Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori di Erlangen hanno trovato prove che una vaccinazione orale potrebbe essere inutile

L’intestino è uno degli organi più importanti del sistema immunitario umano. Secondo Deutsche Apotheker-Zeitung (DAZ), circa l’80% delle cellule immunitarie si trova nell’intestino. Oltre ai polmoni, è l’obiettivo principale del sistema sanitario umano in caso di infezione da SARS-Cov-2. Come ha ora scoperto l’Università Friedrich-Alexander-Universität di Erlangen-Nürnberg (FAU), il solo sistema immunitario intestinale non è sufficiente per scongiurare l’infezione da COVID-19.

Lo studio degli scienziati è stato pubblicato su Frontiers in Immunology. I ricercatori hanno esaminato campioni di sangue di pazienti COVID-19. E hanno trovato differenze significative. “Il numero di cellule di difesa è stato prodotto nell’intestino in risposta all’infezione”, afferma il dott. Sebastian Zundler, “molto meno che in qualsiasi altra parte del corpo”. Zundler è a capo del team della Medical Clinic 1, responsabile delle malattie gastrointestinali, polmonare malattie e sistemi endocrini, tra gli altri.

Il coronavirus colpisce il corpo attraverso l’intestino e i polmoni

Il coronavirus, SARS-CoV-2, è noto per infettare il corpo attraverso i polmoni e l’intestino. Ecco perché gli esperti raccomandano anche regole generali di igiene, come mantenere le distanze e lavarsi frequentemente le mani. Tuttavia, il team di Zunder si è posto l’obiettivo di arrivare a fondo su come funziona il virus. I ricercatori hanno studiato la possibilità di creare un’immunità sistemica al virus.

Zundler spiega il lavoro di ricerca: “In genere ricerchiamo la risposta immunitaria e la migrazione cellulare nel contesto della malattia infiammatoria intestinale. Poiché l’infezione con COVID-19 è possibile anche attraverso l’intestino, abbiamo deciso di trasferire i nostri metodi al virus”. I ricercatori universitari hanno utilizzato una tecnica chiamata “citometria a flusso”. Ciò consente di riconoscere e misurare diversi tipi di cellule immunitarie. È stato testato il sangue di persone con COVID-19, pazienti che si sono ripresi da COVID-19 e persone che non sono mai state infettate.

READ  Il calcolatore online determina il rischio di demenza a cinque anni

C’è un meccanismo speciale nel tessuto linfoide dell’intestino che porta alla produzione di un marcatore chiamato “integrina a4b7”. Questo marcatore fa sì che i linfociti T (globuli bianchi) si muovano verso l’intestino per combattere i segni di infezione, e noi può identificare la prima autrice dello studio, spiega la dottoressa Tania Muller, che fa ricerca presso l’ospedale universitario di Erlangen.

Si trovano pochi anticorpi nell’intestino

“Indipendentemente dal fatto che i pazienti manifestino o meno sintomi gastrointestinali come parte della loro malattia, abbiamo trovato relativamente poche cellule immunitarie con questo marcatore nel sangue dei pazienti COVID-19. I polmoni si formano. È anche concepibile che queste cellule migrino verso altri organi”, Mueller continua.
Gli scienziati ritengono che questi risultati possano essere rilevanti per qualsiasi vaccino orale attualmente in fase di sviluppo.

Il ricercatore dice: “Se un numero relativamente piccolo di cellule immunitarie è formato dal virus nell’intestino, la ragione potrebbe essere che l’intestino non può produrre abbastanza anticorpi per mantenere l’immunità quando vaccinato contro il virus Corona”.

Zundler avverte che sono necessarie ulteriori ricerche per capire cosa significano i risultati. “Il nostro studio contribuisce alla nostra comprensione della risposta immunitaria umana all’infezione da SARS-CoV-2, ma non possiamo ancora rispondere in modo definitivo ad alcune domande sulle cellule immunitarie formate nell’intestino. L’analisi dei campioni prelevati dall’intestino e dai polmoni ci aiuterà a rispondere a queste domande. domande Domande per rispondere a una domanda importante dice l’esperto.