Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il sale interrompe la produzione di energia delle cellule immunitarie – anche un pasto ricco di sale può rallentare i fagociti nel sistema immunitario

L’effetto nascosto: uno studio ha dimostrato che un’eccessiva assunzione di sale sembra sopprimere la funzione dei mitocondri, le centrali elettriche delle cellule. Questo effetto porta a una mancanza di energia, che altera la reazione dei macrofagi nel nostro sangue e può portare a infiammazioni. Sorprendentemente: anche un pasto salato è sufficiente per innescare questa reazione, ma fortunatamente questo effetto non dura a lungo

Il sale è vitale per noi, ecco perché lo è Voglia di qualcosa di salato Trincerato nelle nostre profondità. Ma ora è chiaro che troppo cloruro di sodio può essere dannoso per la nostra salute. In alcune persone, aumenta la pressione sanguigna, non importa quanto possibile Cardiopatia Boost e forse anche quello memoria danno. Gli studi dimostrano anche che un elevato consumo di sale è anche la fonte del nostro consumo sistema immunitario Problema uditivo.

Mancanza di energia cellulare a causa di una rottura della catena respiratoria

Sabrina Geisberger del Max Delbrück Center for Molecular Medicine (MDC) di Berlino ha ora studiato più in dettaglio cosa c’è dietro l’effetto del sale sul sistema immunitario. In precedenza avevano scoperto che l’aumento delle concentrazioni di sodio nel sangue influisce sull’attivazione e sulla funzione dei monociti, che sono le cellule primarie dei macrofagi. “Ma non sapevamo esattamente cosa stesse succedendo nel dungeon”, dice Geisberger. Per scoprirlo, il team ha analizzato il metabolismo delle cellule immunitarie tenendole in soluzioni nutritive con un alto contenuto di sale.

Risultato: dopo appena tre ore con l’aumento dei livelli di sale, sono stati osservati cambiamenti misurabili nelle cellule. “La catena respiratoria è intermittente: le cellule producono meno ATP e usano meno ossigeno”, spiega Jaisberger. L’adenosina trifosfato (ATP) è la risorsa energetica globale per tutte le cellule e costituisce la base per la sintesi di proteine ​​e altre molecole. L’ATP è prodotto nei mitocondri, le “centrali elettriche” della cellula.

READ  Diabete: l'ora della colazione influisce sul rischio - quando mangi il tuo primo pasto

Come i ricercatori hanno scoperto nei loro test, l’eccesso di sale smorza un passaggio critico nella produzione di ATP mitocondriale. “Il sale da cucina inibisce specificamente il complesso II della catena respiratoria”, riferisce Geisberger.

Fagociti invertiti

Ciò ha delle conseguenze: come hanno dimostrato ulteriori esperimenti, la mancanza di energia associata al sale influisce sulla maturazione dei monociti e quindi altera la funzione dei fagociti formati da essi. “I macrofagi, la cui missione è rilevare ed eliminare gli agenti patogeni nel corpo, possono, da un lato, combattere meglio gli agenti patogeni”, spiega Dominic Muller, collega di Geisberger. “Da un lato, i processi infiammatori possono essere migliorati, il che in determinate circostanze aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari”.

In uno studio clinico, i ricercatori hanno studiato se e quanto pronunciati gli effetti del sale in eccesso apparissero negli esseri umani. A tale scopo, ai maschi sani sono stati somministrati sei grammi di sale da cucina al giorno in compresse di sale per due settimane in aggiunta al cibo normale. In un secondo esperimento, il team ha testato gli effetti di una tipica condizione quotidiana: mangiare la pizza. Di solito contiene circa dieci grammi di sale, molto di più della dose giornaliera raccomandata di 5-6 grammi di sale. Quindi i ricercatori hanno analizzato lo stato dei monociti dei soggetti.

L’effetto può essere misurato dopo aver mangiato la pizza

Risulta che l’effetto calmante sui mitocondri non era evidente solo nell’aumento a lungo termine dell’assunzione di sale, ma anche dopo aver mangiato una pizza. Tre ore dopo il pasto, l’apparente mancanza di energia era misurabile nei monociti dei soggetti del test. Tuttavia, questo effetto non è durato ed è scomparso dopo otto ore. Quindi l’attività mitocondriale non è inibita in modo permanente.

READ  I Paesi Bassi riaprono i battenti nonostante si sia verificato un evento massiccio: i medici avvertono del `` codice nero ''

“Va bene. Perché se c’è un’interruzione a lungo termine, ci si deve preoccupare che le cellule forniscano energia solo in misura limitata a lungo termine”, dice Mueller. Tuttavia, gli effetti dell’accumulo non possono essere esclusi quando le persone mangiano pasti molto salati più volte al giorno.

Piccola molecola – effetto di vasta portata

“Il risultato principale del nostro studio è che una piccola molecola come uno ione sodio può inibire un enzima molto centrale nella catena respiratoria in modo molto efficiente”, afferma il coautore Stefan Kemba di MDC. “Quando questi ioni fluiscono nei mitocondri – e lo fanno in diverse condizioni fisiologiche – regolano il punto centrale della catena di trasporto degli elettroni”. Sembra essere un meccanismo di regolazione molto basilare per la cellula.

Ora dovrebbe essere studiato se questo meccanismo può essere influenzato anche dal sale in altri tipi di cellule. Perché i mitocondri non si trovano solo nelle cellule immunitarie, ma – ad eccezione dei globuli rossi – in ogni cellula del corpo. Un numero particolarmente elevato di persone si siede dove viene utilizzata molta energia: nei muscoli, nei nervi, nelle cellule sensoriali e nelle cellule uovo.

Viene confermato l’effetto immunitario del sale

Secondo i ricercatori, i loro risultati confermano che un consumo eccessivo di sale può anche indebolire il sistema immunitario. Naturalmente, prima pensi ai rischi di sviluppare malattie cardiovascolari. Tuttavia, diversi studi hanno ora dimostrato che il sale può influenzare le cellule immunitarie in diversi modi. Il coautore Markus Kleinewietfeld dell’Istituto fiammingo di biotecnologia (VIB) afferma: Se questo meccanismo cellulare di base viene interrotto a lungo termine, potrebbe avere effetti negativi.

READ  La "più grande esplosione dal Big Bang" può essere avvertita anche sulla Terra

I macrofagi nel sistema immunitario sembrano essere ancora attivi contro i batteri sotto l’influenza del sale, ma allo stesso tempo aumenta il loro effetto pro-infiammatorio. “E ‘possibile che malattie infiammatorie dei vasi sanguigni e delle articolazioni o malattie autoimmuni possano essere promosse come risultato”, ha detto Kleinfeetfeld. (Distacco, 2021; Doi: 10.1161 / CIRCULATIONAHA.120.052788)

Fonte: Max Delbrück Center for Molecular Medicine presso l’Associazione Helmholtz