Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Messaggio al popolo russo: Zelensky: “Lo stato di terrore non sarà mai perdonato”

Messaggio al popolo russo: Zelensky: “Lo stato di terrore non sarà mai perdonato”

Lettera al popolo russo
Zelensky: “Lo stato terrorista non sarà mai perdonato”

Il presidente del Cremlino Putin giustifica la guerra di aggressione contro l’Ucraina come “moralmente” e “storicamente” corretta. La risposta del presidente Zelensky è arrivata poco dopo. Si rivolge anche al popolo russo nel suo videomessaggio.

Dopo il recente attacco missilistico russo alle città ucraine con nuove devastazioni, il capo dello Stato Volodymyr Zelensky si è rivolto direttamente al popolo russo nel suo videomessaggio. “Uno stato terrorista non perdona”, ha detto nella sua apparizione quotidiana un po’ prematura questo pomeriggio. “Coloro che ordinano tali attacchi e coloro che li eseguono non saranno perdonati, per non dire altro”.

Zelensky ha dichiarato in russo che la Russia non è in guerra con la NATO “come mentono i vostri propagandisti”. La guerra non è per qualcosa di storico, ha detto, riferendosi direttamente al presidente del Cremlino Vladimir Putin Ha annunciato nel suo discorso di Capodannola Russia sta nella lotta “moralmente” e “storicamente” dalla parte giusta.

“È (la guerra) che una persona rimanga al potere fino alla fine della sua vita”, ha detto Zelensky, riferendosi a Putin. “E ciò che resta di tutti voi, cittadini della Russia, non gli importa.” Putin vuole dimostrare che i militari lo sostengono e che sta avanzando. “Ma si sta solo nascondendo”, ha detto Zelensky. “Si nasconde dietro l’esercito, dietro i missili, dietro le mura delle sue residenze e dei suoi palazzi. Si nasconde dietro di te e brucia il tuo paese e il tuo futuro.”

“Nessuno perdonerà la Russia per il terrorismo”, ha detto Zelensky. “Nessuno al mondo te lo perdonerà. L’Ucraina non te lo perdonerà mai”. L’esercito russo ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio con il pretesto di voler “disarmare e disarmare” il Paese vicino. Decine di migliaia di persone sono state finora uccise durante la guerra. In Russia, la lingua ufficiale dell’invasione è ancora “operazione militare speciale” e l’uso generale del termine “guerra” è punibile penalmente.

Secondo le autorità, i recenti attacchi missilistici russi contro l’Ucraina in vista del nuovo anno hanno provocato morti e feriti. Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha annunciato sabato che un uomo anziano è stato ucciso nella capitale e 16 persone sono rimaste ferite. È stata anche segnalata la morte di una persona della regione di Zaporizhia. Secondo il comandante in capo Valery Zaluchny, nel Paese si sono verificati un totale di 20 attacchi missilistici, di cui 12 intercettati, 6 dei quali solo a Kiev.

READ  'Niente è fuori discussione': gli Stati Uniti considerano possibile l'embargo petrolifero