Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: polemica sul divieto di cassa integrazione – economia

Ci sono segnalazioni insolite dall’Italia. Vecchia lamentela sugli eterni freni alla crescita? Tacque. Tutto è diverso adesso. L’Italia è alle prese con un problema completamente nuovo: l’occupazione dovrebbe aumentare del sette per cento in estate. Si esclude anche l’effetto stagionale sul settore turistico nel terzo trimestre. Ma l’economia non ha dipendenti in molti luoghi: l’aumento sta arrivando e molte aziende non riescono a tenere il passo.

La situazione è disastrosa: le aziende cercano attivamente lavoratori per ripartire nell’industria, nel commercio, nella gastronomia e nel turismo. Tuttavia, la coalizione di governo sta discutendo da settimane sull’estensione del divieto di licenziamento, introdotto 15 mesi fa all’inizio dell’epidemia. Mentre il paese sta finalmente guadagnando slancio, la maggioranza dei partiti in tutto il mondo si oppone alla rimozione del blocco unico dello sconto. Secondo il premier Mario Draghi e il suo piano di sviluppo da 245 miliardi di dollari, le strutture legate al mercato del lavoro sono un altro ostacolo.

E se l’Italia non partisse dai blocchi di partenza? Se le aziende non sono in grado di assumere rapidamente un numero sufficiente di dipendenti, come dovrebbe agire immediatamente il Paese su incentivi agli investimenti senza precedenti? Le domande mascherano l’estasi che ha portato alla fine della crisi di stallo.

La partenza è finalmente arrivata. 560.000 nuove posizioni dovrebbero essere riempite nel mese di giugno; Il quindici per cento delle aziende italiane è attualmente alla ricerca di dipendenti. Ci saranno 1,3 milioni di posti vacanti nei tre mesi estivi fino ad agosto. “Le imprese provano a ripartire”, afferma un rapporto della Camera di commercio e industria italiana. Dopo il lavoro a breve termine, il divieto di licenziamento e la perdita di 945.000 posti di lavoro temporanei, il nodo si è rotto.

READ  Da Cabrini a Collovati: cosa aspettarsi dagli azzurri a questi Europei

I sindacati avvertono di una “bomba sociale”

La produzione industriale è aumentata per il quinto mese consecutivo ad aprile. Particolarmente piacevole: a febbraio 2020 ha superato i livelli pre-Corona. Particolarmente impressionante è l’aumento dei beni strumentali. “Questo è un segno che le aziende stanno reinvestendo e guardando al futuro”, ha affermato Enrico Carro, presidente di Confindustria, associazione di categoria con sede in Veneto.

Non così a Roma. Nella capitale i partiti faticano a trovare un compromesso per evitare che finisca l’imbalsamazione dell’economia. Il divieto di licenziamento, infatti, scade il 30 giugno dopo diverse proroghe. Tuttavia, i sindacati avvertono di una “bomba sociale” se le aziende possono adattare i lavoratori alle loro esigenze. Il segretario generale della Cgil, Marricio Landini, il più grande sindacato italiano, ha chiesto la proroga del congelamento almeno fino al 31 ottobre. Prima di allora, in Italia devono essere riformati i sussidi di disoccupazione. Il leader sindacale ha minacciato il governo con uno sciopero generale. Il capo del settore Carlo Bonomi, invece, ritiene che sia troppo tardi per revocare il divieto assoluto: “I dati economici mostrano che l’aumento è iniziato. Il divieto di licenziamento ha fatto il suo tempo”.

Come spesso accade in Italia, politica ed economia vivono in mondi separati. La coalizione di governo dell’ex capo dell’ECP Drake, che è stato convocato a Roma quattro mesi fa in disperato bisogno, sta combattendo l’assedio da settimane. I socialdemocratici stanno solo cercando di prolungare la crisi fino al 30 settembre. Il partito a cinque stelle chiede una proroga generale fino al 1 settembre, mentre il partito spaccato di sinistra LEU dovrebbe essere esteso fino al 31 ottobre. La Lega vuole limitare il divieto all’industria tessile gravemente colpita e Forza Italia ha fatto una campagna per la sua revoca. Un governo – cinque posti. Il riformatore Tracy avrebbe voluto dire addio al divieto.

READ  La squadra italiana è stata festeggiata con entusiasmo dai tifosi quando sono arrivati ​​a Roma

La Commissione Europea ritiene che questo regolamento sia controproducente

Nessun paese al mondo ha interferito così liberamente come l’Italia nella libertà imprenditoriale per mitigare le conseguenze sociali della crisi del Corona. La Commissione UE ha recentemente presentato un’analisi completa delle varie attività nei paesi membri. Risultato sorprendente: in Italia la perdita di posti di lavoro è stata superiore alla media UE. Perché la recessione ha colpito con forza i lavoratori a tempo pieno, soprattutto i giovani e le donne. Lo studio Ue conclude: il divieto italiano alla cassa integrazione avrà l’effetto opposto “perché impedisce l’adeguamento dei dipendenti nelle aziende”.

Tuttavia, è lecito chiedersi se il ritiro scatenerà un’ondata di licenziamenti di massa. L’Ufficio per gli affari economici del Parlamento romano stima che 70.000 lavoratori perderanno il lavoro in tutto il paese. La fine dell’assedio non dovrebbe “avere conseguenze negative, ma dovrebbe consentire ai dipendenti di cambiare di nuovo”, afferma il rapporto.

Prendiamo ad esempio il settore delle costruzioni: il settore ha avuto una crisi di undici anni che ha messo in ginocchio molte grandi aziende. Ora la marea di ordini alle aziende si sta rompendo. Prestigiosi sussidi per progetti di edilizia privata e miliardi europei per l’ammodernamento delle infrastrutture danno un grande impulso al settore. Grazie alla più recente riforma burocratica del governo, Gabriel Pua, presidente dell’Annes Building Association, si aspetta che il processo di approvazione venga notevolmente accelerato. “Abbiamo aspettato queste condizioni per anni”, dice Pua. Il dibattito sull’estensione del divieto di licenziamento gli sembra surreale. “Per sfruttare l’opportunità che ci viene data, dobbiamo aumentare il nostro personale”, afferma.

READ  Gli Stati Uniti vincono prima della partita tedesca: il Kazakistan sconfigge l'Italia

Anche dopo la crisi del secolo, l’Italia sembra ancora condizionata dalla vecchia riflessione. Si fa di tutto per mantenere i posti di lavoro esistenti invece di incoraggiarli a crearne di nuovi. La politica attiva dell’occupazione e le moderne strategie di formazione sono state ignorate. Lo squilibrio a lungo termine tra domanda e offerta è quindi peggiorato nel mercato del lavoro. Possono essere coperti solo 15 dei 100 posti vacanti. L’associazione turistica lamenta la carenza di 150.000 lavoratori stagionali. In un mondo di rapida accelerazione e virtualizzazione, la recessione italiana è sempre più dannosa. “Abbiamo difficoltà a trovare nuovi dipendenti”, afferma il produttore di ascensori Andrea Maspero. La sua azienda comasca, specializzata in prodotti personalizzati, da febbraio sta vivendo un vero e proprio boom di ordini e ha bisogno di più personale. Maspero vuole assumere subito dieci ingegneri. La sua ricerca finora è stata vana.

La situazione è destinata a peggiorare in futuro. L’esclusione della generazione più giovane dal mercato del lavoro e la carenza di manodopera qualificata rischia di trasformarla in un grave storpio per il cambiamento digitale e ambientale, che Tracy vuole pagare con 245 miliardi di euro entro il 2026.