Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Let’s Dance: una ballerina professionista è dovuta morire di fame durante la sua carriera

Marta Arendt ed Errol Sander sono stati insieme al “Let’s Dance” quest’anno. Foto: dpa / Andreas Rentz

“Niente che mangiamo a volte”: la ballerina professionista di “Let’s Dance” rivela a cosa ha rinunciato nella danza

La ballerina professionista “Let’s Dance” Marta Arendt spiega che a volte doveva morire di fame a causa della sua passione. Nel 2012, l’originale polacco è apparso sulla Terra per la prima volta nel programma RTL. Il suo famoso partner di ballo all’epoca era il lanciatore di dischi Lars Riedel. All’inizio Marta ha mostrato subito di cosa era veramente capace, visto che insieme hanno preso il quinto posto.

Poi Marta si è presa una pausa “balliamo”, ma non si è più ripresa. Perché di fatto si è dedicata agli allenamenti per i Campionati del Mondo di balli professionistici latinoamericani per i prossimi cinque anni. La competizione internazionale è una disciplina fondamentale e prepararsi per essa costa a Marta tutta la sua attenzione, il tempo e tutte le sue entrate finanziarie.

In un’intervista con la collega Isabel Edvardson, che ha parlato con lei sul podcast ufficiale “Let’s Dance”, ha descritto quanto sia stato difficile il periodo che ha preceduto l’apice della sua carriera di ballerina. A quel tempo, la 31enne viveva in Italia e lottava duramente per il suo sogno.

Marta Arendt si è astenuta dal mangiare per ballare

Aspettarsi questo: I sacrifici sono valsi lo sforzo, nel 2017 si è infatti classificata prima ai Campionati del Mondo della Divisione Professionale WDSF dei Campionati del Mondo. Un riflettore imbattibile nella tua vita. Poi è arrivato finalmente il momento per lei di smettere di ballare professionalmente, ricorda: “È un peccato smettere perché ti sei allenato per tutta la vita e hai rinunciato così tanto. In termini di tempo, finanziariamente”.

Poi ho detto a Isabelle quanto sia difficile per i ballerini professionisti che non appartengono a una famiglia benestante – e pochissimi lo fanno: “Il ballo è davvero uno sport costoso. Non è come il calcio che possiamo guadagnarci da vivere dei nostri giorni, e si paga anche perché devi dedicarti ad altri settori, altrimenti non guadagnerai nulla”. La maggior parte degli atleti rimane in piedi, ad esempio, quando ottiene la licenza di allenatore.

Quando Isabel ha iniziato a parlare di finanze, Marta è entrata più in dettaglio e ha descritto la sua situazione personale prima del titolo mondiale:

“Senza esagerare, ho avuto momenti o settimane in cui vivevo in Italia, in cui dedicavo tutti i miei soldi alla danza. A volte non avevo proprio niente da mangiare”.

Marta ha vissuto così in Italia per otto mesi fino a quando è stata costretta ad arrendersi. Ho anche ricordato: “Avevo pochissimo da mangiare, alla fine sono dovuto tornare in Germania per vedere i miei genitori perché non era più possibile. Volevo restare in Italia, ma non era per niente economicamente fattibile”.

Marta Arendt fa “Let’s Dance” 2018 body lift. Foto: Getty Images Europe / Florian Ebener

Una critica al giovane talento della danza

All’inizio Isabel fu scioccata dal fatto che lei ammettesse di essere affamata, ma poi si arrese e si rassicurò di nuovo sul fatto che puoi vedere i sacrifici che gli atleti devono fare per la loro passione.

Lei e suo marito Marcus Weiss, anche lui ballerino, avevano già passato una o due notti in macchina invece che in albergo per poter pagare più lezioni private di ballo con il loro allenatore.

READ  News Serie A: Dusan Vlahovic suscita interesse per la Fiorentina | notizie di calcio

Anche Marta ha potuto confermare questo e ha aggiunto che se può dormire in hotel, sarà più come stare in un hotel: “Posti davvero orribili. Ma hai fatto tutto per questa passione.”

Oggi ci si sente molto più rilassanti con i bambini, perché i social media ora ti offrono opportunità completamente diverse per presentarti e fare soldi attraverso di loro. Ma molti di loro non sono più così entusiasti. Martha ha detto:

“Adesso mi sembra che il mondo della danza sportiva sia diventato più a suo agio, anche attraverso i social network, tutti vogliono essere influenti in una certa misura. Quindi non conosco nessuno che dia tutto per questa passione. Per soffrire la fame”.

Benjamin Bioco e Isabel Edvardsson ballano con la canzone “Let’s Dance” nel 2019. Immagine: Getty Images Europe / Joshua Sammer

Marta offre anche tutto su “Let’s Dance”.

Subito dopo aver vinto la Coppa del Mondo, Marta si è dedicata di nuovo completamente a “Let’s Dance” – fa parte del cast regolare dello show dal 2017. Quanto dietro questo concetto e il potenziale per esibirsi sul pavimento della TV, ha mostrato alcune alternative totalmente spontanee in passato quando uno dei suoi colleghi è stato ferito.

Ad esempio, è intervenuta per Christina Loft nel 2017 dopo essere stata costretta a lasciare a causa di un infortunio. La stessa Marta si era precedentemente lasciata con il popolare compagno di ballo Jorge Drager. Insieme a Giovanni Zarella, è arrivata quarta, la sua migliore performance fino ad ora. Con l’attore Errol Sander sul palco quest’anno, i due hanno preso il 10 ° posto.

Tuttavia: in fatto di danza è tra le migliori al mondo, da qui il soprannome di “Marta Machine Arndt”. “Questo deriva anche dal fatto che sono intervenuto più volte per il bene dei miei colleghi”.Marta ricordava. Prima di allora, era considerata “Mega Marta” nello spettacolo.

READ  Decide il gol personale: il Sassuolo esulta - Serie A.

L’unica cosa che manca è il partner di ballo giusto per una posizione più alta in “Let’s Dance”, almeno questo è ciò che i suoi coetanei Oana Nechiti ed Erich Klann hanno già menzionato nel podcast “Dance or Not”.

(cfl)

Ann Will provoca Burbock: “Allora lo sei diventato solo perché sei una donna”.

Nonostante le preoccupazioni costituzionali degli Stati federali e di larghi settori dell’opposizione al Bundestag, la via è chiara per i “freni federali di emergenza”. Le nuove normative sono ora in vigore a livello nazionale. Gli ospiti hanno discusso dell’adeguatezza e della razionalità delle procedure una domenica sera ad Ann Wille. Il risultato è preoccupante: l’ex ministro della Giustizia Sabine Lothusser Schnarnberger (FDP) lo ha dichiarato “legalmente difficile, molto povero tecnicamente”. Ma prima che tu finisca …

Collegamento dell’articolo