Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Il tipo di pietra che speravamo di trovare.”

“Il tipo di pietra che speravamo di trovare.”

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Su Marte, il rover Perseverance della NASA esamina una roccia dopo l'altra. L'ultima scoperta interessa i ricercatori sulla Terra.

PASADENA — Il rover Perseverance della NASA esplora il cratere Jezero su Marte da poco più di tre anni e ha già impressionato i ricercatori che hanno valutato più volte i suoi dati sulla Terra. Ma ora sembra che Perseverance abbia fatto una scoperta che supera le scoperte precedenti. “Molto semplicemente, questo è il tipo di roccia che speravamo di trovare quando abbiamo deciso di studiare il cratere Jezero”, afferma Ken Farley, scienziato del progetto Perseverance presso il California Institute of Technology di Pasadena.

L'analisi delle ultime rocce trovate dalla navicella spaziale Mars della NASA mostra che questa roccia era presente nell'acqua molto tempo fa, forse sulla riva dell'antico Marte. “Quasi tutti i minerali nelle rocce che abbiamo campionato si sono formati nell'acqua”, osserva Farley di uno di questi campioni. avviso Laboratorio di propulsione a reazione della NASA.

Il rover Perseverance della NASA fa un'importante scoperta su Marte

Sulla Terra, i minerali formati nell'acqua sono qualcosa di speciale, spiega il ricercatore: “Sulla Terra, i minerali depositati nell'acqua sono spesso bravi a trattenere e preservare la materia organica e le antiche firme biologiche, quindi è possibile che ci fosse la vita marziana primitiva”. tenerlo salvandolo? Almeno questa è la speranza degli scienziati sulla Terra. L'analisi della roccia dovrebbe anche fornire ai ricercatori informazioni sulle condizioni climatiche che esistevano su Marte quando si formò.

Prendi un rover della NASA
Il rover Perseverance della NASA sta prelevando un campione di roccia da Marte, il che entusiasma i ricercatori. © NASA/JPL, Caltech

Sandra Sellstrom, dell'Istituto di ricerca svedese (RISE) di Stoccolma, conferma che la pietra appena analizzata è probabilmente una delle pietre più antiche esaminate da Perseverance su Marte. “Questo è importante perché Marte era più abitabile all’inizio della sua storia”. Questo è un altro motivo per cui i ricercatori vogliono esaminarlo più da vicino.

La pietra di Marte potrebbe contenere tracce di vita passata

La dimensione della roccia da cui il rover marziano “Perseverance” ha prelevato il campione e lo ha analizzato è circa 1,7 volte la dimensione di un metro. Perché non è piatto, è meno polveroso dei suoi dintorni ed è più facile da studiare con gli strumenti del rover. Secondo la NASA, la roccia chiamata “Bunsen Peak” è costituita da tre quarti di granelli di carbonato tenuti insieme da biossido di silicio quasi puro.

“La silice e i frammenti di carbonato sembrano essere microcristalli e sono quindi particolarmente adatti a catturare e preservare segni di vita microbica che un tempo potrebbe aver vissuto in questo ambiente”, afferma Sellstrom. “Pertanto, questo campione è ideale per gli studi sulla firma biologica una volta restituito alla Terra”. Una firma biologica è una sostanza o struttura che potrebbe essere la prova della vita passata su Marte.

Il pianeta rosso Marte.  (immagine dell'icona)
Il pianeta rosso Marte. (Avatar) © LiaKoltyrina/Imago

Perseverance sta raccogliendo campioni da Marte per la NASA che verranno portati sulla Terra

Perseverance ha precedentemente raccolto 24 campioni da Marte e li ha depositati sul Pianeta Rosso per una futura campagna di ritorno (“Mars Sample Return”). Ventuno contenitori di campioni sono riempiti con campioni di trivellazione, due dei quali contengono regolite marziana (rocce frantumate e polvere) e la navicella spaziale della NASA ha catturato parte dell'atmosfera marziana in uno di essi. Ma se e quando i campioni di Marte verranno restituiti alla Terra per ulteriori analisi è attualmente discutibile. Dopo che una commissione ha ritenuto che i piani di ritorno della NASA fossero troppo costosi e complicati, l'agenzia spaziale americana sta attualmente lavorando a un nuovo piano.

“Riportare campioni su Marte sarà una delle missioni più complesse che la NASA abbia mai intrapreso”, ha affermato Bill Nelson, CEO della NASA. In un messaggio. “Atterrare in sicurezza, raccogliere campioni, lanciare un razzo che trasporta campioni da un altro pianeta – qualcosa che non è mai stato fatto prima – e trasportare in sicurezza campioni per più di 33 milioni di miglia sulla Terra non è un compito facile”. (fattura non pagata)

READ  La navicella New Horizons supera le 50 unità astronomiche: la navicella spaziale della NASA raggiunge una distanza specificata e acquisisce un'immagine della Voyager 1