Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'esperto mette in guardia dal falso senso di sicurezza in Italia – Euractiv DE

L'esperto mette in guardia dal falso senso di sicurezza in Italia – Euractiv DE

L'Italia ha alzato il livello di allerta terrorismo al massimo livello dopo che un attacco terroristico a Mosca ha ucciso 140 persone. Molti italiani non sono toccati dal terrorismo islamico, ma un esperto avverte del potenziale pericolo dell'Italia.

Anche l’Italia ha alzato il livello di allerta terrorismo questa settimana, dopo la Francia. Il motivo è che il gruppo terroristico Stato Islamico ha rivendicato l'attacco di sabato ad una sala da concerto in un sobborgo di Mosca.

Il Comitato nazionale per la pubblica sicurezza, presieduto dal ministro dell'Interno Matteo Piandosi, ha sottolineato che durante le vacanze di Pasqua in tutta Italia verranno rafforzate le misure antiterrorismo.

Ciò include un maggiore monitoraggio delle destinazioni di viaggio più popolari e dei “luoghi sensibili”.

Tuttavia, domenica il vice primo ministro e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha assicurato all'opinione pubblica che in Italia “non esiste alcun pericolo concreto”.

Le forze dell'ordine e la sicurezza del Paese sono in allerta per prevenire potenziali minacce.

In un'intervista con Euractiv, Claudio Bertolotti, esperto di terrorismo presso l'Istituto Internazionale di Studi Politici (ISPI) e direttore di Start InSight, ha sottolineato l'esperienza spesso trascurata dell'Italia in materia di terrorismo.

Dal 2014 in Italia si sono verificati dieci attacchi terroristici o atti di violenza ispirati dagli islamisti, ha affermato. Tuttavia, questi incidenti, per lo più senza successo, sono stati raramente riportati dai media. Ciò ha creato un falso senso di libertà dal terrorismo tra il pubblico.

Bertolotti ha anche detto che l'Italia rappresenta una minaccia minore rispetto a paesi come Francia, Germania, Regno Unito e Belgio. Questi sono più vulnerabili a causa della crescente radicalizzazione all’interno delle comunità musulmane.

READ  Peccati di vacanza! 10 cose da non fare in Italia

Ma la situazione in Italia potrebbe cambiare. Bertolotti si riferiva al gran numero di giovani italiani che hanno seguito l'appello dello Stato Islamico a combattere nella guerra civile in Siria nel giugno 2014.

Citando il rapporto sul terrorismo della sua organizzazione, Bertolotti ha anche sottolineato un aspetto interessante emerso soprattutto in Francia: l'aumento del numero di terroristi che compiono attentati entro pochi giorni o settimane dall'arrivo nei rispettivi paesi. La maggior parte di loro proviene dall'Italia.

Bertolotti nega anche che la minaccia in Europa sia aumentata solo dopo la strage di Mosca. Al contrario, rimane elevato.

Egli ritiene che esista uno schema in cui i principali attacchi terroristici sono spesso seguiti da attacchi secondari e meno infruttuosi. Questi periodi sono alimentati dall’attenzione dei media e dal seguito degli autori del reato e di solito durano otto giorni.

Secondo lo scienziato, il numero degli attacchi terroristici in Europa, solitamente tra i dieci e i quindici all'anno, non è diminuito. Tuttavia, la performance e l’attenzione dei media sono diminuite in modo significativo rispetto agli anni precedenti.

Questa tendenza ha portato lo Stato Islamico a rivendicare solo la responsabilità degli attacchi riusciti, ha detto Bertolotti.