Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La depressione, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica possono essere curati con agenti antitetanici? Pratica di guarigione

Promettente ingrediente attivo scoperto nella tossina del tetano

La depressione è comune e in alcuni casi difficile da trattare. Un team di ricerca sta ora segnalando un possibile nuovo ingrediente attivo dalla tossina del tetano, che è nota per causare il tetano. Il principio attivo può agire non solo nei casi di depressione, ma anche nel morbo di Parkinson, nelle malattie neurodegenerative e nella sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

I ricercatori dell’Università Autonoma di Barcellona hanno decifrato la funzione di un nuovo principio attivo derivato dalla neurotossina del tetano. I risultati aprono nuovi approcci terapeutici per la depressione e le malattie neurodegenerative come il Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivistamolecole” I regali.

C’è una cura nella tossina del tetano?

Il tetano è una malattia infettiva che colpisce spesso il sistema nervoso centrale. L’infezione è causata dalle tossine del batterio Clostridium tetanus. Un sintomo tipico è la rigidità muscolare che ricorda la spasticità. Ma come trattamento per la depressione, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica sembrano risiedere nella tossina dei batteri, lo studio attuale mostra.

Un derivato non tossico della neurotossina del tetano

Pronto nel 2019, un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Dr. Youssef Tizabi della Howard University School of Medicine di Washington, D.C. e il professor José Aguilera dell’Istituto di Neuroscienze dell’Università di Barcellona (UAB) hanno scoperto un derivato non tossico della neurotossina tetano per alleviare i sintomi depressivi nei topi.

Il principio attivo allevia i sintomi della depressione in 24 ore

Il principio attivo, chiamato Hc-TeTx, ha fatto scomparire i sintomi depressivi dei topi entro 24 ore quando iniettato in un muscolo. “L’effetto è durato per due settimane”, spiega il professor Aguilera. Nello studio successivo, gli scienziati hanno esaminato il meccanismo sottostante che ha portato all’effetto.

READ  Moscerini della sabbia: c'è il rischio di leishmaniosi se morsi

Depressione e serotonina

Quando si tratta la depressione con i farmaci, vengono spesso utilizzati inibitori della ricaptazione della serotonina nel sistema nervoso centrale. Questi farmaci devono essere assunti quotidianamente per un periodo di tempo più lungo e non hanno alcun effetto su alcuni pazienti e creano dipendenza in altri. Il gruppo di lavoro sottolinea l’urgente necessità di nuovi e più efficaci trattamenti per la depressione.

Meccanismo d’azione di decodifica di Hc-TeTx

I risultati recentemente pubblicati di uno studio di follow-up mostrano che Hc-TeTx è in grado di inibire il trasporto della serotonina all’interno del sistema nervoso centrale legandosi ai cosiddetti recettori della neurotrofina. Queste sono proteine ​​che promuovono la sopravvivenza neuronale. Grazie a questo meccanismo ora scoperto, il principio attivo è interessante non solo per l’uso negli stati depressivi, ma anche nel trattamento di malattie neurodegenerative come il Parkinson e la SLA.

Vantaggi di Hc-TeTx

Secondo il team di ricerca, i vantaggi di Hc-TeTx rispetto ai farmaci attualmente disponibili sono evidenti. Ad esempio, è necessaria solo una dose bisettimanale o addirittura mensile per controllare la malattia. Poiché il principio attivo è un prodotto ricombinante, non sono previsti problemi di sicurezza, produzione o costi del farmaco. Inoltre, Hc-TeTx ha la capacità di fermare lo sviluppo di alcune malattie neurodegenerative e, allo stesso tempo, la depressione che spesso accompagna tali malattie.

I limiti dello studio

L’efficacia di Hc-TeTx è stata finora testata solo su un modello animale. Il team ora vuole avviare uno studio clinico sull’uomo e sta attualmente cercando investitori per realizzarlo. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

autore:

Diplomi Editor (FH) Volker Plasic

gonfiare:

  • Universitat Autònoma de Barcelona: La frazione della tossina del tetano può trattare la depressione, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica (Pubblicato: 09.07.2021), uab.cat
  • Anna Candalia, Thomas Skewer, Hans Richard Rakowitz, et al.: Interazione tra un nuovo frammento oligopeptidico dell’ectodominio D5 del recettore della neurotrofina umana TrkB e la porzione C-terminale di una neurotossina del tetano; In: Molecole, 2021, mdpi.com

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.