Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pensioni in Germania: polemica sull’aumento – I pensionati ottengono i risultati migliori in Italia e Francia

  • diPatrick Freeva

    Vicino

Gli esperti avvertono che il sistema pensionistico tedesco può essere finanziato solo se l’età di ingresso viene ulteriormente aumentata. In altri paesi, i pensionati a volte sono i migliori.

BERLINO/MONACO DI BAVIERA – In Germania il dibattito sull’innalzamento dell’età pensionabile è in ebollizione, con il panel di esperti del governo federale o il Dipartimento di Economia (CDU) di Peter Altmeier che valutano di andare in pensione a 68 anni. Un nuovo studio prevede una situazione ancora peggiore e ritiene che sia necessaria un’azione drastica.

Tuttavia, ci sono buone ragioni per concentrarsi all’estero sulla terribile situazione per il sistema pensionistico tedesco creata dagli economisti: dopotutto, il bilancio tedesco non sovvenziona in alcun modo l’assicurazione pensionistica perché da tempo non soddisfa i requisiti.

I pensionati tedeschi sono indietro? “Finanziamento per sistemi pensionistici costosi in Europa meridionale”

Esistono forti differenze tra gli Stati membri dell’UE in termini di sicurezza dopo la vita lavorativa. Settimane fa, Bernd Rafaelhausen, professore all’Università di Friburgo, ha visitato Immagine Hanno parlato del sospetto che paesi come l’Italia o la Francia stessero mantenendo le loro pensioni più alte con i soldi degli aiuti tedeschi. Altrimenti questi paesi saranno costretti a cambiare i loro sistemi pensionistici.

L’insulto del controverso economista è massiccio – ma non è assurdo: “La Germania sta aiutando a finanziare le costose pensioni dei paesi dell’Europa meridionale attraverso sussidi”, crede fermamente il 63enne – aggiungendo un motivo in più: miliardi nel virus corona. Il programma di aiuti dell’UE pagherà molto per i necessari programmi di riforma, ma inserirà anche buchi finanziari nel sistema di welfare nazionale.

READ  I saltatori tedeschi sono solo al sesto posto in Italia

Questa richiesta è combinata con esempi di donazioni stilizzate all’Italia (65 miliardi) o alla Spagna (59 miliardi) – non sulla base di prestiti, ma sotto forma di mancato rimborso. Ad esempio, in molti paesi dell’Europa meridionale, le persone “lavorano a orari ridotti, quindi riscuotono la pensione per molto tempo”. E la tesi?

Se si confrontano i regimi pensionistici di alcuni paesi dell’UE, sembra che il popolo tedesco sia davvero in una posizione peggiore:

Germania: In Germania, l’età pensionabile legale viene gradualmente adeguata da 65 a 67; L’aliquota contributiva in Germania è attualmente del 18,6% (metà per azione di datore di lavoro e lavoratore). Secondo le stime dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) 2019, le pensioni rappresentano il 51,9% del reddito netto. L’orario di lavoro medio totale della popolazione è di 39,1 anni per la pensione.

Sistemi previdenziali in Italia, Francia e Co-op: Pensionamento in altri Paesi UE

Italia: Gli italiani possono aspettarsi la più alta percentuale di pensioni per tutti i cittadini dell’UE. Il 91,8 per cento dell’ultimo reddito netto viene trasferito ai pensionati, l’età di ingresso è relativamente bassa: dopo 35 anni di lavoro si ha diritto alla pensione completa. Si dice che l’orario di lavoro medio sia di 32,0 anni. Questo però ha i suoi svantaggi: i guadagni in carriera sono inferiori alla media, e gli italiani pagano anche un contributo pensionistico pari al 33 per cento dello stipendio, come Immagine Attiva. Due terzi di questo è preso dal dipendente.

Austria: Nel quartiere meridionale le persone vanno in pensione a 65 anni, ma in cambio ricevono molti soldi: in media, l’89,9 per cento del loro ultimo reddito guadagnato. Uno dei motivi è che l’Austria offre ai suoi pensionati un bonus festivo del 100% e un bonus natalizio del 100%. Il sistema pensionistico è considerato un modello tedesco per altri motivi: questi appelli non sono ancora stati ascoltati dal governo federale. Tuttavia, l’aliquota contributiva nella Repubblica alpina è elevata, con la maggior parte a carico del datore di lavoro.

READ  Il magico spettacolo del buco della serratura a Roma

Francia: C’è motivo di essere soddisfatti nel nostro quartiere sudoccidentale: il 73,6% dell’ultimo reddito è costituito dalle pensioni. I francesi lavorano generalmente 35,4 anni prima della pensione. Il sistema pensionistico in Francia è considerato liberale – il presidente Emmanuel Macron è consapevole di questa situazione. Tuttavia, nell’apportare cambiamenti, il capo dello stato ha da tempo creato opposizione tra la gente:

Sistemi pensionistici a confronto: cittadini tedeschi con anni di riferimento statisticamente inferiori

Secondo l’analisi, solo chi in Islanda ha bisogno di lavorare di più: si dice che vada in pensione solo dopo una media di 45,8 anni di ore lavorative. Tuttavia, rispetto alla Germania, il reddito è più alto: il 69,8 percento dello stipendio netto.

Per inciso, una dichiarazione domenica mondo: La durata media della mappa delle pensioni in Francia è di 22,7 anni per gli uomini e di 26,9 anni per le donne. La Spagna arriva a 21,7 (maschi) e 26,6 (femmine). E la Germania? Si stima che gli uomini ricevano la loro vita pensionabile 19,1 anni e le donne 22,5 anni prima. Solo in Svezia, secondo le statistiche, i pensionati possono godersi ancora meno la pensione: uomini 18 anni e donne 21,3 anni. (PF)

Elenco delle rubriche: © Kirschner-Media / Wedel tramite www.imago-images.de