Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

SNB-Präsident Jordan: Starker Franken hat Inflation begrenzt - aber schmerzhaft für Unternehmen

Il presidente della Banca centrale svizzera Jordan: Il franco forte ha portato a un'inflazione limitata, ma è dolorosa per le aziende 21/02/24

• Il tasso d'inflazione è recentemente diminuito grazie alla forza del franco svizzero
• La forza del franco pone sfide alle aziende svizzere
• La Banca Centrale Svizzera tace sulla sua strategia di intervento sui mercati valutari

Il tasso di inflazione della Svizzera è sceso dall'1,7% di dicembre all'1,3% di gennaio e si trova quindi nell'intervallo obiettivo della Banca nazionale svizzera dall'ultimo aumento dei tassi di interesse nel giugno 2023. Ciò è anche merito del franco svizzero forte. “L'apprezzamento nominale del franco ha portato ad un calo dell'inflazione”, ha detto a metà febbraio Thomas Jordan, capo della Banca centrale svizzera, secondo “SWI swissinfo.ch” in occasione di un evento bancario nel sud della Svizzera.

annuncio

Vuoi fare trading sulle valute? La nostra guida ti fornisce suggerimenti per il trading sul Forex.
Cambio di valuta

La Banca nazionale svizzera non partecipa all’apprezzamento del franco. La Banca nazionale svizzera ha lasciato salire il valore del franco con l'obiettivo di combattere l'inflazione e, secondo “SWI swissinfo.ch” e secondo i dati attualmente disponibili, potrebbe effettivamente intervenire sul mercato dei cambi almeno fino a settembre in per rafforzare il franco. Resta però da vedere se saranno soddisfatti della continua forza del franco. Secondo “awp” la Giordania recentemente non ha voluto commentare se a causa della forza del franco si siano verificati nuovamente interventi sul cambio. Tuttavia, secondo UBS, al momento non vi sono segnali che la BNS stia nuovamente deprezzando il franco acquistando valute estere. Tuttavia, secondo un esperto della Deutsche Bank, la fine degli acquisti di sostegno è almeno in vista. “Sarà […] “La Banca centrale svizzera probabilmente porrà presto fine ai suoi interventi sul mercato dei cambi, che dovrebbero consentire l'apprezzamento del franco svizzero e quindi frenare l'inflazione”, ha scritto il dottor Ulrich Stefan, capo stratega degli investimenti per clienti privati ​​e aziendali presso la Banca centrale svizzera. banca. Deutsche Bank, in un comunicato stampa all'inizio della settimana da parte della banca. Si ritiene addirittura che la Banca nazionale svizzera potrebbe essere la prima banca centrale di un paese del G10 ad iniziare a tagliare i tassi di interesse. I mercati dei futures sui tassi d'interesse stimeranno il potenziale dei tassi d'interesse A marzo la banca centrale svizzera ha tagliato i tassi d'interesse del 70%, scrive Stefan.

READ  Il produttore avverte di possibili reazioni allergiche

Giordania in relazione all’industria locale dell’export

Se da un lato l’apprezzamento del franco è utile per combattere l’inflazione, dall’altro danneggia le imprese locali, perché un franco forte rende i loro prodotti più costosi sul mercato globale. “La stima reale era molto più bassa [als die nominale Aufwertung; Anm. d. Red.]Ma nel 2023 il franco si è apprezzato anche in termini reali. Questo è doloroso e le aziende lo avvertono», ha ammesso Jordaens durante l’evento bancario, secondo SWI swissinfo.ch.

Il presidente della Banca centrale svizzera aveva già espresso in precedenza la sua ammirazione per le imprese locali alla luce della difficile situazione attuale. “Ho un grande rispetto per il fatto che l'industria dell'esportazione riesce sempre a rimanere competitiva”, ha detto Jordan, secondo quanto riportato dal quotidiano “AWP” a fine gennaio. Tuttavia, le difficoltà incontrate dal settore non sono dovute solo al tasso di cambio, ma soprattutto anche alla debolezza dell’economia internazionale.

Tuttavia, la Giordania è rimasta ottimista riguardo all’economia locale. “Gli economisti sono fiduciosi che non ci sarà alcuna recessione – e lo siamo anche noi, altrimenti ci aspettiamo una recessione”, ha dichiarato a metà febbraio per SWI swissinfo.ch. “Quindi nessuna recessione, solo una crescita debole”. Tuttavia, secondo il sito di notizie, il presidente della BNS prevede che l’inflazione potrebbe aumentare nuovamente a causa di effetti di secondo impatto e si avvicinerà al limite superiore del corridoio obiettivo, che è del 2%, nel 2024. Tuttavia, difficilmente supererà questo valore. segnalo al momento..

Redazione di Finanzan.ch