Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Umanità 1” in Sicilia: la nave di salvataggio potrebbe fermarsi – La Germania deve accettare i migranti

MPiù di 140 migranti in barca hanno lasciato la nave tedesca “Humanity 1” nel porto della città italiana di Catania. Lo ha confermato domenica mattina un portavoce di SOS Humanity.

L’equipaggio ha ricevuto il permesso di entrare nel porto siciliano domenica notte. L’Italia ha consentito lo sbarco di 144 minori e malati. Tre minorenni e un bambino sono stati i primi a lasciare la nave, seguiti da minori maschi e adulti malati, ha detto la portavoce di SOS Humanity Petra Grichok. Circa 35 adulti maschi sarebbero rimasti a bordo. L’opposizione ha criticato la “selezione” dei naufraghi.

I funzionari hanno condotto test medici individuali su coloro che soggiornano lì. Secondo SOS Humanity, una persona è crollata ed è stata tirata fuori dalla nave.

Ora “Umanità 1” sta per lasciare nuovamente il porto siciliano. L’organizzazione “SOS Humanity” ha annunciato domenica che la nave era stata richiesta dalle autorità italiane in tal senso.

Ha detto che il capitano di “Humanity 1” ha rifiutato la richiesta di lasciare il porto con 35 persone. Secondo SOS Humanity, spiega: “È mio dovere soccorrere le persone in pericolo in mare sbarcando tutti i sopravvissuti nel porto di Catania in un luogo sicuro. Non posso lasciare il porto finché tutti i soccorsi in pericolo non sono sbarcati.

Il governo di destra del primo ministro Georgia Meloni ha inasprito la politica migratoria da quando è entrato in carica alla fine di ottobre, ma ha promesso di lasciare a terra feriti, donne e bambini. Altri dovranno rimanere sulle navi. Dal punto di vista di Roma, gli Stati di bandiera sono responsabili di coloro che si trovano a bordo. Per “Umanità 1” sarebbe la Germania.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha fatto l’appello sul giornale.Il Messaggero«Bruxelles si occuperà di una soluzione integrata. È giusto accogliere pazienti, donne e bambini. «Non possiamo trasformare il Mediterraneo in un cimitero, ma dobbiamo sapere chi c’è a bordo, da dove vengono e dove sono stati portati. “

A partire da domenica mattina, tre navi di organizzazioni umanitarie private con imbarcazioni di migranti soccorsi erano ancora in attesa di essere assegnate a un porto sulla costa orientale della Sicilia. I tedeschi “Rise Above”, “Geo Parents” e “Ocean Viking” insieme hanno a bordo circa 900 persone. Le agenzie umanitarie private attraversano regolarmente il Mediterraneo per soccorrere i migranti in difficoltà che spesso viaggiano dal Nord Africa verso l’UE su imbarcazioni non idonee alla navigazione. SOS Humanity sostiene che tutti i migranti a bordo sono stati salvati dall’acqua e hanno quindi diritto a un rifugio sicuro secondo il diritto internazionale.

Abubakar Soumahoro, unico deputato nero al Parlamento italiano, ha ricevuto “Humanity 1” al porto di Catania. Ha detto che è un peccato che il governo stia chiudendo i porti italiani alle navi non governative. “Sbarco selettivo in corso al porto di Catania”, ha scritto Soumahoro su Twitter. I naufraghi erano stremati dal freddo, dall’esaurimento, dallo shock e dalle torture e ora sono stati trattati come oggetti dal governo del primo ministro Georgia Maloney.

Il ministro dell’Interno Matteo Piandosi ha dichiarato venerdì che Humanity 1 può rimanere nelle acque italiane solo fino all’evacuazione delle persone bisognose di assistenza medica di emergenza. La decisione arriva dopo che Germania e Francia hanno chiesto all’Italia di offrire un rifugio sicuro ai migranti. Entrambi i paesi avevano annunciato di voler accogliere alcuni migranti in modo che l’Italia non fosse l’unica a farlo.

READ  Serie A: trasmessa in TV e live streaming in Germania

Le altre tre navi non hanno tali concessioni. I “Geo Parents” battenti bandiera norvegese con 572 migranti e il “Rise Above” di proprietà tedesca con 93 migranti sono entrati nelle acque italiane a est della Sicilia nel fine settimana. . Vi si rifugiarono per il maltempo, ma, nonostante le ripetute richieste, non fu concesso il permesso di entrare in porto.

“Ocean Viking” operato dall’organizzazione umanitaria SOS Méditerranée si trovava in acque internazionali a sud dello Stretto di Messina con a bordo 234 migranti. Anche le loro richieste riguardo al porto non hanno ancora ricevuto risposta.

Continuare a leggere

Sbarco dei migranti soccorsi in mare da Salvamento Maritimo ad Arrecife.  132 persone, di cui 23 donne, 12 minori e 97 uomini, sono state soccorse dalle unità SAR nella parte orientale di Lanzarote, Arecife (Isole Canarie), Spagna-22-11-2021, Credit: Nicola Marfizzi / Avalon

“Stiamo aspettando da 10 giorni un luogo sicuro per portare a terra i 572 sopravvissuti”, ha affermato Juan Mathias Gil, capo della missione Geo Parents di MSF. Secondo l’organizzazione, molti a bordo soffrivano di infezioni cutanee e respiratorie e dello stress del lungo viaggio.

Tuttavia, il governo italiano continua a insistere affinché i paesi battenti bandiera di navi di soccorso private accolgano i migranti. In una conferenza stampa alla fine di venerdì, il ministro dell’Interno Piantedosi ha definito tali navi isole sotto la giurisdizione degli Stati di bandiera.

Continuare a leggere

Posizione sul confine polacco-bielorusso

Il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, noto per la sua posizione anti-immigrazione, ha accolto con favore la nuova ordinanza sulle navi, che ha firmato insieme ai ministri della Difesa e dell’Interno. “Non vogliamo più essere ostaggi di queste ONG straniere e private che organizzano rotte, trasporti, trasporti e politiche migratorie”, ha detto Salvini in un video di Facebook. Ha ribadito che la presenza delle navi incoraggia i trafficanti.

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Fonte: REUTERS

Le ONG lo rifiutano. Spiegano che secondo la legge del mare abbiamo l’obbligo di soccorrere le persone in pericolo. Gli Stati costieri hanno l’obbligo di fornire un rifugio sicuro il prima possibile.