Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Ucraina deve salvare l’industria siderurgica italiana

L’Ucraina deve salvare l’industria siderurgica italiana

SonoL'Italia ora ha di nuovo fiducia nell'industria siderurgica – grazie all'Ucraina: il produttore ucraino Medinvest vuole aprire una sede nel secondo più grande sito siderurgico italiano nella città costiera toscana di Piombino. È controllata dagli oligarchi ucraini e ha fatto notizia nel 2022, quando l’esercito russo ha in gran parte distrutto il suo più grande impianto metallurgico, l’Azov Steel, a Mariupol, in Ucraina. Ora Metinvest cerca un nuovo inizio e vuole investire circa 2 miliardi di euro in Italia insieme al settore pubblico e creare 1.500 posti di lavoro diretti e indiretti. È quanto si legge in una lettera firmata mercoledì dall'azienda al governo italiano e alla Regione Toscana.

Il nuovo impianto sarà in grado di produrre circa 3 milioni di tonnellate di acciaio all'anno e contribuirà a potenziare l'attività mineraria e la lavorazione del minerale di ferro di Metinvest in Ucraina, ha affermato Yuriy Ryzhenkov, CEO di Metinvest. E la struttura “dovrebbe svolgere un ruolo chiave nella transizione verde dell’Italia”. Metinvest intende collaborare con il suo partner tecnologico italiano Danieli per sviluppare un altoforno elettrico e successivamente introdurre la tecnologia di riduzione diretta, che può ridurre significativamente le emissioni di CO2.

L’intero settore ripone grandi speranze in questa tecnologia, che oggi può funzionare a gas naturale e, come previsto, in futuro a idrogeno. Un portavoce di Medinvest ha aggiunto che a Piombino verranno costruite turbine eoliche e impianti solari per produrre idrogeno verde. Se tutto andrà bene, la produzione inizierà tra tre anni. Tra quattro mesi la dichiarazione di intenti ora firmata sarà sostituita da dichiarazioni vincolanti.

Precedenti brutte esperienze

Resta da vedere se questi programmi verranno attuati. A Piombino abbiamo già avuto brutte esperienze con diversi investitori. Da molto tempo esiste un'acciaieria con un classico altoforno. Il suo proprietario, la società Luzini, un tempo apparteneva al gruppo russo Severstal ed è fallita dieci anni fa. Oggi la proprietaria è l'azienda indiana Jindal, ma la fabbrica è ferma; 1.500 dipendenti vengono pagati attraverso il fondo statale di assicurazione contro la disoccupazione.

READ  Caduta massi nelle Alpi italiane