Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Anthony Blinken: la sofferenza di Israele non è una “carta bianca” per disumanizzare i residenti della Striscia di Gaza

Anthony Blinken: la sofferenza di Israele non è una “carta bianca” per disumanizzare i residenti della Striscia di Gaza

al di fuori Anthony Blinken

La sofferenza di Israele non è una “carta bianca” per disumanizzare la popolazione della Striscia di Gaza

“La sorte degli ostaggi sta diventando sempre più importante per le persone”

Il primo ministro israeliano Netanyahu ha respinto le richieste di Hamas per un cessate il fuoco. Dopo l'incontro con il segretario di Stato americano Blinken, ha annunciato che continuerà a combattere fino alla vittoria. Ma non tutti gli israeliani sono d'accordo con la sua linea, come spiega il corrispondente Max Hermes su WELT TV.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha invitato Israele a non “spogliare” la popolazione della Striscia di Gaza della sua umanità. Gli stessi israeliani sono stati disumanizzati dall’attacco di Hamas, ma ciò non dovrebbe equivalere a una “carta bianca”.

ShIl segretario di Stato Antony Blinken ha invitato Israele a non “disumanizzare” i residenti della Striscia di Gaza. Gli israeliani sono stati privati ​​della loro umanità il 7 ottobre nel modo più orribile possibile. “Da allora, gli ostaggi sono stati demonizzati ogni giorno”, ha detto Blinken ai giornalisti a Tel Aviv mercoledì. Ma questa non può essere una licenza per disumanizzare gli altri. La stragrande maggioranza delle persone a Gaza non ha nulla a che fare con gli attacchi del 7 ottobre.

L'operazione di terra israeliana nella Striscia di Gaza

Fonte: OpenStreetMap; Il mondo delle infografiche

Blinken aveva incontrato poche ore fa il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Blinken ha detto di aver detto a Netanyahu e ad altri rappresentanti israeliani che il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza “rimane molto alto”.

La guerra tra Israele e Hamas continua ormai da quattro mesi. Il 7 ottobre, i combattenti di Hamas, designata come organizzazione terroristica dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, e altri gruppi armati palestinesi hanno attaccato Israele e hanno commesso diversi massacri. Secondo i rapporti israeliani, hanno ucciso circa 1.160 persone, tra cui molti civili.

Leggi anche

il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu;  Il redattore del WELT Clemens Vergne

Nella Striscia di Gaza sono state prese in ostaggio circa 250 persone. Secondo informazioni israeliane, Hamas detiene ancora 132 ostaggi e si ritiene che 29 di loro siano morti.

In risposta all’attacco, Israele ha promesso di distruggere Hamas e ha lanciato un’operazione militare su larga scala nei territori palestinesi. Secondo gli ultimi dati di Hamas, che non possono essere verificati in modo indipendente, più di 27.700 persone sono state uccise nella Striscia di Gaza dall'inizio dell'offensiva israeliana.

READ  Notizie Ucraina: pesanti perdite nei ranghi dei soldati di Putin - L'Ucraina bombarda i depositi di armi russi