Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Elon Musks Unternehmen Nueralink hat das erste Gehirnimplantat operativ eingesetzt.

Questi quattro computer cerebrali superano Neuralink ed Elon Musk

La società Nueralink di Elon Musk ha inserito chirurgicamente il primo impianto cerebrale.
Immagini Getty

Neuralink, la società di interfaccia cervello-computer (BCI) di Elon Musk, ha inserito un impianto nel suo primo paziente umano.

Musk afferma che il suo obiettivo è che tutti noi siamo in grado di controllare i nostri telefoni e computer con la mente.

Esiste una concorrenza significativa da parte di altri produttori di BCI che producono impianti da decenni.

Questa è una traduzione automatica di un articolo dei nostri colleghi americani di Business Insider. Tradotto e verificato automaticamente da un vero editore.

Elon Musk ha annunciato che la sua società di interfacce cerebrali, Neuralink, ha impiantato il primo chip cerebrale umano la scorsa settimana. Il prodotto si chiama “Telepatia”. “Ti consente di controllare il tuo telefono o il tuo computer, quasi tutti i dispositivi, semplicemente pensandoci”, ha detto Musk su X, la piattaforma di social media di sua proprietà, precedentemente nota come Twitter.

Considerando l’entusiasmante discorso sul fatto che si tratti della “prima” per i trapianti di cervello umano, si potrebbe supporre che Musk sia molto più avanti nel gioco.

Ma i dispositivi di interfaccia cervello-computer impiantabili chirurgicamente vengono impiantati nelle teste delle persone da circa vent’anni, da quando una procedura pionieristica è stata eseguita in Massachusetts nel 2004. Da allora, sono emerse diverse aziende con BCI eleganti e utili. .

Qui puoi vedere come si stanno attualmente comportando i concorrenti più forti di Musk.

Leggi anche

Il miliardario afferma che la prima persona ha nel cervello un chip realizzato da Elon Musk

1. Roccia Nera Neurotecnologia

L'elettrodo impiantabile di BlackRock, chiamato Utah Array, è più piccolo di una miniatura.

L'elettrodo impiantabile di BlackRock, chiamato Utah Array, è più piccolo di una miniatura.
Per gentile concessione di BlackRock Neurotech

Attualmente, la maggior parte delle persone che hanno una BCI impiantata nella testa hanno un dispositivo Blackrock. I numeri esatti sono difficili da ottenere, ma si stima che fino a 50 persone in tutto il mondo abbiano avuto un BCI impiantato nel cranio. Circa 40 di questi sono prodotti Blackrock.

Blackrock Neurotech (da non confondere con la società di investimenti completamente indipendente Blackrock) è attiva in questo ambito da qualche tempo. L'azienda, con sede nello Utah, è stata fondata nel 2008.

Attualmente, tutti gli impianti BCI rappresentano un modo per le persone gravemente paralizzate di riconquistare la propria indipendenza utilizzando la mente per controllare i dispositivi e accedere a Internet.

Alcune persone con impianti Blackrock possono guidare un'auto con la loro BCI. Altri hanno riacquistato il senso del tatto. Ma i dirigenti del settore affermano che le applicazioni per le interfacce cervello-interfaccia (BCI) potrebbero apparire molto diverse in futuro. Florian Sulzbacher, co-fondatore di BlackRock, ha affermato che un giorno la tecnologia rivoluzionaria potrebbe essere utilizzata dai primi soccorritori, dai militari o da altre persone normodotate che desiderano un vantaggio competitivo o una maggiore comodità.

Markus Gerhardt, amministratore delegato di Blackrock, ha dichiarato a Business Insider che, anche se c’è ancora molta strada da fare, “l’opportunità di superare questa barriera potrebbe arrivare prima di quanto la gente pensi”.

2. Portale cerebrale

A Pat Bennett è stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) nel 2012. La malattia neurodegenerativa ha causato il cedimento dei principali muscoli del viso, ma una macchina BCI la sta aiutando a comunicare di nuovo.

A Pat Bennett è stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) nel 2012. La malattia neurodegenerativa ha causato il cedimento dei principali muscoli del viso, ma una macchina BCI la sta aiutando a comunicare di nuovo.
Steve Fish/Stanford School of Medicine

BrainGate è stato il pioniere del primo dispositivo BCI impiantabile per uso umano nel 2004, basandosi sulla ricerca iniziata alla Brown University alla fine degli anni '90. L'attuale dispositivo del Consorzio Accademico ha solitamente le dimensioni di un piccolo tablet ed è prodotto da Blackrock.

L'impianto di ciascun paziente è costituito da due o più dispositivi, ciascuno contenente fino a 100 elettrodi più sottili di un capello. Viene impiantato sulla superficie del cervello sopra la corteccia cerebrale in aree responsabili dei movimenti degli arti o del linguaggio.

Il primo dispositivo BrainGate – il primo dispositivo BCI mai impiantato – è stato inserito nella testa di Matthew Nagle, un uomo rimasto paralizzato dal collo in giù dopo un attacco con un coltello. Nagle è diventato un eccellente giocatore di video pong con l'aiuto della sua BCI, ma è morto di sepsi nel 2007. Lo stesso BrainGate BCI di prima generazione è stato impiantato in altri tre pazienti tra il 2004 e il 2009.

“Non necessariamente si legge molto su di loro, e non sono molto sotto i riflettori del pubblico, ma questo perché si concentrano sulla ricerca di base e approfondita in quest'area”, ha detto Gerhardt del consorzio BrainGate.

BrainGate sta attualmente conducendo una sperimentazione clinica per la sua BCI di seconda generazione, un dispositivo per quadriplegici come Nagle chiamato BrainGate2. IL Starein funzione dal 2009, il cui completamento è previsto per il 2038. Finora hanno ricevuto il dispositivo BrainGate2 15 persone.

“Ciascuno dei partecipanti allo studio fornisce un contributo straordinario alla ricerca. Spesso sono coinvolti negli studi per anni e ci forniscono feedback su come questi tipi di BCI possono fornire un contributo straordinario alla ricerca”, ha spiegato Lee Hochberg, MD, leader di lo studio clinico BrainGate, in un'e-mail a Business Insider: “L'impianto potrebbe aiutare altre persone affette da paralisi”.

Leggi anche

Super AI, Neuralink e Twitter: Elon Musk spiega il suo mondo

3. Sincrono

Il CEO e fondatore di Synchron, il Dott.  Thomas Oxley con Stentrode BCI.

Il CEO e fondatore di Synchron, il Dott. Thomas Oxley con Stentrode BCI.
Angela Weiss/AFP tramite Getty Images

Synchron, con sede a Brooklyn, ha sviluppato uno dei più piccoli dispositivi BCI minimamente invasivi e lo ha impiantato con successo in diverse persone in tutto il mondo, compresi pazienti in Australia (2020) e negli Stati Uniti (2022). Molti altri dispositivi BCI sono posizionati sulla materia grigia del cervello. Invece, lo stent sincrono si trova nei vasi sanguigni della testa di una persona.

La BCI è fissata alla testa tramite un piccolo stent metallico. Similmente a come i pazienti con malattie cardiache usano spesso gli stent per aprire le arterie ostruite vicino al cuore, Synchron impianta una piccola struttura di elettrodi nei principali vasi sanguigni nella parte superiore del cranio vicino alla corteccia motoria per tradurre i pensieri in azioni. Quindi un'unità simile a un pacemaker nel torace trasmette questi segnali in modalità wireless dal cervello a un computer o dispositivo.

Nel 2022, Musk – che secondo quanto riferito era frustrato dalla lentezza dello sviluppo di Neuralink – ha parlato con il CEO di Synchron, il neurochirurgo Thomas Oxley, dell'investimento nell'azienda, secondo “Reuters” ha riferito. Il co-fondatore di Musk, l'ex capo di Neuralink Max Hudak, è un investitore concorrente. Anche se Hudak una volta ha continuato a “BloombergHa detto che non voleva che il suo investimento in uno dei concorrenti di Neuralink fosse visto come un “successo” per la sua ex azienda.

“Sono sicuro che presto eseguiranno interventi chirurgici anche sugli esseri umani”, ha detto.

4. Istituzioni accademiche nel mondo

Recupero dei nervi / avanti

Anche molte altre università sono in prima linea nel settore BCI con processi di ricerca unici. Alcuni sono connettori visivi che vengono posizionati sulla testa delle persone e devono essere collegati a un computer per leggere i segnali cerebrali. Almeno un uomo usa uno zaino per trasmettere segnali da due griglie di elettrodi BCI nella sua testa a un altro impianto nella sua colonna vertebrale che lo aiuta a camminare.

La canadese Anne Johnson, che non è stata in grado di parlare per quasi 20 anni dopo aver subito un ictus, ha riacquistato la capacità di parlare utilizzando un dispositivo BCI impiantato dall'Università della California, secondo “TVC“, ha riferito. L'olandese Geert Jan Oxam è diventato l'uomo che può camminare di nuovo con uno zaino dopo aver subito una lesione al midollo spinale in un incidente in bicicletta, grazie a ricercatori dell'Università di Losanna in Svizzera.

“Non posso ancora andare al supermercato, ma ora posso stare meglio”, ha detto Oxham ai giornalisti in una conferenza stampa a maggio. “È ancora difficile andarsene”, ha aggiunto. “Ma sono molto felice di aver raggiunto ciò che ho ottenuto.”

Leggi anche

Migliaia di persone interessate al trapianto di cervello di Elon Musk: Neuralink prevede di eseguire più di 22.000 operazioni entro il 2030 nonostante le preoccupazioni per la sicurezza

Ciò che Neuralink deve ancora dimostrare

Neuralink tramite YouTube

Ciò che Neuralink ha realizzato finora è solo il primo passo verso una BCI funzionale. L'azienda californiana ha inserito il suo dispositivo “cosmeticamente invisibile” nel cervello di una persona alla fine di gennaio. Musk ha detto ai giornalisti che si aspetta che questo primo paziente sia in grado di controllare un computer o un telefono usando solo il pensiero entro circa una settimana.

“Lascia che Elon sia Elon. Può aiutarci a immaginare il futuro e sfidarci a uscire dai nostri schemi e strutture limitanti e pensare a cosa potrebbe un giorno essere possibile”, ha affermato Gerhardt, CEO di Blackrock. “In definitiva, il diavolo è nei dettagli , e dobbiamo aspettare e vedere.”

In sostanza, la tecnologia di Neuralink non è diversa da quella di Blackrock. Tuttavia, invece di sembrare un piccolo pettine, il dispositivo Neuralink contiene più di 1.000 minuscoli elettrodi simili a capelli distribuiti su 64 fili, il che probabilmente rappresenta una sfida chirurgica maggiore.

Nel Collegato I dettagli pubblicati dello studio Neuralink indicano che l’azienda ha sviluppato un robot chirurgico per “inserire in modo affidabile ed efficiente gli elettrocateteri dell’impianto N1 nella corrispondente regione del cervello”. Non è chiaro quanti degli interventi chirurgici di Neuralink vengano eseguiti da esseri umani.

Riuscirà Musk anche nel campo della neurochirurgia?

La prossima sfida è dimostrare che questo dispositivo può aiutare una persona a ritrovare la propria indipendenza. Ad esempio, questa interfaccia cerebrale (BCI) potrebbe aiutare qualcuno affetto da sclerosi laterale amiotrofica (o sindrome bloccata) a fare acquisti online?

“I primi utenti saranno coloro che hanno perso l'uso degli arti”, ha detto Musk su X. “Immagina se Stephen Hawking potesse comunicare più velocemente di uno scrittore veloce o di un banditore. Questo è l'obiettivo.”

Questo obiettivo non è irraggiungibile, ma richiederà diversi anni e richiederà una certa formazione. Nei prossimi giorni o settimane dovremmo sapere di più su come si è ripreso il primo paziente di Neuralink.

“Come pensiamo, come ci sentiamo, come sperimentiamo è molto più di un problema tecnico”, ha affermato recentemente il neuroscienziato Anil Seth.BBC“Il tipo di strategia che Musk ha trovato così efficace nella costruzione di auto elettriche o razzi, secondo me, non può essere facilmente trasferita in questo campo”.

READ  La domanda X diventa un dilemma per le aziende