Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un pianeta extrasolare sta perdendo la sua atmosfera: gli scienziati fanno un’osservazione estremamente rara

Un pianeta extrasolare sta perdendo la sua atmosfera: gli scienziati fanno un’osservazione estremamente rara

  1. Pagina iniziale
  2. sapere

L’atmosfera terrestre forma uno strato protettivo sul mondo. © Imago

L’atmosfera terrestre è uno scudo protettivo, ma non tutti i pianeti sono così stabili. Un pianeta extrasolare mostra com’è perdere un’atmosfera.

MONACO DI BAVIERA – L’atmosfera terrestre funge da scudo vitale per il nostro pianeta, deviando in gran parte le radiazioni nocive e gli oggetti spaziali che si avvicinano al nostro pianeta. Senza di loro, la Terra sarebbe un luogo ostile dove la sopravvivenza sarebbe impossibile. L’atmosfera terrestre sembra essere notevolmente stabile, il che non è vero per tutti i pianeti.

Un team di ricercatori dell’Università della California e dell’Università del Texas ha utilizzato il telescopio Hobby-Eberly per osservare un pianeta extrasolare a 900 milioni di anni luce di distanza che sta perdendo la sua atmosfera nell’universo. Questo è il pianeta HAT-P-32b, che è chiamato il caldo Giove. Gli scienziati hanno scoperto che grandi quantità di elio e idrogeno fuoriescono dall’atmosfera di un pianeta extrasolare, a differenza dell’atmosfera stabile della Terra.

Un pianeta extrasolare perde la sua atmosfera nello spazio

Nello specifico, per capire dove è diretto il gas nell’atmosfera, il team di ricerca ha studiato l’orbita di un esopianeta, ha detto a Science Gateway Zhoujian Zhang, lo scienziato capo di questo studio. eos.org spiegare. Ciò significa che il team di ricerca non solo ha raccolto dati dal pianeta quando si trovava direttamente di fronte alla sua stella madre, ma anche dagli altri tre lati. Finora, gli scienziati hanno osservato solo un lato della stella. “È raro che gli umani coprano l’intero periodo tropicale”, ha detto Zhang.

READ  La svolta di Corona nel trattamento: la medicina può alleviare gli ospedali

Per individuare con precisione i gas in fuga, è essenziale disporre di una vista dall’alto. “Se ci concentriamo solo sul transito del pianeta, perdiamo l’opportunità di determinare se l’atmosfera di fuga del pianeta si sta espandendo”. I dati confermano che non solo il gas fuoriesce dall’atmosfera, ma che si sta diffondendo nello spazio molto più di quanto si pensasse.

L’atmosfera fluente lascia due strade

Il gas lascia una specie di coda. Questo fenomeno è già noto da altri esopianeti, ma il caldo Giove ne ha due, uno davanti al pianeta e uno dietro di esso. “È qualcosa di molto speciale”, ha detto Zhang, che ha festeggiato con la sua squadra a giugno. La scienza avanza riportato le nuove scoperte in uno studio. Le due code si estendono per oltre sei milioni di chilometri.

bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio gratuito e rimani informato.

Gli scienziati hanno anche studiato la velocità del gas. Ogni secondo vengono espulsi dal pianeta più di un trilione di chilogrammi di elio. Per fare un confronto: sulla Terra, circa 50 grammi di elio al secondo lasciano l’atmosfera terrestre. Tuttavia, ci sono progetti volti a proteggere l’atmosfera della nostra Terra. Nonostante la sua enorme massa, ci vorranno più di un miliardo di anni prima che un esopianeta perda completamente la sua atmosfera.

La stella del pianeta muore prima che possa sfuggire completamente all’atmosfera

Tuttavia, è improbabile che ciò accada perché la stella del pianeta probabilmente morirebbe prima di allora. Secondo lo scienziato, la velocità con cui il gas fuoriesce è “più lunga della velocità di vita della stella”. HAT-P-32b è un interessante esempio di come un pianeta possa perdere la sua atmosfera. Zhang ha affermato che i risultati potrebbero fornire un’altra risposta a un mistero scientifico di lunga data.

READ  17 nuovi casi di corona a Berlino: il tasso di infezione è ancora a 23,5 - BZ Berlin

L’assistenza della macchina è stata utilizzata in questo articolo editoriale. L’articolo è stato attentamente vagliato dall’editore Tanya Banner prima di essere pubblicato.