Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scelta fortunata in Italia: chi c’è dietro la “maschera moderata” di Giorgia Meloni?

Durante la campagna elettorale, il leader dei Fratelli d’Italia postfascisti ha cercato di modellarsi – soprattutto all’estero – come un politico conservatore radicale. Ma alla fine, Georgia Meloney ha lasciato cadere la maschera più volte.

Gli italiani eleggeranno un nuovo parlamento questa domenica. Non solo l’Italia, ma l’intera Unione Europea parla dell’elezione del destino. Per la prima volta nella storia della Repubblica italiana, un partito radicato nel fascismo può guidare un governo: Giorgia Meloni, capo dei Fratelli d’Italia di estrema destra, ha le migliori possibilità di diventare il nuovo presidente del Consiglio. .

Ma chi è veramente Meloni? Se dovesse prendere il timone del governo, in che direzione guiderà l’Italia? Le domande si fanno in Italia, ma anche a Bruxelles, Berlino, Parigi e Washington.

Fascismo? No

Due mesi dopo l’inizio della campagna, Maloney ha cercato di controllare il suo temperamento. Sapeva che era sia una benedizione che una maledizione. C’è chi la ama e crede in lei proprio perché si dichiara anima e corpo dal palco e al microfono: «Sono una donna, una madre, una cristiana». Altri lo vedono come un’affermazione dei loro tratti autoritari. In campagna elettorale, quando si presentava come un politico conservatore, serio e capace, si poteva dire che sapeva che stava camminando sul ghiaccio scivoloso e, ovviamente, non aveva nulla a che fare con il fascismo.

Il capo della Lega Salvini, il frontman di Forza Italia Berlusconi e il presidente di “Fratelli d’Italia” Meloni sono apparsi in un pacchetto a tre.

(Foto: IMAGO/Italian Photo Press)

A metà agosto ha diffuso un videomessaggio in inglese, francese e spagnolo in cui dichiarava: “Da decenni la destra italiana denuncia il fascismo, il saccheggio della democrazia e le famigerate leggi antisemite. Il comunismo rappresenta l’unica ideologia totalitaria di il 20° secolo è ancora al potere in alcuni stati oggi.” Il messaggio era chiaro: niente fascismo nel mondo, non certo in Italia.

READ  Suona Gemsefeld - Bauer tetet Bruder e dessen Familie

In ogni occasione, ha fatto riferimento al suo ruolo di leader della famiglia del partito scettico dell’UE “Conservatori e riformisti europei”, giurando di non essere anti-UE, ma preferendo sostenere che dovrebbe dedicarsi solo a questioni che riguardano l’intera di Bruxelles. associati all’Unione, lasciando tutto il resto agli Stati membri. Il vostro partito ha accettato di fornire armi all’Ucraina ed è al 100 per cento dietro l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico.

Mascherina con jeans e t-shirt

Ha anche cercato di apparire come un politico credibile in tavole rotonde, interviste televisive e dibattiti online. Mantiene uno stile casual per le sue esibizioni: jeans e magliette, abiti lunghi e gonne. Non si può negare che dietro ci sia una strategia: più semplice è l’aspetto, più viene ascoltato. Il suo compagno di coalizione, Matteo Salvini, capo dell’altrettanto di estrema destra Lega, fa le cose in modo molto diverso. Salvini non perde occasione per travestirsi. Appare con una polo della polizia o con indosso un grembiule da macellaio. Ma Salvini è anche un uomo: finora è stato solo vicepremier. Quando appare con altri politici, preferisce abiti austeri, a volte quasi antiquati.

Ma l’etichetta “postfascista” è troppo forte ei media internazionali continuano a sospettarli. Ad esempio “Tempi finanziari” ha scritto: “Gli italiani e Bruxelles devono sperare che la loro maschera di relativa moderazione non scivoli via”.

“Niente più divertimento”

Tuttavia, è successo durante la campagna elettorale: nel rush finale, è riapparsa la vecchia Georgia, 2006 disse, ha “un rapporto disinvolto con il fascismo”. Può essere faticoso, la pressione dei media italiani e stranieri, questa vigilanza costante. La verità è che è stata liberata dal controllo arbitrario e le sue dichiarazioni sono diventate sempre più aggressive. “Non più divertimento”, ha informato l’UE. La sinistra non ha mai assicurato l’Italia in Europa, ma ne ha fatto un’appendice di Berlino e Parigi. “Ma noi vogliamo essere un membro alla pari. Tutelare gli interessi dell’Italia”, annunciò al microfono, con le arterie tremanti. “Sapete perché Berlino è contraria al limite del prezzo del gas?” ha chiesto ai suoi sostenitori a Milano. “Perché paga meno il gas dalla Russia”.

READ  L'Ue vuole implementare al Lido l'economia di mercato: una rivoluzione costiera minaccia l'Italia - Panorama - Comunità

Nella sua ultima conferenza stampa, il premier uscente Mario Draghi ha avvertito i partiti di scegliere i partner giusti in Europa. Incoraggiato dal successo elettorale dei democratici svedesi populisti di destra, Meloni ha incoraggiato gli estremisti di destra spagnoli del partito Vox: “Credo che la nostra vittoria aprirà la strada anche a un campo di centrodestra in Spagna”. Quanto all’Ungheria, che una settimana fa è stata spogliata del suo status democratico dal Parlamento europeo, Meloni ha sostenuto i parlamentari del suo partito che hanno votato contro la decisione. Bruxelles sta “usando lo Stato di diritto come arma ideologica per attaccare coloro che sono fuori linea”, ha dichiarato.

L'”Economist” britannico presenta la foto di Meloney nel suo numero attuale: “Should Europe Worry?” Draghi ha già risposto: “Abbiamo una certa idea sull’Europa, difendiamo lo Stato di diritto. Siamo con Germania e Francia. Non so cosa farà il prossimo governo”.