittura lo sviluppo di malattie neurodegenerative secondarie – come, ad esempio Alzheimer – Può essere utilizzato in età avanzata. Tuttavia, solo in pochi anni, o addirittura decenni, ci saranno risposte veramente affidabili a queste domande.

nota importante: Le informazioni non sostituiscono in alcun modo la consulenza professionale o il trattamento da parte di medici formati e riconosciuti. I contenuti di t-online non possono e non devono essere utilizzati per fare diagnosi o iniziare un trattamento in modo indipendente.