Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Violenza domestica: il più grande successo cinematografico degli ultimi anni – Un film in bianco e nero commuove l'Italia

Violenza domestica: il più grande successo cinematografico degli ultimi anni – Un film in bianco e nero commuove l'Italia

“Tomorrow's Another Day” è una commedia tragica sulla violenza domestica negli anni '40. Il film colpisce un nervo scoperto della società e fa della sua regista una inaspettata portavoce delle donne italiane. Presto uscirà anche nelle sale tedesche.

Rabbrividisci quando tuo marito gli stringe la mano. Ma gli schiaffi non avvengono. La coppia scivola l'uno accanto all'altro e si muove ritmicamente al ritmo della musica rock – una scena a metà tra danza e combattimento. Toglie il potere della violenza e la fa sembrare astratta, ridicola e divertente. La regista Paola Cortellesi, che interpreta anche la protagonista femminile, racconta in modo molto leggero e divertente la vita quotidiana delle donne nell'Italia del dopoguerra. È una storia di povertà e violenza domestica, solidarietà tra donne e coraggio per la liberazione.

Il design colpisce: girato in bianco e nero, ma con una colonna sonora attuale

Delia, madre di tre figli, è sposata con Ivan, che la picchia costantemente per sfogare la sua frustrazione. Un giorno trova la forza di ribellarsi alle aspettative della sua famiglia e della società. Il dipinto morale è girato in bianco e nero nello stile dei film neorealisti politicamente motivati ​​degli anni Quaranta, sopprimendo il passato mostrato. Roma è stata raffigurata prima del referendum sull'instaurazione della Repubblica del 1946, in cui votarono per la prima volta gli italiani. Ma ovviamente l'opera è più di un film d'epoca.

Direttore e più recentemente Portavoce delle Donne in Italia: Direttore Paola Cordellesi

©Tiziana Fabi/AFP

Fatta eccezione per la canzone di apertura, le immagini in bianco e nero sono accompagnate da brani musicali attuali e percussivi. Nel suo debutto alla regia, che oscilla tra dramma e commedia, l'attrice-comica Cortellesi riesce a rappresentare materiale storico, fondamentalmente pesante, in modo comico, quasi spensierato, nello stile tragicommedia della “La vita è bella” di Roberto Benigni. Registrazione audio per trovare il tempo presente. Da una distanza di sicurezza guardi il rapporto tra i sessi di allora e ti chiedi: com'è oggi? Cosa è cambiato e cosa no? A seconda dei punti di vista, le risposte non sono sempre soddisfacenti. Questo è il motivo per cui “Domani è un altro giorno” è popolare L’Italia ha toccato un nervo scoperto.

Anche Paola Cortellesi è protagonista del suo debutto alla regia.

Gli italiani applaudire al cinema è una cosa che non accadeva da tempo

Erano anni che un film italiano non riempiva le sale e otteneva finalmente recensioni entusiastiche. Il film ha attirato cinque milioni di spettatori da ottobre, rendendolo il film più popolare del 2023. È il primo film di una regista donna a figurare nella top ten dei film italiani più visti di tutti i tempi. Ha già incassato 35 milioni di euro in Italia ed è stato acquistato in tutto il mondo. Esce nelle sale tedesche il 4 aprile.

Paola Cortellesi, che ha scritto l'opera insieme agli sceneggiatori Furio Andreotti e Giulia Calenda, si è ispirata ai racconti della nonna e della bisnonna. “La storia è molto realistica. Tuttavia molte donne che non hanno subito violenza ne hanno sentito parlare nelle loro famiglie. In caso contrario, questi episodi sembrano ancora familiari. Hanno un impatto”, dice Chiara Saracen, professoressa emerita di sociologia. Nel clamore che circonda il film.

Le donne sono davvero al sicuro nell’Italia di oggi?

Inoltre, poche settimane dopo l'uscita del film, l'omicidio di una studentessa in Italia ha scatenato un importante dibattito sulla violenza contro le donne. Giulia Cecchettin, 22 anni, è stata pugnalata a morte vicino a Venezia dal suo ex fidanzato e compagno di studi. Un femminicidio che ha sconvolto il Paese, e anche perché ce ne sono stati tanti. Sia Sechetin che l'assassino provenivano dall'ambiente borghese del nord Italia. La sorella di Sechetin ha risposto in modo combattivo e ha invitato l'ex fidanzato a considerare il problema sociale dietro il crimine piuttosto che come un criminale isolato. Da allora, in Italia si è acceso un dibattito su come sia ancora una società patriarcale.

In questo contesto, “Domani è un altro giorno” è diventato inaspettatamente l'argomento e Cordellesi è diventato portavoce informale del tema della violenza nelle relazioni. Ogni anno in Italia si verificano oltre 100 femminicidi; Ogni tre giorni viene uccisa una donna. Le classi delle scuole tra Torino e Bari potranno ora vedere il film di Cortellesi a scopo didattico, ma anche come argomento di discussione in classe.

Le donne nascondono i soldi guadagnati ai loro partner

“Ma la violenza non è l'unico problema”, dice Saraceno. “Oggi, gli uomini spesso esigono che le donne si sottomettano a loro, e poi nascondono i loro guadagni ai mariti, come Delia nel film.” Le donne rubano qualcosa dalle borse di casa come se non avessero diritto a quel denaro; Come se non avessero il diritto di disporre del denaro pubblico. “Molte persone che guadagnano soldi lo danno ancora ai loro mariti”, dice il sociologo. Spesso una casa condivisa è intestata solo all'uomo, anche se entrambi hanno contribuito.

“Ci sono ancora molte relazioni tossiche perché le donne sono finanziariamente dipendenti. Gli uomini non accettano che le loro mogli siano indipendenti a causa del loro lavoro. Gli uomini non accettano che le donne se ne vadano”, spiega Saraceno. In Italia meno della metà delle donne lavora. Le madri e le figlie svolgono ancora i tre quarti del lavoro di assistenza in una famiglia. La cura in Italia è quasi sempre un lavoro da donne. “Il problema italiano in particolare è l'elevata disuguaglianza nel mercato del lavoro rispetto a Germania e Francia”, spiega il professore.

Molte aziende sono quasi offese dalla realtà

In Italia la maternità resta un killer della carriera. Un quarto delle donne abbandona gli studi dopo il primo figlio. Il 70% dei dipendenti che lasciano il lavoro sono donne, che lo fanno per assumersi responsabilità familiari. “Gli uomini se ne vanno perché trovano un lavoro migliore. Le donne hanno un lavoro non retribuito che non possono collegare con le loro attività professionali, quindi se ne vanno. Oppure sono vittime di bullismo da parte di capi o colleghi, vengono trasferite o non viene data loro flessibilità. Orario di lavoro vengono offerti”, dice Saraceno.

È anche un problema culturale, ne è convinta. “Una volta ho tenuto un seminario agli imprenditori e ho presentato loro queste statistiche. Erano quasi offesi. Ma questi sono dati empirici che descrivono una situazione reale”, dice Saraceno. Il film, ora molto celebrato e dibattuto, riflette tali pregiudizi economici e mostra una continuità storica. La figlia di Delia vuole andare al liceo ma non le è permesso. Suo marito Ivano va al bar e Delia non ha soldi per comprarsi una camicetta.

“È importante che le giovani generazioni riconoscano queste ingiustizie. Le scene del film sono palesemente ingiuste”, afferma Saraceno. Il film di Cordellesi è allo stesso tempo commovente e toccante perché è vivace, spiritoso e tuttavia privo di una sola indicazione morale. “Domani è un altro giorno” ti fa sentire sollevato, con rinnovato coraggio e un'incrollabile speranza che forse le cose cambieranno presto.

READ  Come sarà l'Italia dopo la crisi?