Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Il più grande miracolo” – La NASA si riconnette con la leggendaria sonda spaziale “Voyager 1”.

“Il più grande miracolo” – La NASA si riconnette con la leggendaria sonda spaziale “Voyager 1”.

  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Illustrazione: la navicella spaziale Voyager della NASA nello spazio. © Imago/Biblioteca di immagini scientifiche

Dopo mesi di silenzio radio, la NASA ha ripreso i contatti con la sonda spaziale Voyager 1. Ma il problema non è stato ancora del tutto risolto.

PASADENA – La navicella spaziale Voyager 1 detiene il record di oggetto costruito dall'uomo più lontano dalla Terra. Da diversi anni si trova nello spazio interstellare, fuori dalla nostra portata Sistema solareHa inviato preziosi dati scientifici sulla Terra fino al 14 novembre 2023. Tuttavia, da quella data, l'agenzia spaziale statunitense NASA Non ricevi più dati comprensibili da Voyager 1.. Ciò che preoccupa è che la sonda spaziale sia un importante strumento scientifico semplicemente perché è lontana dalla Terra.

La Voyager 1 ha inviato segnali incomprensibili per cinque mesi

Per poco più di cinque mesi, le difficoltà della Voyager 1 hanno tormentato un team del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Tuttavia, queste preoccupazioni potrebbero essere scomparse ora. Il 20 aprile 2024, la Voyager 1 ha inviato per la prima volta un segnale alla Terra che è stato compreso dal team della Voyager. Secondo la NASA Questa è stata la prima volta in cinque mesi che è stato possibile verificare le condizioni e la salute del veicolo spaziale.

Viaggiatore 1
5 settembre 1977
24,3 miliardi di chilometri
22 ore e 33 minuti
4 su 10
La sua identica sonda gemella, Voyager 2, è stata lanciata circa due settimane fa
Fonte: NASA

La navicella spaziale Voyager 1 della NASA sta inviando un chiaro segnale alla Terra

Tuttavia, diversi mesi prima che arrivasse questa notizia positiva, il team cercò disperatamente di far parlare di nuovo la Voyager 1. La sfida: la sonda spaziale è troppo lontana per essere visitata e riparata. Dopotutto, oggi ci sono più di 24 miliardi di chilometri tra la Terra e la sonda lanciata nel 1977. Ciò si ripercuote anche sui tentativi di riparazione: il segnale prende circa 22 ore e 33 minuti per viaggiare tra la Terra e la sonda spaziale, e il viaggio di ritorno dura lo stesso tempo.

READ  iPhone, iPad e Mac: sii il primo a conoscere gli aggiornamenti Apple

Il team della Voyager ha dovuto attendere circa due giorni dopo ogni modifica per inviare la navicella nello spazio. Solo allora si potrà sapere se i cambiamenti hanno avuto successo. Il 20 aprile è finalmente arrivato il momento: il team è riuscito a identificare il problema sulla Voyager 1 e a trovare una soluzione. Secondo la NASA, al centro del problema c’era il Flight Data Subsystem (FDS), uno dei tre computer a bordo della navicella spaziale.

A bordo del “Voyager 1” c'è un chip difettoso

Il Dipartimento di Difesa e Sicurezza è responsabile della compilazione dei dati scientifici e situazionali prima di inviarli sulla Terra. Tuttavia, una parte del software FDS era memorizzata su un chip che si è rivelato difettoso. Ciò rende illeggibili i dati trasmessi. Dato che non è possibile sostituire facilmente un chip difettoso nello spazio, il team ha dovuto essere creativo. Soluzione: il codice di programma interessato deve essere salvato altrove nella memoria FDS.

Il 18 aprile è stato inviato per la prima volta un comando alla Voyager 1 per memorizzare altrove il codice che racchiude i dati di sistema della navicella. La risposta della navicella spaziale il 20 aprile ha mostrato che lo sforzo ha avuto successo, con la Voyager 1 che ha inviato un aggiornamento leggibile dello stato. Le rimanenti porzioni del software interessato verranno spostate in questo modo nelle prossime settimane. La Voyager 1 invierà quindi dati scientifici leggibili sulla Terra. Molti ricercatori lo stanno già aspettando.

Voyager 1 è una leggendaria sonda spaziale della NASA

La sonda spaziale Voyager 1 della NASA è leggendaria per i viaggi spaziali: ha visitato diversi pianeti nel suo percorso verso i confini del sistema solare e ha fornito alla ricerca una grande quantità di dati. Tra le altre cose, ha scattato anche la famosa foto del “pale blue dot”, che mostra la Terra come un piccolo punto blu pallido nella vastità dello spazio.

READ  Bitwarden Password Manager: la chiave biometrica era leggibile per tutti

Susan Dodd, responsabile del progetto Voyager, ha espresso un cauto ottimismo a febbraio: “Sarebbe il miracolo più grande se lo riavessimo indietro. Siamo lungi dall'arrenderci. Sembra che il “miracolo più grande” stia effettivamente accadendo adesso. (fattura non pagata)