Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il telescopio James Webb scopre: la stella Kita ai margini di un buco nero  Vita e conoscenza

Il telescopio James Webb scopre: la stella Kita ai margini di un buco nero Vita e conoscenza

Un nuovo studio trova un asilo speciale che non dovrebbe esserlo. Un ammasso stellare chiamato IRS13 è stato esaminato al centro della Via Lattea.

Ce n’è uno gigante e supermassiccio laggiù Buco nero. La radiazione e le forze gravitazionali sono enormi. Il modo in cui si formano nuove stelle in questa regione della nostra galassia è un paradosso che lascia perplessi gli astronomi da decenni.

Centro diurno stellare

In questa regione sono state osservate ripetutamente stelle straordinariamente giovani. L’ammasso IRS13 è stato scoperto circa 20 anni fa.

Ora gli scienziati dell’Istituto di Astrofisica dell’Università di Colonia hanno iniziato a determinare l’età esatta dell’ammasso stellare. Per fare ciò, hanno combinato i dati di Telescopio spaziale James Webb E altri telescopi.

Il risultato: alcune delle stelle esaminate hanno solo 100.000 anni – su scala galattica, sono appena nate! Per fare un confronto: l’età del Sole è di 4,6 miliardi di anni. La Via Lattea ha 13,6 miliardi di anni.

Ciò che distingue il risultato è che all’interno dello stesso ammasso sono state identificate stelle di generazioni diverse. Questa è la prima volta che ciò è possibile vicino a un buco nero, ha affermato Florian Biesker, autore principale dello studio. Gli astronomi hanno scoperto sia stelle appena formate che stelle più vecchie che assomigliano al nostro Sole.

Questa osservazione ha portato alla nascita di una nuova teoria per risolvere il mistero che circonda le giovani stelle. Gli scienziati hanno trovato prove che le stelle più antiche di IRS13 si sono formate lontano dal centro della galassia.

READ  Questi alimenti e sostanze nutritive sono particolarmente salutari per il tuo cervello

Quando l’ammasso si avvicina al campo gravitazionale del buco nero, è probabile che si formi la cosiddetta onda d’urto ad arco. Potrebbe essere così La polvere si accumula tra le galassie e alla fine forma nuove stelle.

Ciò è indicato anche da segni di ghiaccio d’acqua vicino all’IRS13. Per i ricercatori, questa è un’altra firma delle stelle in erba.

Lo studio è stato pubblicato il 10 ottobre in “ Rivista astronomica“Pubblicato.