Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Viaggi nello spazio: la sonda lunare giapponese ha un problema: la capsula brucia dopo l'atterraggio

Viaggi nello spazio: la sonda lunare giapponese ha un problema: la capsula brucia dopo l'atterraggio

Sembra che il Giappone sia riuscito ad atterrare dolcemente sulla Luna. Tuttavia, un componente del lander SLIM sta causando problemi. La capsula Peregrine, che non è riuscita a effettuare il primo sbarco commerciale sulla Luna, è stata sigillata.

Venerdì sera il Giappone era riuscito nel previsto atterraggio morbido sulla superficie lunare, ma si erano verificati problemi con l'approvvigionamento energetico. In una conferenza stampa con gli esperti dell'agenzia spaziale giapponese JAXA è stato affermato che il pannello solare non fornisce elettricità.

Il lander SLIM (Smart Lander for Investing Moon) sta ancora comunicando con la stazione di terra e ricevendo dati. Si prevede che la capacità della batteria duri alcune ore, quindi dovresti ottenere il maggior numero di dati possibile.

Se la situazione dell’atterraggio morbido continua, il Giappone sarà il quinto paese a realizzare un atterraggio morbido su un satellite terrestre dopo l’ex Unione Sovietica, gli Stati Uniti d’America, la Cina e l’India.

In serata si è detto che solo attraverso nuove valutazioni si possono attendere risultati migliori. Così com'è, il pannello solare non è danneggiato. Inizialmente non era chiaro se si trattasse di un allineamento sfavorevole o di altri problemi. Allo stesso modo, se esiste una soluzione e se il pannello potrà presto risparmiare elettricità. Inoltre non è stato possibile accertare se l'atterraggio del drone sia avvenuto come previsto nella zona dei 100 metri.

La missione Shaheen si ripete.

Lo scorso aprile, una società privata giapponese ha fallito in una missione simile. Il motivo addotto da Ispace era un calcolo errato dell'altitudine del lander.

Una decina di giorni fa, la società americana Astrobotic non è riuscita a far decollare con successo il lander Peregrine. La missione americana iniziò con successo, ma poi si verificarono problemi con il sistema di propulsione. Gli ingegneri riuscirono a stabilizzare temporaneamente la capsula, ma l'obiettivo di atterrare sulla Luna dovette essere abbandonato. Il presidente di Astrobotic John Thornton ha dichiarato in una conferenza stampa che la valvola potrebbe non aver funzionato correttamente. Questo sarà il primo sbarco privato sulla Luna.

READ  Un buco nero emette materia nello spazio: i ricercatori riescono a fotografarlo

Dopo essersi consultato con la NASA, tra gli altri, Astrobotic ha deciso di consentire alla capsula di schiantarsi in modo controllato giovedì, tra le altre cose per evitare il rischio che detriti spaziali volino fuori controllo, ha detto Thornton. Come previsto, il contatto con la capsula si è interrotto giovedì intorno alle 22:00 CET. Ciò indica che la capsula si è schiantata in modo controllato sull'Oceano Pacifico meridionale come previsto ed è bruciata nell'atmosfera terrestre. Ora c'è una conferma indipendente di ciò.

Astrobotic vuole avviare il prossimo esperimento entro la fine dell'anno: il lander Griffin dovrebbe poi essere inviato sulla Luna, con a bordo anche il rover della NASA. Il lancio è attualmente previsto per novembre, ma prima è ancora necessario studiare a fondo le problematiche di Peregrine.

“SLIM” è in viaggio da settembre

Il lander giapponese SLIM è stato lanciato sulla Luna dallo spazioporto giapponese di Tanegashima lo scorso settembre a bordo del razzo vettore H2A. L’agenzia spaziale giapponese JAXA sperava che il successo dell’atterraggio preciso della sonda da 2,4 metri avrebbe portato alla transizione dall’era dell’“atterraggio dove possiamo” all’era dell’“atterraggio dove vogliamo”.

La precisa capacità di atterraggio di SLIM e le informazioni sulle proprietà della superficie lunare verranno utilizzate nelle future missioni lunari, ad esempio come parte del programma Artemis guidato dagli Stati Uniti. La NASA vuole riportare nuovamente gli esseri umani sulla Luna dopo più di 50 anni, anche se la missione di atterraggio lunare di Artemis 3 è stata rinviata a settembre 2026 proprio la settimana scorsa.

Gli esperti attribuiscono i problemi degli odierni sbarchi sulla Luna, tra l'altro, al fatto che molte conoscenze sono andate perdute dopo le missioni della fine degli anni '60 e dell'inizio degli anni '70. Ulrich Walter, professore di tecnologia spaziale all'Università Tecnica di Monaco ed ex astronauta, ha recentemente spiegato che i ricercatori e gli ingegneri allora coinvolti sono ormai troppo vecchi o sono morti e non possono più contribuire con le loro conoscenze. “Stiamo iniziando da zero in questi giorni.”

READ  Pokémon Legends Arceus Multigiocatore: gioca con gli amici su Nintendo Switch

I moduli lunari sono ora dotati di molti più software di prima. Ciò presenta dei vantaggi, ad esempio le manovre di volo possono essere regolate automaticamente. D'altra parte, anche il software è soggetto a errori. “Stimo che circa la metà degli atterraggi lunari falliti negli ultimi anni siano stati dovuti a problemi del software”, ha detto Walter.

Il Giappone vuole diventare un partner indispensabile

Walter afferma che la Cina e l'India in particolare hanno tratto vantaggio dal fatto che da decenni sviluppano continuamente i loro voli spaziali. Secondo i piani del governo cinese, i cittadini cinesi dovrebbero raggiungere la Luna entro il 2030. Se ci saranno ulteriori ritardi nel programma Artemis, non è improbabile che essi si recheranno lì prima di quanto i primi nuovi astronauti americani metteranno piede sulla superficie del pianeta. luna.

Secondo il quotidiano economico giapponese Nikkei Asia, tra i compiti associati a SLIM figura un progetto congiunto con l'India per esplorare le risorse idriche nelle regioni polari nel 2025. Inoltre, il colosso automobilistico Toyota Motor Corporation e Mitsubishi Heavy Industries (MHI) stanno sviluppando un veicolo Un rover ad uso degli astronauti sulla Luna. Si prevede che le due società inizieranno a sviluppare il modello quest’anno, il cui lancio è previsto nel 2029.

A differenza di Stati Uniti, India o Cina, il Giappone non ha le capacità finanziarie per svolgere da solo grandi missioni spaziali, secondo il quotidiano Nikkei Asia. Pertanto, la strategia del Giappone è quella di sviluppare tecnologie e diventare un partner indispensabile.

dpa