Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Prenderò Sebastian Hoeneß”

“Prenderò Sebastian Hoeneß”

Sepp Maier, leggenda dei portieri del Bayern Monaco, festeggia mercoledì il suo 80esimo compleanno. È stato portiere del Monaco per quasi due decenni, dopo di che è diventato l'allenatore dei portieri della nazionale tedesca (1988-2004) e dei campioni del record (1994-2008).

{ “placeholderType”: “MREC” }

In un'intervista esclusiva con Sport1 Parla della sua vita, di Franz Beckenbauer e della situazione attuale al Bayern Monaco. Meyer rivela anche l'allenatore dei suoi sogni come successore di Thomas Tuchel.

Sport 1: Congratulazioni per il suo ottantesimo compleanno, signor Meyer. Come celebri?

Sepp Maier: Sono con mia moglie (Monica, Dott. rosso.) a Mauritius e giocherà molto a golf nelle prossime due settimane. Si giocherà il torneo di golf denominato “Sepp Mayer Golf Cup” al quale parteciperanno 55 golfisti provenienti da tutta Europa. Si svolge da 15 anni e coinvolge il 50% dei golfisti abituali e dei nuovi golfisti. Purtroppo la gioia del Natale è stata un po’ rovinata dalla morte di Franz (Franz Beckenbauer, Dott. rosso.) e da Andy )Andreas Brehme, Dott. rosso.). Andy e io avevamo lo stesso senso dell'umorismo. E ne ho incontrate tante con Franz. Prenderò un bicchiere di entrambi il giorno del mio compleanno. E ovviamente anche su Gerd (Mueller, D. rosso.), che mi manca ancora moltissimo.

{ “placeholderType”: “MREC” }

Franz Beckenbauer? “Eravamo come bambini giocosi.”

Sport 1: Quanto ti manca Franz Beckenbauer?

Mayer: molto. Mi manca solo il mio caro Franz. Mi manca non solo come amico, ma anche come amato consigliere con il quale ho trascorso quasi tutta la mia vita. Sono solo rassicurato dal fatto che non ha dovuto soffrire a lungo. Dico sempre: non devi dare un nome alla morte, arriva da sola. Sono il prossimo del noto asse Bayern. Ma Andy va menzionato anche insieme ai grandi del calcio tedesco, come Franz o Fritz Walter. Sono rimasto scioccato nell'apprendere della sua morte la settimana scorsa. Adesso però dovranno aspettare ancora un po' prima che arrivi il loro portiere. Voglio vivere fino a 100 anni. L'ho detto recentemente ai miei amici. Spero di riuscirci.

Sport 1: C'è una storia speciale con l'imperatore?

Mayer: Ce ne sono molti e non voglio evidenziarne nessuno individualmente. Nel 1965 festeggiammo la promozione in Bundesliga sull'isola di Corfù e bevemmo molto vino rosso. Ci siamo divertiti molto e c'è stata anche una sparatoria nella hall dell'hotel. Ho dei graffi da quella notte. Tutti gli ospiti dell'hotel potevano sentire quanto ci divertivamo io e Franz. I nostri amici ne ebbero abbastanza presto e fuggirono nelle loro stanze. Eravamo come bambini divertenti. La fine della storia è che io e Franz abbiamo dovuto dormire nel corridoio perché le nostre mogli non ci lasciavano entrare. Sembravo piuttosto graffiato perché ho saltato dopo il calcio di rigore di Franz.

READ  Dopo la sconfitta del Bayern contro il Borussia Dortmund: l'avvicinamento al campionato pone “problemi” al Leverkusen

{ “placeholderType”: “MREC” }

Sport 1: Come guardi indietro a 80 anni?

Mayer: Molto soddisfatto. Ho potuto sperimentare tutto come atleta e sono grato per questo periodo di successo. Ho avuto anni meravigliosi anche come allenatore dei portieri. Quando ricordo la semifinale del Campionato Europeo del 1996, rido ancora così forte oggi. È stata una bellissima esperienza sdraiarsi sull'erba con i ragazzi allo stadio di Wembley e fare il tifo. Naturalmente l'espulsione di Jurgen Klinsmann non è stata una bella cosa, ma non abbiamo rancore l'uno verso l'altro. Niente è rimasto lì. Ed eccoci di nuovo a ridere. Preferisco pensare in positivo piuttosto che arrabbiarmi con qualcuno. Alcuni signori del calcio di oggi dovrebbero tenerne conto. Sono completamente felice della mia vita.

“Uli Hoeneß mi ha salvato la vita”

Sport 1: Sicuramente il momento più buio della tua vita è stato il grave incidente automobilistico del luglio 1979, giusto?

Mayer: Oh si. Odio ripensarci. Uli Hoeneß mi ha salvato la vita. Era ancora un giovane manager, ma aveva già esperienza. A quel tempo, Ollie era la persona di buon cuore che rimane fino ad oggi. Mi ha trasferito da Ebersberg alla clinica Grosshadern. Questa è stata la mia fortuna e sarò grato a Ollie per il resto della mia vita. Se non avesse risposto rapidamente, non avremmo fatto questa intervista. Ollie era il mio angelo custode.

Sport 1: Ho giocato 442 partite di fila della Bundesliga. Non era noioso ad un certo punto giocare sempre sullo stesso campo?

Mayer: VERO? Non ero realmente a conoscenza di quel numero: una volta ho fatto un'intervista allo Stadio Olimpico per la mia 400esima partita consecutiva e ho pensato “wow, sono tante partite”. Dopo aver avuto un grave incidente stradale, ho subito detto ai paramedici in macchina che dovevo assolutamente rimettermi in forma nel fine settimana affinché il mio piano potesse continuare. Era ancora questo, il mio senso dell'umorismo.

READ  Cassano, l'ex vera star, dopo aver contratto Corona in ospedale!

Sport 1: Quando vedi i posti attuali e le opportunità di formazione sulla Säbener Straße, cosa ne pensi?

Mayer: Ricordo ancora che dovevo pulire io stesso l'area di porta con una pala da neve, il che era del tutto normale. Quindi sono dovuto andare da solo. In inverno il terreno a volte era duro. Dato che all'epoca l'FC Bayern Monaco aveva ancora una squadra di hockey su ghiaccio, ho acquistato da loro l'attrezzatura da portiere da hockey su ghiaccio, che ho indossato durante l'allenamento. Sembrava divertente.

Mayer: “Ho pensato anche a fare l’attore”

Sport 1: Il suo secondo nome era divertente, vero?

Mayer: (Ride) Certo. Ho sempre cercato di prendere in giro i problemi dei miei colleghi o i miei problemi con una certa rilassatezza. Gaudi è sempre stato molto importante per me nel calcio. Una volta pensavo di diventare un attore e mi andava bene. Ma forse ci voleva troppo tempo. Anche adesso, nella mia vecchiaia, mostro ancora ad alcune persone quanto sia bello non prendere tutto così sul serio. Quanto mi piacerebbe ridere di nuovo con Franz.

Sport 1: Anche tu piangi qualche volta?

Mayer: Quando ero piccola piangevo molto e non era poi così male per me. Non ho avuto problemi a mostrare le emozioni. Se ridi di cuore, puoi anche piangere. Soprattutto nel calcio, le due cose in qualche modo si uniscono quando piangi per festeggiare, come facevamo noi dopo i successi.

Sport 1: Puoi paragonare Sepp Maier al ragazzo di Gaudi Thomas Müller?

Mayer: Certamente per quanto riguarda il fattore divertimento. Stiamo già bussando. Se io e Thomas fossimo seduti in una stanza e questa fosse chiusa, non ce ne accorgeremmo nemmeno perché abbiamo in mente solo la Baviera e le barzellette.

Eberle? “Avrebbe potuto evitare di essere deviato attraverso Lipsia.”

Sport 1: Parliamo anche di tempestività. Le cose stanno davvero peggiorando al Bayern Monaco. In estate Thomas Tuchel deve pulire il suo armadio in Sabinerstrasse. Max Eberl è il nuovo direttore sportivo. Come vedi la situazione attuale?

READ  Terremoto vicino al lago di Lipsia: messaggio infuocato che vuole destituire il presidente Cratchit | Gli sport

Mayer: Max è sicuramente la persona giusta. Ha il Bayern Monaco nel cuore e sarebbe dovuto arrivare molto prima. Avrebbe potuto salvarsi dalla deviazione attraverso Lipsia. (Ride) Tutto quello che posso dire di Tuchel è che alla fine è stata la decisione giusta. Tuchel e Bayern? Questo non va bene. Era ed è un grande allenatore, ma era un rapporto di convenienza. Il signor Dressen (Il CEO Jan Christian Driessen, il Dott. rosso.) e altri dirigenti del Bayern Monaco valuteranno questa mossa con molta attenzione. E onestamente? Penso che Tuchel non avesse altra scelta che accettare la separazione in estate. Una cosa è certa: non c'è mai stata tanta agitazione in casa Bayern Monaco.

Sport 1: Chi sarà il nuovo allenatore del Bayern?

Mayer: Sicuramente Alonso ci sta già pensando e i contatti potrebbero già essere stati presi. Ma sarà davvero disponibile? Questa è, ovviamente, la prima reazione quando si pensa al successore di Tuchel. sinceramente? Prenderò Sebastian Hoeneß. Penso che le persone ci stiano pensando specificamente in questo momento. Sarebbe una soluzione affascinante come allenatore del Bayern e più facile da ottenere rispetto ad Alonso. Soprattutto perché proviene dalla famiglia del Bayern Monaco, il padre è Dieter Hoeneß e Ole è lo zio. Sebastian è già riuscito ad allenare i dilettanti.

Sport 1: Cosa vuoi anche tu?

Mayer: Voglio solo rimanere in salute, poter continuare a giocare a golf e, si spera, arrivare a 100. Franz dovrà aspettarmi ancora un po'. Posso parlare regolarmente del Bayern Monaco nelle interviste, questa è una cosa. Non ti dimenticherò mai e questo mi rende molto felice.

Sport 1: Cosa vorresti che la gente dicesse di te?

Mayer: Dovresti ricordarmi sempre con affetto. Come portiere, jolly e bravo ragazzo. Come Franz e Andy. Ma resterò con te… Non è tutto. (Lui ride)