Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Medvedev celebra referendum fasulli in Russia: aspre critiche alla legalità

  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura: aggiornato:

a: moritz sottileE il Stephen KriegerE il Storione Cristiano

I referendum di Levante si sono svolti nelle terre ucraine annesse alla Russia. La comunità internazionale è decisiva.

Aggiornamento da mercoledì 28 settembre ore 6:00: Dopo la fine dei falsi referendum russi nei territori occupati dell’Ucraina, diversi paesi e le Nazioni Unite hanno negato la legittimità del voto. “Non può essere descritto come una vera espressione della volontà del popolo”, ha affermato martedì sera Rosemary DiCarlo, funzionario per gli affari politici delle Nazioni Unite. I falsi referendum sono contrari al diritto internazionale.

Urna elettorale per il finto referendum a Melitopol. © Non accreditato / AP / dpa

Da parte russa, l’ex capo del Cremlino Dmitry Medvedev ha risposto che si trattava di vittorie: “I risultati sono chiari. Benvenuto in patria, in Russia”.

+++ 22:30: Martedì, funzionari delle regioni ucraine di Zaporizhia, Kherson e Luhansk controllate da Mosca hanno dichiarato vittorie nei cosiddetti referendum sull’annessione della Russia. Dopo che tutti i voti sono stati contati, le autorità elettorali di Zaporizhia, nell’Ucraina meridionale, hanno annunciato che, secondo il risultato preliminare, il 93,11 per cento ha votato a favore dell’annessione. Nella regione di Cherson, sempre nel sud dell’Ucraina, le autorità di occupazione hanno riportato un’approvazione dell’87,05%.

+++ 21:56: Gli Stati Uniti si preparano ad approvare una risoluzione Onu contro i falsi referendum russi. L’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Linda Thomas Greenfield ha dichiarato martedì in una riunione dell’organismo più potente delle Nazioni Unite a New York che la lotta per l’Ucraina è anche una lotta per i valori della democrazia. “Pertanto, introdurremo una risoluzione che condanna questi referendum fasulli, esortando gli Stati membri a non riconoscere il cambio di status dell’Ucraina e obbligando la Russia a ritirare le sue forze dall’Ucraina”.

Referendum Levante: la Nato avverte la Russia

+++ 20:13: Al termine dei cosiddetti referendum, la NATO ha messo in guardia la Russia dall’annessione di quattro regioni ucraine: “Queste regioni appartengono all’Ucraina”, ha spiegato martedì il segretario generale Jens Stoltenberg su Twitter dopo una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Stoltenberg ha sottolineato che “gli alleati della NATO sostengono la sovranità dell’Ucraina e il suo diritto all’autodifesa senza condizioni o riserve”.

+++ 17:58: Al termine del falso referendum, la Russia ha nuovamente minacciato di usare armi nucleari. Il vice capo del Consiglio di sicurezza russo, l’ex presidente Dmitry Medvedev, ha affermato che Mosca difenderà le aree colpite “comprese le armi nucleari strategiche”. Nel frattempo, l’Unione Europea si è occupata di sanzioni contro i responsabili del voto di martedì

+++ 16:05: Gli occupanti russi hanno dichiarato la fine dei referendum fasulli in diverse regioni ucraine e hanno presentato i primi risultati del voto che violava il diritto internazionale. Le agenzie russe hanno riferito che dopo il conteggio dei primi voti nei seggi elettorali in Russia, oltre il 97% degli elettori delle regioni di Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhia ha votato affinché le loro regioni di origine si unissero alla Russia.

All’inizio non c’erano informazioni dai seggi elettorali negli stessi territori occupati. Da venerdì scorso sono chiamati a votare anche i profughi ucraini in Russia. Quindi è probabile che questa settimana inizi un’ondata di annessioni senza precedenti.

Notizie dall’Ucraina: la Russia annuncia cambiamenti drastici dopo i referendum fasulli

+++ 15:00: Secondo il Cremlino, i referendum fittizi hanno “conseguenze” principalmente per la sicurezza in queste regioni. “La situazione giuridica cambierà radicalmente dal punto di vista del diritto internazionale e ciò avrà conseguenze anche per la sicurezza di queste regioni”, ha detto alla stampa il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Il nostro sistema giudiziario prenderà in considerazione tutte le opzioni e, naturalmente, i nostri legislatori, le nostre forze dell’ordine e le nostre forze dell’ordine sono pronti”, ha aggiunto.

Un uomo esprime il suo voto in un seggio elettorale nella città ucraina di Mariupol durante il referendum russo.
Un uomo esprime il suo voto in un seggio elettorale nella città ucraina di Mariupol durante il referendum russo. © STRINGER / AFP

In precedenza, l’ex presidente Dmitry Medvedev ha menzionato la possibilità che la Russia applichi la dottrina della deterrenza nucleare alle aree colpite dell’Ucraina. Prevede simili attacchi nucleari in caso di attacco nucleare contro la Russia o una minaccia esistenziale per il Paese. “La Russia ha il diritto di usare armi nucleari, se necessario, in casi specifici, pur aderendo rigorosamente ai principi della politica di deterrenza nucleare del governo”, ha affermato Medvedev. Alla domanda su questo, Peskov ha sottolineato che le dichiarazioni di Medvedev riflettevano la “dottrina militare” russa e ha raccomandato a tutti di conoscere i principi di questa dottrina.

I risultati dei sondaggi fittizi attesi martedì

+++ 13:40: I falsi referendum nelle regioni dell’Ucraina occupate dalla Russia stanno lentamente volgendo al termine. Le persone nelle parti delle regioni di Luhansk, Donetsk, Cherson e Zaporizhia occupate dalle forze russe hanno tempo fino alle 15:00 CEST (16:00 ora locale) per esprimere il loro voto sull’adesione alla Federazione Russa.

Si prevede che martedì sera le autorità di occupazione annunceranno i risultati dei due referendum fittizi. Il tasso di approvazione per l’adesione alla Federazione Russa dovrebbe variare tra l’80 e il 90%. Dopo di che, la dirigenza separatista vuole ufficialmente presentare domanda al capo del Cremlino, Vladimir Putin, per l’ammissione in territorio russo.

I sondaggi fotografici terminano martedì

+++ 11:25: I finti sondaggi nei territori occupati stanno per finire. Ma cosa è successo dopo questo? Se il risultato ufficiale prevale per il “sì”, cosa che non c’è dubbio, allora il parlamento russo voterà sul trattato di accettazione dei territori nelle terre russe. può fatturare il colloquio sempre Le agenzie di stampa russe TASS e RIA Novosti, citando fonti parlamentari, hanno riferito che sarà presentato martedì sera.

Pertanto, può essere adottato in una sessione speciale mercoledì. Poi, la camera alta del Parlamento, il Consiglio della Federazione, deve dare il suo assenso. Le agenzie russe hanno affermato che una formalità potrebbe essere completata mercoledì o giovedì.

Al termine dei lavori parlamentari, il presidente Vladimir Putin probabilmente annuncerà l’annessione delle quattro regioni ucraine in un discorso venerdì, ma la prima apparizione del presidente russo non sembra impossibile.

Falso voto: gli USA “non riconosceranno mai” il risultato

+++ 11:00: Il Gruppo dei Sette (G7) ha già annunciato che “non riconoscerà mai” l’esito dei cosiddetti referendum. Gli Stati Uniti hanno annunciato una risposta “rapida e seria” sotto forma di ulteriori sanzioni economiche contro la Russia. Anche la Cina ha chiesto il rispetto per “l’integrità territoriale di tutti i Paesi”, ma senza condannare i “referendum”.

Ministero della Difesa britannico: la Russia cerca giustificazioni

+++ 09:55: Secondo le stime dell’intelligence britannica, la leadership russa vuole sfruttare la prevista annessione delle regioni ucraine per giustificare una guerra di aggressione contro il proprio popolo. Un briefing del ministero della Difesa britannico martedì (27 settembre) ha affermato che qualsiasi annuncio di annessione territoriale giustificherebbe “l’operazione militare speciale” della Russia in Ucraina e mirerebbe a rafforzare il sostegno nazionale al conflitto.

Si prevede che il presidente russo Vladimir Putin annuncerà ufficialmente l’annessione dell’Ucraina orientale e meridionale in un discorso al parlamento russo venerdì prossimo.

La fine dei falsi referendum: votazioni a Donetsk e Luhansk

Primo rapporto del 27/09/2022: Kiev – nelle quattro regioni controllate dalla Russia da Ucraina Martedì (27 settembre) si concludono i cosiddetti referendum sull’annessione della Russia. L’ultimo giorno di votazioni nelle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk del Donbass nell’Ucraina orientale e nelle regioni di Cherson e Zaporizhia nell’Ucraina meridionale, verranno aperti i seggi elettorali. Finora, i funzionari filo-russi vanno di porta in porta per raccogliere voti.

Dopo la fine dei falsi referendum nei territori occupati dell’Ucraina, seguirà rapidamente Russia è prevista. Secondo gli organizzatori, nelle regioni occupate dell’Ucraina orientale e meridionale è stato raggiunto un tasso minimo di partecipazione del 50%. Sono referendum fasulli perché si svolgono senza il consenso dell’Ucraina, secondo la legge marziale e non secondo i principi della democrazia. Ci sono state anche segnalazioni di persone costrette a votare.

Sondaggio simulato: West classifica il voto come illegale

Il Kiev E i suoi alleati occidentali sono iniziati venerdì (23 settembre). L’Occidente ha condannato come illegale la possibile annessione delle quattro regioni ucraine alla Russia a seguito di “referendum”. Si teme anche un’ulteriore escalation militare, perché gli attacchi ucraini in queste aree potrebbero essere interpretati da Mosca come un attacco al proprio territorio nazionale.

All’inizio del finto referendum di venerdì, il Cremlino aveva già ipotizzato che la Russia si sarebbe unita alla Russia. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che il processo di annessione dei territori potrebbe essere rapido. Si prevede che queste terre saranno annesse, forse al più tardi, venerdì (30 settembre). Vladimir Putin Per dichiarare territorio russo. (skr/cs/mse con dpa/AFP)

READ  I ribelli del Tigray catturano Lalibela, patrimonio mondiale dell'UNESCO