Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Hafen von Ambarli befindet sich am Nordufer des Marmarameeres. Der Ambarli Hafenkomplex ist 34 Kilometer von Istanbul entfernt.

Turchia: le aziende tedesche investono nonostante la situazione critica

Il porto di Ambarli si trova sulla riva settentrionale del Mar di Marmara. Il complesso portuale di Ambarli si trova a 34 chilometri da Istanbul.

Muhammad Anas Yildirim / Agenzia Anadolu

Dopo gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, la Germania è il più grande investitore straniero in Turchia. Il volume degli investimenti delle aziende tedesche supera i 14 miliardi di dollari.

Molte aziende tedesche hanno filiali e stabilimenti di produzione con decine di migliaia di dipendenti in Turchia.

Secondo un sondaggio condotto dalla Camera di commercio tedesco-turca di Istanbul (AHK), l’attuale situazione economica dei partecipanti è stata valutata come buona.

L’economia turca è stata duramente colpita, ma la Germania è uno dei paesi che effettuano gli investimenti più diretti in Turchia. Ci sono circa 7.500 aziende tedesche attualmente attive in Turchia. Il volume degli investimenti delle aziende tedesche in Turchia è stato di 14,5 miliardi di dollari USA. La maggior parte di questi investimenti sono nuovi investimenti a lungo termine.

Con 1,4 miliardi di dollari a maggio 2021, la Germania è diventata la prima destinazione di esportazione della Turchia, seguita da Stati Uniti e Gran Bretagna. Il volume delle esportazioni turche è stato di 16,5 miliardi di dollari USA, con in testa il settore chimico e quello automobilistico.

La Turchia è molto redditizia per le aziende straniere perché concede sussidi in settori strategici chiave. A seconda della natura del progetto, le aziende possono usufruire di vari incentivi quali riduzioni o crediti fiscali e contributivi, assegnazione gratuita di terreni, contributi infrastrutturali, contributi a dipendenti qualificati e l’assunzione dei contributi del datore di lavoro alla previdenza sociale dei dipendenti.

Inoltre, i contributi pubblici per i costi energetici e il credito possono essere richiesti per un periodo di dieci anni. Grazie alla sua vicinanza geografica all’Unione Europea, la Turchia sta acquisendo importanza anche per le aziende tedesche come mercato di approvvigionamento e sito di produzione.

Queste aziende tedesche stanno investendo in Turchia

Mercedes-Benz Türk gestisce una fabbrica di autobus a Istanbul e ha una fabbrica di camion ad Aksaray. Nel maggio 2017 è stato istituito ad Aksaray il secondo centro di ricerca e sviluppo per Mercedes Benz Türk con un investimento aggiuntivo di 8,4 milioni di euro.

L’azienda tedesca Henkel produce a Gebze, vicino a Istanbul, dal 1963. Henkel impiega 750 persone in tre siti di produzione.

Il gruppo tedesco Bosch ha un totale di cinque filiali in Turchia e impiega circa 17.500 persone a livello nazionale.

Deutsche Post è attiva in Turchia da quasi 40 anni e da allora ha investito ingenti somme nel mercato locale. Il gruppo Deutsche Post DHL prevede di investire 135 milioni di euro per costruire un centro operativo all’avanguardia nel nuovo aeroporto di Istanbul. Questo mira a coprire le crescenti esigenze e rafforzare ulteriormente la posizione di mercato.

Nel 2017, Siemens si è aggiudicata un importante contratto del valore di miliardi per un progetto di energia eolica in Turchia. Turkish Railways e Siemens hanno firmato un contratto per dieci treni ad alta velocità nell’aprile 2018. Questi ordini fanno parte di un gran numero di collegamenti tra il gruppo tecnologico e la Turchia. Un totale di oltre 3000 dipendenti Siemens lavorano in Turchia.

Sondaggio: le aziende tedesche sono soddisfatte

Sebbene la pandemia di Corona non sia ancora finita, le aziende tedesche in Turchia stanno beneficiando della ripresa economica globale. Inoltre, le aziende si sono adattate con successo alle nuove condizioni di mercato e hanno adottato migliori misure preventive contro gli impatti economici e sanitari e i rischi epidemici.

Secondo un sondaggio rappresentativo condotto dalla Camera di commercio tedesco-turca di Istanbul (AHK), il 69 percento degli intervistati ha valutato buona l’attuale situazione aziendale. Solo il 2% giudica negativa la situazione aziendale. Per quanto riguarda lo sviluppo del business, il 37% delle imprese ipotizza un trend positivo per i prossimi dodici mesi e il 58% un livello piatto. Solo il 6% ha espresso un parere negativo.

Tuttavia: lo sviluppo del tasso di cambio della lira turca comporta ancora il rischio maggiore, secondo la valutazione dell’86 per cento delle aziende. Per il 67% delle imprese, il quadro di politica economica resta un importante fattore di rischio in relazione allo sviluppo del business. Entrambi i valori sono nuovamente aumentati significativamente rispetto ai risultati dell’autunno 2020.

Il presidente della Camera di commercio e industria tedesco-turca, Dr. Estratti Marcus C. Slevogt segue la conclusione dell’attuale sondaggio: “I nostri membri stanno beneficiando della ripresa economica. Nonostante le difficili condizioni di mercato, le aziende hanno mostrato una reale capacità di resistenza, adattandosi alle nuove condizioni quadro e aprendo nuove opportunità di business. Tuttavia, le condizioni quadro macroeconomiche continuano a rappresentano una minaccia per l’ulteriore sviluppo economico e commerciale.

READ  Le associazioni dei datori di lavoro chiedono agevolazioni fiscali sulle società corporate