Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La malattia di Alzheimer si trasmette?  Esperto scettico

La malattia di Alzheimer si trasmette? Esperto scettico

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Il morbo di Alzheimer, una malattia che in precedenza non aveva cura, può essere trasmissibile. Questo è ciò che ha dimostrato lo studio attuale. Un esperto ritiene la valutazione “prematura”.

LONDRA – Il morbo di Alzheimer è una malattia insidiosa che danneggia il cervello delle persone molto prima che compaiano i primi segni della malattia. La proteina beta amiloide si ripiega in modo errato e forma grumi nel cervello. Questi piccoli accumuli tra i neuroni portano a perdite cognitive. Al momento non esiste una cura per questa malattia neurodegenerativa, ma sono stati compiuti progressi nello sviluppo di farmaci e trattamenti.

Un gruppo di ricerca dell'University College di Londra ha fatto una scoperta preoccupante: la malattia di Alzheimer può essere trasmissibile. Il gruppo di ricerca guidato dal neurologo John Collinge è giunto a questa conclusione dal loro lavoro Nella rivista specializzata Medicina naturale pubblicato era diventato. In questo articolo, Collinge e il suo team descrivono otto persone a cui è stato iniettato uno specifico ormone della crescita durante l'infanzia e che hanno sviluppato sintomi neurologici per la prima volta tra i 38 e i 55 anni.

La malattia di Alzheimer si trasmette? Il gruppo di ricerca sospettava l'ormone della crescita

Cinque di queste persone avevano sintomi di demenza e avevano già ricevuto una diagnosi di Alzheimer o ne soddisfacevano i criteri, ha detto uno di loro. avviso Studiare. Pertanto, un'altra persona soddisfaceva i criteri per il deterioramento cognitivo lieve. Poiché le persone erano insolitamente giovani quando hanno sviluppato i sintomi, il gruppo di ricerca sospetta che non si tratti della tipica malattia di Alzheimer Relativo all'età. La malattia di Alzheimer ereditaria è stata esclusa in cinque persone sulle quali i ricercatori hanno potuto condurre test genetici.

READ  Pandemia Corona: perché il contagio è già in aumento in estate?
Nella malattia di Alzheimer, la proteina beta amiloide è piegata in modo errato e si aggrega nel cervello. Piccoli accumuli si sviluppano tra le cellule nervose, portando al declino cognitivo. (Avatar) © IMAGO/Design Pics

Pertanto, il gruppo di ricerca si è concentrato sull’ormone della crescita che i pazienti ricevono durante l’infanzia. L'ormone della crescita (c-hGH) è stato ottenuto dal tessuto cerebrale di persone decedute ed è stato utilizzato per curare almeno 1.848 persone in Gran Bretagna tra il 1959 e il 1985. Tuttavia, quando si scoprì che alcune infusioni di ormone della crescita causavano la malattia di Creutzfeldt-Jakob, il farmaco fu sostituito con ormoni della crescita sintetici nel 1985.

Il leader dello studio chiarisce: l'HGH non verrà più utilizzato

In uno studio del 2018, i ricercatori sospettavano che le persone a cui era stato iniettato c-hGH contaminato che non avevano sviluppato la malattia di Creutzfeldt-Jakob avrebbero potuto successivamente sviluppare la malattia di Alzheimer. Questo è esattamente ciò che il team di ricerca di Cooling vuole mostrare. Tuttavia, il responsabile dello studio ha subito chiarito: “Non ci sono prove che la malattia di Alzheimer possa essere trasmessa da persona a persona durante le attività della vita quotidiana o durante le cure mediche di routine”.

Il coautore Jonathan Schott ha detto: “È difficile tornare al lavoro, ma è una persona che soffre del morbo di Alzheimer, ma non deve preoccuparsi di questo”. Collinge afferma che è necessario agire ora: “La conoscenza che la patologia amiloide-beta è stata trasmessa in questi rari casi dovrebbe spingerci a rivedere le misure per prevenire la trasmissione accidentale attraverso altre procedure mediche o chirurgiche al fine di evitare che tali casi vengano evitati in futuro. “

Studio sull'Alzheimer: è stato incluso solo un piccolo numero di persone

Michael Bex del Robert Koch Institute (RKI) di Berlino non è stato coinvolto nello studio. Lo considera “un importante studio pilota”, ma ha anche alcune riserve: “Tuttavia, le conclusioni dello studio sulla trasmissione del morbo di Alzheimer si basano solo su cinque pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia dopo tre o quattro decenni di trattamento”. Gli ormoni della crescita hanno causato la demenza.

READ  Il rischio è aumentato da alcune vitamine

“Due delle cinque persone avevano disabilità intellettiva fin dall'infanzia”, ​​ha continuato Bex, “che è associata ad un aumentato rischio di sviluppare demenza precoce.” Inoltre, non è “una prova neuropatologica conclusiva del morbo di Alzheimer”. Il mondo vorrebbe vedere di più. studi sull'argomento e sottolinea: “A mio avviso, sulla base dei dati attualmente riportati, sembra prematuro descrivere la sindrome clinica dei pazienti come malattia di Alzheimer iatrogena – cioè indotta da cure mediche – e quindi la malattia di Alzheimer è una malattia trasmissibile. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.