Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Messico: Enorme incendio dopo la rottura del gasdotto: Golfo del Messico in fiamme – Notizie d’oltremare

La rottura del gasdotto sottomarino operato dall’operatore Pemex nel Golfo del Messico ha letteralmente bruciato il mare per cinque ore venerdì pomeriggio!

In precedenza, la linea doveva essere parzialmente trapelata. Meno di cinque ore dopo, il gestore del gasdotto ha confermato che la fuga di gas era stata nuovamente sotto controllo. Le valvole collegate nella tubazione sono chiuse.

Le immagini mostravano il quasi inimmaginabile prima: sfere di gas infuocato cadono sulla superficie dell’acqua, creando un occhio infuocato. Le immagini ricordano un’eruzione vulcanica: il mare ha letteralmente tremato.

L’incendio è scoppiato a soli 140 metri dalla piattaforma petrolifera “Ko Charlie” del gigante del gas messicano – la piattaforma fa parte del complesso “Ko Malop Zap”, che consiste in tre giacimenti petroliferi. Si presume che qui verranno estratte ogni giorno 640.000 tonnellate di petrolio.

Le registrazioni hanno mostrato tre motoscafi che cercavano da una distanza di sicurezza di controllare le fiamme con l’azoto.

In bocca al lupo: Nel frattempo, secondo l’operatore, l’incendio deve essere spento. Nessuno è rimasto ferito nell’incidente e nessuno è stato portato in un luogo sicuro. Ha aggiunto che le operazioni sono tornate alla normalità e che l’incidente è oggetto di indagine. Non è ancora noto come sia avvenuto il disastro dell’incendio.

READ  Giappone: frana ad Atami - morti e dispersi dopo la frana - notizie dall'estero

Angel Carrizales, capo dell’agenzia messicana per la sicurezza petrolifera ASEA, ha scritto su Twitter che l’incidente “non ha lasciato una chiazza di petrolio”. Tuttavia, non ha spiegato esattamente cosa stava bruciando sulla superficie dell’acqua.

Pemex è una delle società energetiche più indebitate al mondo. A causa della mancanza di investimenti nella tecnologia moderna, la produzione petrolifera del Messico è in costante calo da anni. L’ex presidente della Pemex Emilio Lozoya (2012-2016) è stato incriminato con l’accusa di corruzione ed estradato dalla Spagna al Messico lo scorso luglio.

Nel 1979 ci fu un’epidemia di petrolio sulla piattaforma di perforazione Pemex, con la stima che almeno mezzo milione di tonnellate di petrolio sarebbero confluite nel Golfo del Messico in un periodo di circa 300 giorni. Anche lì, nel 2010, un’esplosione alla piattaforma di perforazione Deepwater Horizon affittata da BP ha causato il più grande disastro ambientale del suo genere fino ad oggi. Più di 1.000 chilometri di costa sono stati inquinati, centinaia di migliaia di animali sono morti.