Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un messaggio infuocato: cosa si aspettano le aziende leader dai politici

Un messaggio infuocato: cosa si aspettano le aziende leader dai politici

A partire dal: 27 gennaio 2024 alle 6:00

Più di 50 aziende hanno scritto lettere infuocate ai politici, preoccupati per l’economia, il clima e la democrazia. Tra le righe, il messaggio rivolto al governo e all'opposizione è: raccogliete le vostre forze.

Le grandi aziende tedesche raramente rilasciano dichiarazioni politiche. Valutazioni del clima politico generale e delle richieste concrete dei politici che vanno oltre gli interessi specifici delle aziende – se così fosse, qualcosa del genere tenderebbe a provenire dalle associazioni. Speciale a questo proposito è la “Company Call”, lanciata dalla Fondazione KlimaWirtschaft e sottoscritta da 54 aziende.

L'appello è stato firmato, tra gli altri, dal gruppo industriale Thyssenkrupp, dal produttore di articoli sportivi Puma, dalla società energetica EnBW, dalle catene di farmacie dm e Rossmann, dal gruppo siderurgico Salzgitter, dal produttore di elettrodomestici Miele, dalla società commerciale Otto e dal Francoforte azienda. L'operatore aeroportuale Fraport, il gruppo siderurgico Salzgitter e l'azienda chimica Wacker.

Le aziende chiedono la riduzione del debito

Nella Corporate Call, le aziende firmatarie si uniscono alla discussione sulla riduzione del debito. Chiedono “ulteriore sviluppo”. In parole povere: l’allentamento consente allo Stato di assumere più nuovo debito. L’argomentazione: per trasformare l’economia in modo rispettoso del clima, avremo bisogno di “enormi risorse, soprattutto finanziarie”. Ciò richiede un “quadro di politica di bilancio adeguato” per consentire gli investimenti pubblici, che poi stimolano gli investimenti privati.

Le critiche alla repressione del debito nella sua forma attuale sono notevoli perché le aziende sono in contrasto con il Partito dell’Unione e della Libera Democrazia, al quale sono generalmente più vicine del Partito Socialdemocratico e del Partito dei Verdi. È anche degno di nota il fatto che l'appello dell'azienda alle critiche e alle richieste non si rivolge solo al governo, ma prende di mira esplicitamente anche l'opposizione.

READ  Leusch da Neuss porta un ordine speciale in Cina

Elenco dei firmatari

Più di 50 aziende stanno sostenendo l’appello aziendale: “La trasformazione come progetto del secolo: ciò di cui l’economia ha bisogno dalla politica”.

Firmato: Ritter Sport, Electric, Augustinum, Aurobis, Baufritz, Schwäbisch Hall, Bilfinger, BNP Paribas, Daikin, Deutsche Telekom, Rossmann, DM, NBW, Encavis, Encore, Inbal, EON, Eppendorf , EWE, Fraport, GLS Bank, Goldbeck , Heidelberg Materials, Hermes, Hoffmann + Voss, Hugo Boss, IKEA, Intersero, Naturstrom, Meyer Berger, Miele, Auto Group, Auto Focus, Pharrell, Phoenix Contact, Puma, Salzgitter AG, Schocko, Schwan-Stabilo, SMA, Stadwerke München , Strabag, Ströer, Sunfire, TeamBank, Thermondo, ThyssenKrupp, Triodos Bank, Union Investment, Vaude, VR Payment, VTG, Wacker, Zinq.

La transizione “verde” come opportunità – una critica alla politica

Le aziende firmatarie si impegnano a una ristrutturazione climaticamente neutrale dell’economia (“transizione”) e sottolineano non i rischi, ma le possibilità. Tuttavia, “né il governo né l’opposizione” sono in grado di offrire opportunità di “competitività, resilienza, buoni posti di lavoro e prosperità”.

Inoltre, secondo la valutazione delle aziende, ci sono “lacune nella politica tedesca in materia di economia, energia e ambiente”. Il risultato: una “forza sociale esplosiva” sfruttata dalla Nuova Destra, che minaccia la democrazia e la performance economica della Germania.

Il fatto che il ricorso dell'azienda sia rivolto ai semafori e all'opposizione (si riferisce chiaramente solo a CDU e CSU) sembra essere un fil rouge in tutto il giornale. Le aziende sostengono che la “solidarietà tra i partiti democratici” è essenziale, soprattutto perché il quadro politico per la ristrutturazione dell’economia climaticamente neutra deve resistere anche a qualsiasi cambiamento di governo.

Aldi Süd e Deutsche Bahn non hanno firmato

Le aziende che hanno firmato l'appello ai politici sono in gran parte sponsor della KlimaWirtschaft Foundation (ex “Stiftung 2°”), ma ci sono anche aziende non associate come Ritter Sport, Ikea ed E.ON. D'altro canto ci sono anche i sostenitori della Fondazione KlimaWirtschaft che non hanno firmato l'appello dell'azienda: Aldi Süd e Deutsche Bahn.

READ  L'azienda dispone di tre auto elettriche e collabora con la società di car sharing SWR Aktuell

Aldi menziona il nero quando gli viene chiesto ARD Capital Studios Non esiste un motivo specifico per non firmare. L'azienda fa però parte con convinzione della Fondazione KlimaWirtschaft e partecipa attivamente a progetti che riguardano in particolare il settore della vendita al dettaglio di generi alimentari. Interrogata, la Deutsche Bahn ha affermato che la fondazione per il clima Wirtschaft ha dimostrato la sua posizione attraverso il suo appello. La ferrovia non ha fornito alcuna motivazione per non firmare.

KlimaWirtschaft parte dal presupposto che altre aziende si uniranno all'attrazione delle 54 aziende. Questo è ciò che ha detto il membro del consiglio Sabine Nallinger ARD Capital StudioL’appello congiunto mostra chiaramente che l’economia è impegnata nella trasformazione e nella Germania come piazza.