Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Livello molto alto”: una settimana difficile per il ciclista professionista Jannik Stimmel in Italia – Notizie sportive dalla regione di Reims e dal mondo

“Livello molto alto”: una settimana difficile per il ciclista professionista Jannik Stimmel in Italia – Notizie sportive dalla regione di Reims e dal mondo

C'erano una cronometro e sei tappe in programma per la 59esima edizione della corsa ciclistica a tappe Tirreno-Adriatico, una settimana in Italia. “Sarà una corsa dura”, aveva previsto Yannick Stimmel di Schorndorf (Q 36.5 Pro Cycling Team) – e non ha sbagliato. “Era un livello incredibilmente alto”, ha detto il 27enne il giorno dopo la fase finale.

Due gradi e pioggia: nessuna corsa per abbronzarsi

I professionisti hanno percorso un totale di 1.115 chilometri e hanno dovuto superare un dislivello di 12.800 metri. Ciò accade spesso in circostanze esterne molto difficili. “Non aveva niente a che fare con il film 'Bella Italia'”, dice Steimle. “Non era una gara per abbronzarsi.” Due o tre gradi in montagna, nebbia, pioggia e vento hanno messo a dura prova i piloti Il gruppo era molto forte, ha detto Steimle: “Quando inizi con il vincitore del Tour, sai cosa aspettarti”.

Jonas Vingegaard (Team Visma) ha ottenuto la vittoria assoluta in maniera superiore, mentre gli altri erano più o meno senza fiato. Anche Yannick Steimel. “Sapevo fin dall'inizio che sarebbe stato difficile per me commettere errori.” Molti piloti sono già al top della loro carriera e sono ancora sulla buona strada. “Anche il 5 o il 10% fa un’enorme differenza a questo livello globale”.

Stemmel ha detto che le gare non possono più essere paragonate a quelle di qualche anno fa. In passato il gruppo iniziava la gara “ragionevolmente calmo”, poi un gruppo di testa si staccava e il gruppo seguiva in modo controllato. “La Tirreno è stata guidata a tutta velocità fin dall’inizio.”

Ciclista professionista Jannik Stimmel di Schorndorf: soddisfatto della cronometro

Per la tappa finale di domenica, di oltre 160 km, il tempo di arrivo previsto era di 3:50 ore. I primi hanno tagliato il traguardo con 25 minuti di anticipo. È stata raggiunta un'altitudine di 1.700 metri ad una velocità media di poco inferiore a 47 km/h. “Devi lavorare duro per riuscirci con una moto da 50 cc”, afferma Steimel. “E devi fare rifornimento lungo la strada.” Se al giorno d'oggi non riesci a guidare da 300 a 320 watt in quattro o cinque ore, non hai nemmeno bisogno di arrivare alla linea di partenza.

READ  Harry Kane al Bayern? La stella dell'Inghilterra non è alienata!

Jannik Steimle è stato molto soddisfatto della sua cronometro di dieci chilometri alla partenza della Tirreno-Adriatico. Ha concluso al 25° posto, a 32 secondi dal vincitore Juan Ayuso (11:24 minuti). Avrebbe potuto essere migliore. Se fosse stato cinque secondi più veloce sarebbe stato tra i primi 15. Poco prima che Steimel salisse sulla rampa di lancio, cominciò a piovere. “Non sapevo quanti rischi avrei potuto correre in curva, probabilmente avrei potuto ricavare qualche secondo.

Gran Premio di Denain di un giorno in Belgio: Yannick Steimel è lì

Steimle, come l'intera squadra Q 36.5, non è apparso nelle sei tappe successive. Forse anche perché il virus ha fatto il giro. Dei sette corridori della sua squadra che hanno iniziato il Tour, solo Steimle e un altro corridore lo hanno terminato. Durante una tappa Steimel era arrabbiato con se stesso: “Ho fatto un errore con i vestiti” e poiché a volte splendeva il sole, “ha buttato via” la sua giacca antipioggia. Troppo presto, come si è scoperto. Faceva di nuovo freddo e pioveva. “È così che mi sono fatto a pezzi durante l'ultima salita.”

Sebbene Steimle non abbia ottenuto risultati degni di nota, è rimasto abbastanza soddisfatto dell'energia elettrica utilizzata nel mese di marzo. Ha avuto ottime gambe nel finale e quindi ha lasciato la gara con una sensazione positiva. Steimle partirà questo giovedì nel Gran Premio di Denain di un giorno in Belgio. Questo è considerato il fratello minore di Parigi – Roubaix. In altre parole: i ciottoli sono popolari. Quindi rinnoviamo prima della première finale dei classici primaverili.