Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il sequestro della Crimea nel 2014: si dice che il Cremlino stia pianificando l’annessione di Donetsk e Luhansk

Ingestione come in Crimea 2014
Il Cremlino prevede di annettere Donetsk e Luhansk

Secondo stime Usa, la Russia vuole annettere le autoproclamate “repubbliche popolari” in Ucraina il prima possibile. Per legittimare ciò, devono essere condotti referendum. Il Pentagono presume che il Cremlino manipolerà i risultati del voto.

Secondo le stime statunitensi, la Russia vuole annettere nel prossimo futuro le “repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale. L’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, Michael Carpenter, ha dichiarato lunedì che la Russia potrebbe voler tenere referendum truccati a metà maggio per unirsi alle due regioni separatiste del Donbas.

Un approccio simile è stato pianificato nella regione di Cherson, nell’Ucraina meridionale, ora controllata dalla Russia, dove Mosca vuole già forzare l’uso del rublo come valuta. Carpenter ha sottolineato che tali falsi referendum “non sono considerati legittimi”, come il referendum sull’annessione della Crimea all’Ucraina nel 2014.

Riferendosi alla credibilità dell’intelligence statunitense sui piani della Russia, l’ambasciatore ha affermato di trovarli “altamente credibili”. “Purtroppo, avevamo più ragione che torto nel rivelare (alla Russia) i prossimi passi”. Settimane prima dell’inizio della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina, gli Stati Uniti hanno avvertito urgentemente del pericolo che le forze russe invadano il paese vicino. Pertanto, Washington è stata accolta con scetticismo dagli alleati occidentali.

Le forze russe fanno “piccoli” progressi nel Donbass

Il 21 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia avrebbe riconosciuto le repubbliche separatiste di Luhansk e Donetsk. Tre giorni dopo, il 24 febbraio, iniziò la guerra di aggressione russa contro l’Ucraina. Dopo un tentativo fallito di rovesciare il governo di Kiev, l’esercito russo si sta concentrando sull’Ucraina meridionale e orientale.

Secondo un rappresentante del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il capo di stato maggiore russo Valery Gerasimov ha visitato il Donbass la scorsa settimana. È rimasto lì per “diversi giorni”, ma ora è probabilmente tornato in Russia. Il funzionario del Pentagono non ha potuto confermare le notizie secondo cui Gerasimov è stato ferito in un attacco ucraino.

In precedenza, rapporti che citavano funzionari ucraini affermavano che l’esercito ucraino aveva bombardato un centro di comando russo nella città di Izyum, a sud di Kharkiv. Gerasimov ha incontrato i leader russi lì. Sembra che abbia già lasciato la scena al momento dell’attacco ucraino.

Lunedì, un funzionario del Pentagono ha detto che la Russia stava facendo “piccoli” progressi nel Donbass. In questo modo, i soldati russi hanno preso il controllo dei singoli villaggi, ma poi hanno perso nuovamente il controllo a favore dell’esercito ucraino.

READ  venerdì 10 dicembre 2021