Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Russia annuncia la morte di 200 persone dopo un attacco aereo

Secondo l’esercito, gli aerei russi hanno ucciso almeno 200 combattenti siriani. Il ministero della Difesa parla di “terroristi” – non ci sono conferme indipendenti.

L’esercito russo afferma di aver ucciso “circa 200 combattenti” in un attacco aereo in Siria. Oggi, lunedì, il ministero della Difesa russo ha annunciato sul sito Facebook che l’obiettivo era una base “terroristica” nella città nord-orientale di Palmyra. In diversi attentati, due “rifugi” sono stati distrutti.

Ha anche distrutto 24 veicoli equipaggiati con mitragliatrici pesanti e circa 500 chilogrammi di munizioni e materiali utilizzati nella produzione di esplosivi. Non è chiaro quando sia avvenuto esattamente l’attacco e quale gruppo sia stato colpito. La milizia jihadista è presente da tempo nella città desertica di Palmyra, con i suoi antichi siti Paese islamico (STOP. Le informazioni russe non possono essere verificate da una parte indipendente.

Guerra civile in Siria Da allora si è trasformato in un conflitto internazionale per procura che ha ucciso più di 387.000 persone. La Russia sostiene il presidente siriano Bashar al-Assad dal 2015. È vero che l’aviazione russa ha sospeso i principali bombardamenti circa un anno fa dopo un accordo. Tuttavia, ci sono sempre attacchi aerei.

READ  'Airlift' dell'Afghanistan: partecipazione dell'A400M da Wunstorf | NDR.de - Nachrichten - Bassa Sassonia