Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Alla scoperta di un buco nero vicino alla Terra: i ricercatori lo chiamano “rinoceronte”

  • A partire dalTania Banner

    Vicino

Il più piccolo buco nero conosciuto è chiamato “rinoceronte” dai ricercatori. Non è lontano dalla Terra – in dimensioni astronomiche.

I ricercatori degli Stati Uniti d’America hanno scoperto il più piccolo buco nero conosciuto. Il buco nero, che i ricercatori hanno chiamato “unicorno”, contiene circa tre masse solari ed è a soli 1.500 anni luce dalla Terra, e si trova nella Via Lattea. È insolito dare un nome a un buco nero, ma in questo caso i motivi sono due: è unico – un vero “unicorno” e si trova nella costellazione del Monoceros – in inglese: il rinoceronte. Finora, non esiste un buco nero conosciuto più vicino alla Terra di un “rinoceronte”. Tuttavia, non c’è pericolo sulla Terra. Finora, è stato trovato solo un piccolo numero di buchi neri che hanno una massa così piccola come il buco nero nella costellazione “Unicorn”.

Il buco nero sembra accompagnare la cosiddetta gigante rossa chiamata V723 Mon, cioè ad esso collegata per gravità. I ricercatori non possono essere completamente sicuri perché non possono vedere un buco nero. La luce viene assorbita dai buchi neri e non può essere resa direttamente visibile nemmeno con i più diversi strumenti astronomici. Ma il buco nero ha rivelato una cosa: il comportamento della sua stella compagna. V723 Mon è già stata osservata da molti telescopi – incluso il telescopio spaziale della NASA “TESS” – ed è una nota stella variabile con luminosità fluttuante. I dati sono a disposizione dei ricercatori, ma non sono ancora stati analizzati come ha fatto il team guidato dal ricercatore Tharindu Jayasinghe della Ohio State University.

READ  Vitamina D nella ricerca sul cancro: 30.000 decessi in meno

Buco nero “rinoceronte” vicino alla Terra: i ricercatori lo hanno trovato in base alla deformazione delle maree

“Quando abbiamo esaminato i dati, il buco nero è apparso letteralmente”, afferma Jayasinghe, autore principale dello studio. Pubblicato nella rivista “Monthly Notice of the Royal Astronomical Society”. Diventare. I dati hanno mostrato che qualcosa “ha tirato” la gigante rossa e ha cambiato la sua forma. Questo effetto è chiamato “distorsione delle maree” ed è presente anche sulla Terra. “Proprio come l’attrazione gravitazionale della luna muove gli oceani, amplificandoli verso la luna e creando una marea, così un buco nero deforma la stella in un pallone da calcio”, spiega Todd Thompson, coautore dello studio. La spiegazione più semplice per questo fenomeno che i ricercatori hanno trovato nei dati è un buco nero: “in questo caso, la spiegazione più semplice è la soluzione più probabile”, afferma Thompson.

Ricerca sui buchi neri: quanto è piccolo un buco nero?

I ricercatori sono stati in grado di determinare la massa del buco nero dalla velocità e dal tempo orbitale della stella gigante rossa e dal modo in cui la forza delle maree l’ha distorta. Il “rinoceronte nero” pesa tre volte la massa del Sole, e quindi rientra nella categoria dei buchi neri che gli astronomi hanno recentemente ipotizzato esistano. L’esistenza di un buco nero “The Unicorn” è già stata dimostrata. Confermato da una seconda misurazione indipendente dal Giappone.

Dopo aver trovato il primo di questi minuscoli buchi neri, il coautore Thompson ritiene che ci saranno altre scoperte nei prossimi anni. “Penso che il campo si stia muovendo in questa direzione. Vogliamo determinare quanti buchi neri di massa bassa, media e alta ci sono”, spiega Thompson, “Ogni volta che ne trovi uno, c’è un’indicazione di quali stelle stanno collassando, quali esplodono e quali cadono nel mezzo. “. L’obiettivo dei ricercatori è scoprire quale massa una stella che collassa si trasforma in un buco nero e quando invece collassa in una stella di neutroni.

READ  La splendida immagine dallo spazio mostra la formazione di un giovane pianeta

I ricercatori hanno recentemente acquisito campi magnetici con l’aiuto dell’Event Horizon Telescope. A proposito di un buco nero nella galassia M87* Rendilo visibile. (Tania Banner) * fr.de vista da IPPEN.MEDIA.