Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le aziende considerano l’UE meno attraente come sede economica

Le aziende considerano l’UE meno attraente come sede economica

Molte imprese nel sud-ovest hanno un atteggiamento fondamentalmente positivo nei confronti dell’UE, ma la considerano meno attraente come sede commerciale rispetto a cinque anni fa. Su un punto in particolare c'è accordo.

Molte aziende nel sud-ovest hanno un atteggiamento positivo nei confronti dell’UE, ma vedono problemi con le condizioni dei siti. Lo dimostra il provvedimento della IHK per le elezioni europee, che l'Associazione delle Camere dell'Industria e del Commercio del Baden-Württemberg (BWIHK) ha valutato a favore dello Stato. Circa il 60% delle aziende intervistate ha affermato che negli ultimi cinque anni l’attrattiva della localizzazione nell’UE è diminuita. Le aziende industriali spesso la vedono in questo modo: quasi tre quarti di questo gruppo la pensano così.

Alla luce della forte concorrenza di Stati Uniti e Cina, l’Europa sta attualmente sprecando potenziale di crescita, secondo il vicepresidente della BWIHK Klaus Ball. Negli ultimi anni, l’UE si è occupata di molte normative minori e ha trascurato questioni importanti. “Nella prossima legislazione, la Commissione europea deve concentrarsi sulle aziende europee, rafforzarle e garantire che possano continuare a competere nella concorrenza internazionale in futuro”, ha affermato.

Pal: L’UE ha oltrepassato i suoi limiti normativi

Perché alcuni problemi a livello europeo sono causati da noi stessi. “L’UE ha superato la sua follia normativa”, ha detto Pal. Diverse edizioni possono essere buone concettualmente. “I conseguenti obblighi di documentazione e rendicontazione hanno raggiunto un punto in cui non sono più fattibili per le aziende”, ha affermato. Soprattutto le piccole e medie imprese di solito non hanno le risorse per conoscere e attuare le normative. Qui si perde tempo prezioso per il lavoro di base.

READ  Cambiamenti in Aldi, Lidl e Netto: cosa possono aspettarsi i clienti dei supermercati nel 2024

Ciò emerge anche dal sondaggio: secondo l'85% delle aziende del sud-ovest la burocrazia indebolisce l'attrattiva di una piazza economica europea. Quasi tutti credevano che la riduzione della burocrazia dovesse essere in cima alla lista delle priorità per la nuova Commissione europea. Dal punto di vista della maggior parte delle aziende, i progetti più urgenti dopo le elezioni europee di giugno riguardano l'approvvigionamento energetico sicuro e la protezione dagli attacchi digitali e analogici.

Il 62% ritiene che l'Unione Europea rappresenti un grande vantaggio per l'economia

Nonostante le critiche, l’Unione Europea è considerata un pilastro di sicurezza e stabilità politica per molte aziende. Il 62% ha affermato di considerare l'Unione Europea un grande vantaggio per le imprese e il commercio. Secondo Pal, le aziende ricordano valori condivisi, soprattutto in tempi di tensioni geopolitiche e tendenze antidemocratiche. Le aziende ritengono che una forte solidarietà sia importante per poter tenere il passo con la concorrenza globale. Consideravano particolarmente importanti una valuta comune, l’accesso ai mercati europei e la stabilità politica.

BWIHK è l'organizzazione ombrello delle dodici camere dell'industria e del commercio del paese. Delle 500 aziende del sud-ovest che hanno partecipato al sondaggio, circa 320 sono attive a livello internazionale.