Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ancora nessun accesso gratuito: un esempio lo rende particolarmente chiaro

Ancora nessun accesso gratuito: un esempio lo rende particolarmente chiaro

  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Creato da:

Da: Riccardo Strobl

Sempre meno spiagge in Italia sono liberamente accessibili. Ecco un controesempio dalla Sardegna. © IMAGO / Joran Steincik

La maggior parte delle spiagge italiane sono di proprietà privata. Nuovi dati mostrano che il libero accesso sta diventando sempre più difficile in molti luoghi.

ROMA – L’estate sta lentamente ma inesorabilmente arrivando e migliaia di tedeschi si stanno già dirigendo a sud verso l’Italia per rilassarsi con la dolce vita e le calde brezze marine. Naturalmente, tuffarsi nell’acqua fredda del mare fa parte di una vacanza in Italia tanto quanto il gelato e gli spaghetti, da non perdere. Vengono ora presentate le più belle spiagge d’Italia. Ma il libero accesso al Mediterraneo sta diventando sempre più difficile in Italia.

Lo sottolinea la Repubblica italiana in un recente articolo. In ogni caso, i vacanzieri in Italia conoscono questo fenomeno: le spiagge lungo la costa italiana a volte sono lunghe chilometri. Se vuoi nuotare devi noleggiare un lettino costoso. Nel 2023, anche i loro prezzi sono aumentati in modo significativo. Questi prezzi sono spesso un problema, soprattutto per le famiglie. I nuovi dati dovrebbero ora mostrare: Sta peggiorando.

Le spiagge italiane sono sempre più privatizzate e l’accesso gratuito sta diventando raro

Ogni anno, gli organismi ufficiali italiani pubblicano statistiche su quante spiagge sono di proprietà privata e quante hanno libero accesso al mare. IL Repubblica Ora ha unito i dati dell’Ufficio per il Demanio Marittimo e dell’organizzazione per la tutela dell’ambiente Legambiente.

Di conseguenza, una spiaggia su due in Italia è di proprietà privata. Quindi ogni seconda spiaggia può essere utilizzata gratuitamente? “Assolutamente no”, dice il quotidiano nella sua analisi. Perché: se guardi da vicino, le spiagge pubbliche sono spesso inaccessibili. Si trovano vicino a vecchie aree industriali o lungo gli estuari dei fiumi.

READ  Con libertà e potere: i tassi di vaccino Mario Draghi e Green Pass sono alti in Italia - Panorama - Kesselsoft

Secondo i dati sulla proprietà del governo, dei 3.346 chilometri di spiagge accessibili, il 42% è di proprietà privata. Secondo Legambiente, un altro otto per cento proverrà da altre forme di privatizzazione.

Solo spiaggia italiana a pagamento? Un po’ “intera spiaggia privata”

“In alcune parti del paese, praticamente l’intera spiaggia è privata”, suggerisce Repubblica Allarme. Un esempio particolarmente toccante è Napoli. Dei 27 chilometri di costa, qui solo 200 metri di spiaggia sono liberamente accessibili.

Altro esempio: Jesolo ha privatizzato quasi il 68 per cento delle sue spiagge. Tra le parti libere c’è un’area vicino alla foce di un fiume. Qui il mare è spesso nuvoloso a causa del fango turbolento, e fare il bagno è molto meno divertente, riferisce il quotidiano Legambiente. E a Lignano Sabbiadoro l’83 per cento delle spiagge è privatizzato. La spiaggia libera si trova sulla foce del Tagliavento.

Valori record degli stand privatizzati:

  • Emilia Romagna: più del 90 per cento di Ghetto, San Mauro Pascoli e Rimini sono stati privatizzati.
  • Liguria: più dell’80 per cento delle spiagge di Liguglia, Alassio, Diano Marina sono privatizzate.
  • Toscana: Pietrasanta, Camaiore, Montignozzo. Quasi il 100 percento delle spiagge qui è privatizzato.
  • Lazio: Sperlonga, dove il 63 per cento delle spiagge è concesso in licenza.

Secondo il rapporto Repubblica Tuttavia, le agevolazioni offerte in Italia non sono l’unico motivo per cui sempre meno spiagge sono liberamente accessibili. Dal 1970 al 2020, quasi 40 milioni di metri quadrati di costa sono semplicemente scomparsi. È quindi pressoché identico all’area di spiaggia attualmente riservata all’uso privato. (rjs)