Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Limite di velocità 30 in città: polemica sugli autovelox in giro per Bologna

Limite di velocità 30 in città: polemica sugli autovelox in giro per Bologna

L’Italia registra più morti sulla strada della Germania. Una città vuole garantire maggiore sicurezza con un limite di velocità. Le persone di destra protestano.

Sventolate le bandiere del partito Meloni contro il limite di velocità: manifestanti a Bologna il 19 gennaio Foto: Michele Nucci/La Presse/Zuma Press/Image Alliance

Roma taz | “Bologna città 30”: Martedì della scorsa settimana la città del nord Italia ha imposto un limite di velocità di 30 km/h sulla maggior parte delle strade, scatenando un'enorme polemica. Continua ad inasprirsi il contenzioso tra l'Amministrazione comunale da un lato e il Ministero dei Trasporti di Roma dall'altro.

Per mesi, il sindaco Matteo Lebor, del Partito Democratico di sinistra moderata, ha entusiasmato i cittadini di Bologna riguardo al cambiamento dei trasporti pubblici. Nel luglio dello scorso anno sono stati introdotti limiti di velocità sul 70% delle strade interne. Ma dal 16 gennaio la situazione è diventata molto seria. Adesso scattano le multe per chi supera il limite dei 30 km/h.

Lepore si riferisce a ripetuti incidenti stradali mortali. In una città di 380.000 abitanti, il numero era di 23 nel 2022 e di 30 nel 2023, 12 dei quali erano pedoni. In confronto: a Bochum, in Germania, leggermente più piccola, nel 2022 sono morte solo 6 persone in incidenti stradali.

Il problema non riguarda solo il capoluogo dell'Emilia-Romagna, ma tutte le principali città italiane. Non per niente nel 2022 l’Italia con 59 milioni di persone ha avuto 3.159 vittime della strada, mentre la Germania (con 84 milioni di persone) ha avuto un numero relativamente basso di 2.782 vittime della strada. Le aree urbane in Italia sono particolarmente pericolose per pedoni e ciclisti.

READ  Vacanze nonostante Corona: Italia, Spagna, Croazia e Co - Queste regole devono essere osservate
Il Bologna ha fatto i conti senza Salvini

Lebor non voleva accettarlo. Ma ha fatto i conti senza i partiti di destra, la Lega di Matteo Salvini e il partito Fratelli d'Italia (FdI) del primo ministro Giorgia Meloni. Nel consiglio comunale di Bologna, tradizionalmente di sinistra, spingono i banchi dell'opposizione, ma allo stesso tempo formano il governo nazionale a Roma.

Il sindaco di Bologna Matteo Lepore vuole “zero morti per incidenti stradali” in città

A livello locale, la settimana scorsa la destra si è immediatamente mobilitata contro il governo della città e ha indetto una manifestazione davanti al municipio venerdì sera. Sono accorse circa 500 persone, portando le bandiere di Lega, FdI e Forza Italia di Berlusconi. Molti manifestanti sono andati oltre e hanno indossato le maschere del neoeletto presidente argentino e populista di estrema destra Javier Gerardo Millay. Contestualmente FdI della Meloni ha avviato la raccolta firme per un referendum comunale contro il limite di velocità.

Tuttavia, questa opposizione locale relativamente piccola al sindaco LeBor è meno preoccupante di quella più ampia che è venuta fuori da Roma sabato. Il leader della Lega Salvini, che fa parte del governo Meloni come ministro dei Trasporti, ha inizialmente pubblicato un video in cui criticava Lebor.

Salvini ha detto che il motivo addotto per il limite di 30 km/h è che la gente in città avrebbe finalmente la possibilità di “sentire di nuovo cantare gli uccellini”. In tal modo ha diffuso una fake news che ha riscosso molto successo tra gli oppositori della misura, poiché Lebour aveva più volte citato il motivo del suo limite di 30 km/h come “zero morti per incidenti stradali” in città.

READ  Italia: Flavio Briatore ha fatto infuriare Napoli - enorme polemica sulla pizza autentica
Salvini vuole vietare gli autovelox fissi

Allo stesso tempo, Salvini ha annunciato di aver “invitato” Lebor al ministero perché il nuovo limite di velocità “i problemi per i cittadini supereranno i benefici per la sicurezza stradale”. Ecco perché Salvini, in qualità di ministro dei Trasporti, vuole ora introdurre un regolamento che fissi limiti più severi per i comuni quando istituiscono nuove zone a 30 km/h. Inoltre, vietare ai comuni di installare limitatori di velocità fissi nelle zone a 30 km/h.

Bologna non ha trappole radar di questo tipo; Finora le fotocamere mobili sono state utilizzate solo con parsimonia. Il secondo giorno in cui è stato introdotto il limite sono state emesse due multe in tutta la città. Ma se Salvini riuscisse a farcela, ciò potrebbe ripetersi presto.