Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Queste sei sorprese sono nascoste nelle prime immagini

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Tanya Banner

Le prime immagini del telescopio spaziale James Webb continuano ad affascinare il mondo. Queste sei cose inaspettate si nascondono nelle registrazioni.

Francoforte – cinque foto, Realizzato dal telescopio spaziale James Webb dalle profondità dell’universoLe organizzazioni spaziali partecipano al progetto? Nasae pubblicato da Esa e CSA. Le immagini hanno tutto – su più livelli. Prima di tutto, con molti spettatori che Il destino del predecessore di Webb, Hubble Sai, ha fornito sollievo: dopo il suo lancio nel 1990, il telescopio spaziale Hubble ha reso le immagini inutilizzabili, un problema tecnico nello specchio primario che ha reso necessaria una costosa riparazione. Ma tutto è andato liscio con Webb – molto fortunato, perché il telescopio è a 1,5 milioni di km dalla Terra.

Poi c’è il contenuto delle prime cinque immagini che ha sbalordito i ricercatori. Il nuovo telescopio spaziale da 10 miliardi di dollari avrebbe dovuto fornire immagini più nitide di Hubble e guardare più in profondità nello spazio. Ma la qualità delle registrazioni è sorprendente. “Non possiamo scattare foto di un cielo vuoto”, ha detto la scienziata della NASA Jane Rigby mentre mostrava le immagini. “Ovunque guardiamo ci sono galassie”.

In effetti, le prime immagini scientifiche del James Webb Telescope includevano così tante sorprese che anche i ricercatori che hanno potuto visualizzare in anteprima le immagini sono rimasti senza parole. Panoramica.

Sorpresa n. 1: il telescopio James Webb trova galassie ovunque

Il grafico rilasciato dal team Web mostra la Nebulosa Anello Meridionale (NGC 3132). Nella costellazione della Lira sono state rilasciate due immagini di questa nebulosa planetaria. Una delle immagini è stata creata utilizzando i dati dello strumento “Webb” con fotocamera a infrarossi vicini (NIRCam). L’immagine mostra in grande dettaglio non solo la nebulosa planetaria, ma anche le grandi distanze dell’universo dietro di essa. La regione rossa della nebulosa e tutte le regioni esterne sono piene di galassie lontane. La galassia sul bordo sinistro dell’immagine (evidenziata in rosso nell’immagine) merita un’attenzione particolare: i ricercatori hanno pensato che fosse la luce delle stelle o parte di una nebulosa planetaria. In effetti, Webb sta guardando il confine di una galassia qui.

La nebulosa dell'anello meridionale (NGC 3132) fotografata dal telescopio spaziale James Webb.  Il punto segnato in rosso a sinistra dell'immagine mostra una galassia il cui bordo sta guardando il telescopio.
La nebulosa dell’anello meridionale (NGC 3132) fotografata dal telescopio spaziale James Webb. Il punto segnato in rosso a sinistra dell’immagine mostra una galassia il cui bordo sta guardando il telescopio. © NASA, ESA, CSA, STScI

La seconda sorpresa: il telescopio James Webb ha scoperto la seconda stella nella Nebulosa dell’Anello Meridionale

La seconda immagine della Nebulosa Anello Meridionale utilizza i dati dello strumento “Web” del Mid-Infrared Instrument (MIRI). Con esso, James Webb può guardare direttamente nel nucleo della nebulosa planetaria – e rivelare una sorpresa lì: una seconda stella al centro (a sinistra, stella rossastra). Finora, i ricercatori hanno ipotizzato che solo una stella al centro stia morendo e stia rilasciando la sua materia in lotti, dando origine alla Nebulosa Anulare Meridionale. Lo strumento web MIRI ha consentito ai ricercatori di rilevare oggetti ricoperti di polvere come la stella rossa.

Ci deve essere una stella morente al centro della Nebulosa dell'Anello Meridionale.  Ma grazie al telescopio spaziale James Webb e alla sua vista a infrarossi unica, ora sappiamo che non è del tutto vero: ci sono due stelle al centro della nebulosa.  Il telescopio spaziale è stato in grado di vedere la seconda stella solo grazie alla sua visione a infrarossi.
Ci deve essere una stella morente al centro della Nebulosa dell’Anello Meridionale. Ma grazie al telescopio spaziale James Webb e alla sua vista a infrarossi unica, ora sappiamo che non è del tutto vero: ci sono due stelle al centro della nebulosa. Il telescopio spaziale è stato in grado di vedere la seconda stella solo grazie alla sua visione a infrarossi. © NASA, ESA, CSA, STScI

Sorpresa numero 3: un buco nero in una galassia

Un’immagine del telescopio spaziale James Webb mostra il quintetto di Stefan, un gruppo di galassie che il nuovo telescopio ha ripreso insieme. Secondo la NASA, l’immagine è il più grande mosaico mai creato dai dati Web: è composto da oltre 150 milioni di pixel e compilato da quasi 1.000 singoli file di immagine. L’immagine è bella e dettagliata – e se guardi da vicino rivelerai un segreto della galassia superiore (NGC 7319): al suo centro c’è un buco nero supermassiccio con circa 240 masse solari. Nell’immagine, questo mostro collettivo è visto nell’evitare la vista, emettendo enormi quantità di luce mentre inghiotte polvere, gas e altri materiali all’interno della galassia. La sua luce è così brillante che supera le altre caratteristiche della galassia.

Il Quintetto di Stefan è composto da cinque galassie.  Guardando la galassia superiore in vista
Il Quintetto di Stefan è composto da cinque galassie. Guardando la galassia superiore in una nitida vista “Web” del pentagramma, puoi persino vedere cosa sta succedendo al suo centro: all’interno c’è un buco nero supermassiccio che divora materia all’interno della galassia. Emettono enormi quantità di luce: la loro luce è così brillante che risplende su altre caratteristiche della galassia. © NASA, ESA, CSA, STScI

Sorpresa n. 4: “Web” raffigura le galassie più antiche

colui il quale La prima immagine scientifica rilasciata dal James Webb Space Telescope, ha tutto. Questo è il cosiddetto “campo profondo” in cui il telescopio ha osservato una piccola porzione di cielo per 12,5 ore. L’immagine mostra centinaia o addirittura migliaia di galassie – e la previsione di un fenomeno previsto da Albert Einstein: la lente gravitazionale. Gli oggetti dietro un oggetto enorme si gonfiano per gravità. Il cosiddetto effetto microlensing è spesso usato in astronomia per guardare più in profondità nell’universo e anche il Web utilizza questo effetto.

In primo piano, l’ammasso di galassie SMACS 0723 ingrandisce oggetti molto distanti. Nella foto sembra curvo o leggermente curvo. I ricercatori non sono ancora in grado di determinare l’età delle galassie più antiche nell’immagine, poiché l’immagine non è stata ancora valutata in dettaglio. Tuttavia, una cosa è già certa: nell’immagine si vedono galassie, che hanno 13,1 e 13,0 miliardi di anni.

La prima immagine sarà presentata dal James Webb Telescope: il cosiddetto campo profondo, in cui si possono vedere centinaia o addirittura migliaia di galassie.  Grazie all'effetto lente fine (la gravità dell'ammasso di galassie in primo piano ingrandisce le galassie sullo sfondo), .
La prima immagine sarà presentata dal James Webb Telescope: il cosiddetto campo profondo, in cui si possono vedere centinaia o addirittura migliaia di galassie. Grazie a un fine effetto lente (la gravità dell’ammasso di galassie in primo piano ingrandisce le galassie sullo sfondo), Webb può scattare foto di galassie molto antiche. La galassia più antica finora scoperta nell’immagine si trova a 13,1 miliardi di anni luce di distanza. © NASA, ESA, CSA, STScI

Sorpresa #5: cosa ha visto James Webb nella nebulosa della Carina?

Anche gli astronomi sono stupiti dalle immagini del telescopio spaziale James Webb. “Cosa sta succedendo qui?” ha chiesto Amber Straugen, una scienziata della NASA quando ha rilasciato un’immagine “web” della Nebulosa Carina. Mentre lo faceva, indicò una strana struttura tubolare nella nebulosa (disegnata in rosso nell’immagine). in Descrizione dell’immagine dalla NASA “I raggi ultravioletti delle giovani stelle formano il muro della nebulosa erodendolo lentamente”, dice. Drastici pennacchi si innalzano sopra il muro di gas incandescente, contrastando questa radiazione. Il “vapore” che sembra salire dalle “montagne” è in realtà gas ionizzato caldo e polvere calda che fluisce dalla nebulosa a causa della radiazione continua.

Gli astronomi si meravigliano delle strutture tubolari nella Nebulosa Carina (in rosso).  Che cosa rappresenta qui il telescopio James Webb?
Gli astronomi si meravigliano delle strutture tubolari nella Nebulosa Carina (in rosso). Che cosa rappresenta qui il telescopio James Webb? © NASA, ESA, CSA, STScI

Sorpresa n. 6: Segni d’acqua nell’atmosfera di un esopianeta

Una delle immagini del telescopio spaziale James Webb non è in realtà un'”immagine” ma piuttosto lo spettro dell’atmosfera di un esopianeta. Il telescopio ha osservato come l’esopianeta Wasp-69 b passa davanti alla sua stella (il cosiddetto transito) ed ha esaminato la sua atmosfera. Il risultato è stato sorprendente: un esopianeta grande più o meno come Giove, che orbita attorno alla sua stella una volta ogni 3,4 giorni ed è corrispondentemente caldo, ospita acqua. Lo spettro mostra la presenza di molecole d’acqua nell’atmosfera. I ricercatori possono anche leggere dalla curva un fenomeno climatico inaspettato: le nuvole.

Lo spettro dell'esopianeta Wasp-69b, generato utilizzando i dati del James Webb Space Telescope, mostra chiaramente la presenza di molecole d'acqua nell'atmosfera del pianeta gassoso e i ricercatori possono anche leggere la presenza di nuvole dalla curva.
Lo spettro dell’esopianeta Wasp-69b, generato utilizzando i dati del James Webb Space Telescope, mostra chiaramente la presenza di molecole d’acqua nell’atmosfera del pianeta gassoso e i ricercatori possono anche leggere la presenza di nuvole dalla curva. © NASA, ESA, CSA, STScI

James Webb Space Telescope: la ricerca è appena iniziata

Se si pensa al livello di dettaglio e nitidezza delle immagini del James Webb Telescope, una cosa è già certa: i ricercatori partecipanti troveranno molte sorprese nelle immagini. Inoltre, il nuovo telescopio è ora scientificamente operativo: in futuro verranno pubblicate molte altre immagini e dati. per me astronomia È iniziata una nuova era e James Webb rivoluzionerà la ricerca negli anni a venire. (scheda)

bollettino satellitare

Ti interessa l’universo in tutti i suoi aspetti? Iscriviti alla newsletter Spazio Libero E tieniti sempre informato!

READ  Netflix amplia l'offerta di streaming con una nuova sezione giochi