Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

All’Eintracht manca un po’ ovunque e, soprattutto, manca un attaccante

All’Eintracht manca un po’ ovunque e, soprattutto, manca un attaccante

  1. Home page
  2. Concordia

Incontri difficili ovunque: Eintracht e Bochum pareggiano 1-1. ©Ebner/Imago

L’Eintracht Francoforte non è riuscito a superare l’1-1 a Bochum e sta ancora cercando se stesso dopo la grande sconfitta.

Francoforte – A che punto è l’Eintracht Francoforte dopo quattro partite nel campionato tedesco? Anche dopo il pareggio per 1-1 (0-0) contro il VfL Bochum non si può rispondere seriamente. Il direttore sportivo Markus Kroesche vede i sei punti in quattro partite come “abbastanza buoni”. Ed è proprio così: ok, ma chiaramente non abbastanza. Tutti i punti sono stati segnati contro le squadre dell’ultimo terzo della classifica: Magonza, Colonia, Darmstadt e Bochum. E anche i risultati non erano poi così famosi. Sorge automaticamente la domanda: cosa succede quando l’Eintracht affronta una vera sfida mentre altri quadri la stanno aspettando?

concorrenza: Campionato tedesco, quarto turno
un risultato: 1:1
Portali: 0:1 Eric Junior Dina Ebembe (55° minuto), 1:1 Kevin Stoger (74°)

Il portiere dell’Eintracht Kevin Trapp sulla finestra di mercato: “Sono successe molte cose”

Dopo le turbolenze delle ultime settimane e i numerosi cambiamenti, mancano processi e automazione, ma anche la necessaria forma fisica e intelligenza. “Sono successe molte cose”, ha detto il portiere Kevin Trapp delle turbolenze durante la pausa estiva. “Abbiamo 16 nuovi giocatori e abbiamo perso Kolo Mwani all’ultimo secondo. È una cosa enorme e non senza conseguenze”. Non puoi liberartene così velocemente, ci vuole tempo. Ma: in Bundesliga non esistono davvero. Per questo motivo il team, riunito in modo entusiasmante, deve crescere con i compiti per soddisfare i requisiti. Ma l’Europa è realistica? Forse no o solo con uno sviluppo buono e più veloce. Un piazzamento a centrocampo in questa stagione non sarebbe certamente una sorpresa.

READ  Basket per Zlatko Junozovic! Nessun cambiamento per tornare all'SV Werder Brema!

A Bochum la vittoria era certamente possibile dopo il primo gol segnato dal potente Eric Dina Epembe (55). Nonostante la maggioranza dei tiri in porta, il VfL ha avuto bisogno di un controverso calcio di rigore per pareggiare il punteggio sull’1-1 grazie a Kevin Stoger (74′).

Niels Nkunku ha fatto il suo debutto a Francoforte a Bochum

A Topmüller mancavano Sebastian Rude (malore temporaneo), Kristjan Jakic (problemi al ginocchio) e Lucas Alario (mal di denti). L’allenatore ha lasciato andare volontariamente Ansgar Knauf e ha preferito aggiungere un secondo portiere alla squadra. Annuncio chiaro. Sembra che Knauf possa indossare abiti caldi in futuro. Oppure mostra una reazione.

Coach Niels ha mandato per la prima volta dall’inizio sulla fascia sinistra Nkunku, che ha fatto un buon lavoro in difesa. Nel complesso, il 22enne francese mancava di potenza. “Non ha ancora trovato il suo ritmo, alla fine del primo tempo era sempre un passo indietro. Con i secondi palloni mi aspetto che chiuda più velocemente e si muova in modo più aggressivo verso la palla”, ha detto Topmüller. un’azione in avanti. Jesek Ngankam, anche lui alla prima partenza, può raggiungere la palla dall’area di metà spazio.

L’Eintracht Francoforte rivela problemi nella struttura della partita contro il Bochum

Il 23enne attaccante ha affrontato una delle tre situazioni uno contro uno contro Ryman nel primo tempo. Ngankam (7°) e poi Dina Epembe (11°) non sono riusciti a produrre due contropiedi dopo i calci d’angolo. Hugo Larsson (22′) era in una posizione migliore per tirare dopo un ottimo passaggio di Dina Epembe, ma la giocatrice svedese ha esitato a lungo. “Dobbiamo segnare in una, due o tre situazioni. È un processo”, ha detto Crocci.

Fatta eccezione per le tre situazioni, la squadra di casa è stata quella con più mosse offensive. Quasi tutte le seconde palle sono cadute a Bochum. Il portiere Kevin Trapp ha dovuto prestare particolare attenzione ai calci piazzati, poiché ne ha parato uno con una forte reazione contro Takuma Asano (22esimo) da distanza ravvicinata. L’Eintracht ha avuto difficoltà a costruire il gioco.

L’allenatore dell’Eintracht Topmüller “voleva più controllo del gioco”

“Era esattamente la partita che ci aspettavamo”, ha detto Topmüller. Tanti duelli, tanti lanci lunghi e tanti cross. “In sostanza i ragazzi hanno difeso bene. Speravo in un maggiore controllo della partita”, ha detto l’allenatore.

Per raggiungere questo obiettivo, ha sostituito Fares Chaybi con Nkunku e Omar Marmoush per Ngankam durante l’intervallo. A differenza di Ngankam, Marmoush non si è infilato tra i difensori centrali del Bochum, ma è caduto in profondità o verso l’esterno. Ciò ha portato al gol di apertura. Marmoush si è mosso da sinistra, Reimann ha lasciato rimbalzare il suo tiro in avanti, poi Dina Epembe ha mandato in rete da 16 metri da sinistra. Dopo aver esaminato il gol per circa due minuti – e Marmoush ha pareggiato per la difesa del Bochum – l’arbitro Benjamin Brandt ha assegnato il gol.

Eintracht Francoforte: Topmüller non è d’accordo con la decisione del rigore

“Ma poi abbiamo ricevuto uno standard da Kevin Stoger di cui non eravamo del tutto soddisfatti”, ha detto Topmüller, riferendosi ovviamente al dominio di Marmoush su Ivan Ordets in area di rigore – proprio davanti all’arbitro Brandt, che ha indicato il rigore. “Questo non è sufficiente per ottenere un rigore per me”, ha detto Topmüller. “È un rigore molto facile”, ha detto Kevin Trapp. Crouchy avrebbe voluto che l’arbitro controllasse nuovamente il suo fischio. Ma poiché non si è trattato chiaramente di una decisione sbagliata, non avrebbe alcuna base per restituire la sanzione. In generale si può dire che non tutti gli arbitri hanno fischiato, solo pochi, ma in generale la decisione è stata conforme alle regole. A proposito, il 270esimo calcio di rigore nella storia del campionato tedesco è stato contro l’Eintracht. Più di ogni altro club.

Con il pubblico alle spalle, il Bochum ha esercitato pressione e ha continuato a limitare l’Eintracht nella propria metà campo. Tuttavia, i difensori attorno a Robin Koch e Willian Patcho erano sempre presenti e hanno impedito che accadesse qualcosa di peggio. Trapp è stato sempre nella posizione giusta anche per i colpi di testa di Bochum dopo i calci d’angolo. D’altronde l’Eintracht avrebbe potuto sollevare un punto difficile. Durante un contropiede, guidato ovviamente da Dina Epembe, il sostituto Baxten Aaronson ha tirato con forza in area di rigore dalla sinistra, finché Aurelio Bota, che correva con lui, non è riuscito a oltrepassare la porta. “Se lo rende più morbido, Aurelio otterrà il tiro”, ha detto Topmüller. “Queste sono situazioni in cui dobbiamo fare di più”.

Dino Topmüller
L’allenatore Dino Topmüller ha pareggiato 1-1 per l’Eintracht VfL Bochum. © David Enderlied/DPA

All’Eintracht Francoforte manca un attaccante

Ma c’erano molte cose che Topmüller avrebbe preferito “un po’” di più. Che si tratti di controllare il gioco, di passare dietro la catena avversaria o di bloccare i lanci lunghi nelle prime partenze, ha parlato soprattutto della mancanza di intensità nella difesa di Shaybi. In generale, la squadra “si comporta in modo un po’ più calmo e si unisce in modo offensivo”. E sì, manca un attaccante di prim’ordine ovunque.

I voli internazionali, l’assenza di personale fisso, il fatto che alcuni giocatori non siano ancora pronti per i 90 minuti: tutto ciò dimostra che c’è ancora margine di miglioramento. “Non funziona dall’oggi al domani con la semplice pressione di un pulsante”, ha detto Topmüller. Con le esperienze di successo, lo sviluppo potrebbe procedere un po’ più velocemente. “In generale, abbiamo bisogno di un po’ di pazienza, anche se a volte è difficile. Soprattutto l’allenatore”. (Timur Tink, Ingo Durstowitz)