Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sciopero dei contadini a Roma: il governo Meloni fraternizza con i contadini

Sciopero dei contadini a Roma: il governo Meloni fraternizza con i contadini

Al: 9 febbraio 2024 3:38

Oggi, per la prima volta, si svolgerà a Roma una protesta contadina. Ciò è utile al governo italiano di estrema destra, che cerca solidarietà con i manifestanti anti-Bruxelles.

Maurizio Senecaglisi accanto al suo trattore su una collina fuori Roma. Un contadino pisano fu uno dei portavoce della lotta contadina italiana ormai giunta nella capitale.

Senecaglisi e i suoi colleghi vogliono creare un precedente nel cuore di Roma oggi. Ma l’indirizzo principale della lotta, chiarisce il dialogo, non è il governo di Roma. “Noi agricoltori italiani protestiamo contro la politica agricola europea. Il problema che ci tocca è a Bruxelles”, dice Senecaglisi.

“Riforma totale della politica agricola”

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato a metà settimana che ritirerà la legge contro l’uso eccessivo di pesticidi. Tuttavia, Senecaglisi e i suoi colleghi credono ancora che ci sia ancora “troppa ecologia e troppa burocrazia” nella politica agricola di Bruxelles.

Ecco perché gli agricoltori italiani non vogliono altro che una svolta a 180 gradi. “Chiediamo con forza da Bruxelles una riforma totale della politica agricola”, insiste Senecaglisi, uno dei coordinatori nazionali del movimento Riscato Agricolo, che ha organizzato una marcia dei trattori nella capitale.

Apprezzamento e stima da parte del Governo

Queste proteste contadine causarono poco allarme nel governo di destra di Roma. Al contrario: nonostante nelle ultime settimane numerosi ingressi alle autostrade italiane siano stati bloccati dagli agricoltori, il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, ad esempio, ha elogiato: le proteste degli agricoltori in Italia finora sono state “perfettamente organizzate”.

READ  La povertà in Italia: la città satellite di Scampia

Altri membri del governo sono contenti che i contadini che protestano sventolino tutti la bandiera italiana sui loro trattori.

Il ministro dell'Agricoltura Francesco Lolobrigita ha fraternizzato con i manifestanti a Verona. “Alcuni dicono che è pericoloso venire qui”, ha detto il cognato del primo ministro Georgia Meloni attraverso un megafono fornito dai contadini.

“Ma quando vedo una bandiera tricolore, so che là fuori non ci sono persone pericolose”, ha continuato Lolobrigida. Per lui era quindi importante salutare personalmente i contadini. Hanno risposto con un applauso alla promessa della bandiera nazionale da parte del ministro di destra.

Alla Meloni vanno bene le obiezioni

Meloni non ha nascosto di essere fondamentalmente felice quando gli agricoltori italiani attaccano l'attuale politica agricola europea. “È l'opposto della maggior parte delle decisioni che gli agricoltori europei stanno ora criticando”, spiega. Lui e il Partito Fratelli d'Italia hanno sempre affermato che il cambiamento ecologico non dovrebbe essere un cambiamento ideologico e che la sostenibilità ecologica non dovrebbe andare a scapito della sostenibilità economica e sociale.

Il partito della Meloni al Parlamento europeo, tra l'altro, ha respinto il concetto di Politica agricola comune 2023-2027, che, secondo la Commissione Ue, mira a “produrre cibo a prezzi stabili”.

Le normative sono in vigore dall’inizio dello scorso anno e gli agricoltori italiani ora vogliono cambiarle. Tra le altre cose, sono infastiditi da quelle che considerano regole molto rigide per coltivare una varietà di colture, piantare senza pesticidi e posizionare aiuole sui terreni agricoli.

Con un governo anti-Ue

Il portavoce degli agricoltori Senecaglisi ha insistito sul fatto che gli agricoltori italiani non sono contrari al governo Meloni attraverso le loro proteste, ma con essa. Contro la politica agricola dell'Ue ha detto: “Vogliamo dare forza alle voci di Roma e del governo affinché siano ascoltate a Bruxelles”.

READ  Il BVB batte Nico Schulz: una pista va all'Italia

Vuole vedere regole europee che “promuovano la produzione agricola e non la rallentino”. Altrimenti, teme Senecaglisi, sul mercato europeo finiranno più prodotti alimentari provenienti dall'estero.

La Meloni può dare un'occhiata alla situazione a Berlino prima dello sciopero contadino di oggi a Roma. Senza menzionare per nome la Germania, ha detto: “In altri paesi europei, gli agricoltori stanno protestando perché le concessioni per il diesel agricolo non sono state estese. Noi le abbiamo estese. Voglio dire, in Italia abbiamo fatto del nostro meglio”.

La Meloni non può puntare solo al gasolio agricolo, che in Italia costa ancora poco. Il governo Meloni ha aumentato da cinque a otto miliardi di euro la quota destinata agli agricoltori dagli aiuti per la ripresa post-coronavirus per l’Italia, cofinanziati da Bruxelles, per, tra le altre cose, il ripristino ambientale.

Ieri sera ha dimostrato quanto la Meloni abbia represso i contadini italiani. In breve tempo gli organizzatori senigagliesi annunciarono: avrebbero ignorato il grande raduno inizialmente annunciato e avrebbero inviato nella centrale piazza San Giovanni solo una delegazione con dieci trattori come protesta simbolica.