Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: lo storico Johnson mette in guardia dal sottovalutare Georgia Meloni

Italia: lo storico Johnson mette in guardia dal sottovalutare Georgia Meloni

Quando Giorgia Meloni si è insediata alla guida del governo italiano, in molti paesi è suonato il campanello d’allarme. È a capo di un partito considerato postfascista. In effetti, Maloney non dovrebbe essere sottovalutato, afferma lo storico Christian Johnson. Rende molte cose “silenziose”.

In un certo senso è sorprendente che il primo ministro italiano Meloni sia politicamente più moderato di quanto inizialmente temuto, afferma Christian Johnson, ricercatore storico presso l'Università di Treviri. Ma la mentalità della nazione è cambiata, dice Johnson, anche se dall’esterno non sembra così.

“Non notiamo molte cose che accadono qui”, dice. Lo storico cita come esempio importante la gestione dei media. “Roy, l'emittente pubblica in Italia, è molto catturata dal partito della Meloni.”

Storico: Meloni e Ue dipendono l'una dall'altra

A Bruxelles Meloni partecipa alle decisioni perché dipende dal sostegno dell’Ue. Ma al contrario, c’è anche una dipendenza dall’Italia nell’Ue, come si vede nelle foto concilianti con la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. “Allo stesso tempo, ovviamente, il vento soffia nella loro direzione”, dice Johnson della Meloni. “Tutti i paesi dell'UE si sono più o meno orientati verso una rigorosa protezione contro i rifugiati”.

Spiega che i democristiani europei cercheranno di trascinare la Meloni nel campo moderato-conservatore. “Dubito che funzionerà. Ma in questo momento è una situazione vantaggiosa per entrambi.” Ma, ha detto il professore di storia, “ci sono chiaramente gruppi fascisti all'interno del campo di sostegno di Maloney e all'interno del suo partito”.

Johnson: “Chiari elementi fascisti nella politica di Maloney”

In alcune parti della popolazione italiana si può vedere “l'ininterrotta glorificazione di Mussolini”. Già sotto l’ex primo ministro Silvio Berlusconi c’era stato “un cambiamento nella politica della memoria” che Meloni sta ora portando avanti – verso la banalizzazione dell’antifascismo.

READ  L'Italia Swift ora esclude la Russia

Il primo ministro si è definito un “abachista” e dice di non aver nulla a che fare con tutto ciò. “Ma non dovremmo affidarci a lei e discutere troppo di questi termini”, afferma Johnson. “L'importante è che tipo di politica fa, se ci sono elementi fascisti in essa. Li vedo molto chiaramente.”