Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Trattati nucleari difficili: l’Unione europea e gli Stati Uniti sono profondamente delusi dall’Iran

Trattative difficili sul nucleare
L’Unione Europea e gli Stati Uniti sono profondamente delusi dall’Iran

Dopo il cambio di governo in Iran, Europa e Stati Uniti vogliono rilanciare l’accordo nucleare internazionale da cui l’allora presidente degli Stati Uniti Trump si è ritirato nel 2018. Ma i primi negoziati non sono per nulla promettenti.

Dal punto di vista degli Stati Uniti e dei negoziatori europei, i negoziati sul nucleare con l’Iran a Vienna non stanno andando bene. Germania, Francia e Gran Bretagna hanno espresso la loro “delusione e preoccupazione” con la parte iraniana per le loro richieste, secondo quanto riferito venerdì dai circoli diplomatici. Gli Stati Uniti hanno accusato Teheran di non aver fatto “proposte costruttive”. L’agenzia di stampa ufficiale iraniana, IRNA, ha riferito che i colloqui sarebbero stati sospesi almeno fino a lunedì.

Diplomatici di Germania, Francia e Gran Bretagna hanno dichiarato che “Teheran si sta allontanando da quasi tutte le concessioni” che erano “difficili da trovare” durante il primo round di negoziati tra aprile e giugno. Pertanto, “dovrebbero essere ripresi i colloqui la prossima settimana per vedere se queste differenze possono essere superate o meno”.

Anche gli Stati Uniti hanno espresso la loro critica alla posizione iraniana. “Il nuovo governo iraniano non è venuto a Vienna con proposte costruttive”, ha detto la portavoce del Dipartimento di Stato Jen Psaki. Ci sono stati “progressi” nei primi round di negoziati fino a giugno, ma questa settimana Teheran “purtroppo non ha cercato di risolvere le questioni rimanenti”.

Il governo iraniano ha presentato giovedì due testi con proposte per rilanciare l’accordo nucleare internazionale. Il capo negoziatore Ali Bagheri ha affermato che si riferivano alla revoca delle sanzioni contro l’Iran e agli impegni nucleari di Teheran.

L’Iran sta espandendo le sue capacità di arricchimento dell’uranio

Lunedì sono ripresi i negoziati sul nucleare con l’Iran dopo una pausa di cinque mesi. Teheran ha inizialmente sospeso i colloqui quando a giugno è stato eletto presidente il religioso conservatore Ebrahim Raisi. L’accordo del 2015 mira a impedire a Teheran di costruire armi nucleari. Tra le altre cose, il Paese si è impegnato a limitare le sue capacità di arricchimento dell’uranio ea consentire ispezioni regolari dei suoi impianti nucleari. In cambio, le sanzioni internazionali sono state revocate.

Nel 2018, sotto il presidente Donald Trump, gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo e hanno nuovamente imposto severe sanzioni all’Iran. Successivamente, Teheran si è gradualmente ritirata dall’accordo. Da allora, l’Iran ha continuato ad espandere le sue capacità di arricchimento dell’uranio, limitando allo stesso tempo le opzioni di controllo dell’Autorità atomica internazionale.

“Tutti sanno che hanno ripreso a lavorare sull’arricchimento”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron durante una visita a Dubai. Pertanto, abbiamo una situazione che non è buona per loro e non è buona per la sicurezza regionale”. Pertanto, non è “escluso” che questo round di negoziati “non si aprirà presto”.

Gli Stati Uniti sono coinvolti solo indirettamente nei colloqui di Vienna, anche se il presidente Joe Biden si è detto disponibile per una nuova versione dell’accordo con l’Iran. Il Segretario di Stato Anthony Blinken ha recentemente espresso la sua sfiducia nelle prospettive di un negoziato di successo. I diplomatici di Germania, Francia e Gran Bretagna hanno affermato che “i nostri governi restano determinati a trovare una via diplomatica”. “Ma il tempo sta per finire.”

READ  Jacinda Ardern non si sentiva "abbastanza tosta" per lavorare in politica